venerdì 2 marzo 2012

Energia paterna?

Questa sera pochi minuti prima delle otto Sofia era più addormentata che sveglia. Mentre il taxi sul quale stavo tornando a casa entrava nella via dove abitiamo Sofia stava chiudendo gli occhi abbracciata a mamma Anette, che, sentito che stavo entrando, le ha chiesto se volesse scendere a salutarmi. Lei però era stanca e le ha detto di no. 

Poi deve averci ripensato, ed a passettini sonnolenti è arrivata alle scale dove l'ho incontrata. A quel punto l'espressione sonnolenta si è tramutata in un sorriso solare. Bacetti, abbracci, la voglia di giocare insieme. 

Nel giro di cinque minuti la stanchezza era sparita. Ha voluto ballare, farmi mangiare le frittelle fatte da mamma Anette, farsi leggere Barbapapà, fare insieme quattro puzzle, farmi vedere che ha imparato i colori rosso, blu, verde e giallo. 

È crollata alle 21.30  :-)

3 commenti:

  1. Beh, da quanti giorni siete tornati? Ha ancora da recuperare!
    Roberta

    RispondiElimina
  2. l'energia dei bimbi mi stupisce sempre!

    RispondiElimina