martedì 30 agosto 2016

Eleonora cresce

Eleonora cresce. Quasi a vista d'occhio. Cresce nel modo di fare, di vestirsi, di parlare.
C'è un giorno alla settimana in cui le sue lezioni iniziano alle 8:40.Quelle di Sofia sempre alle 8. Quel giorno quindi lei può dormire un po' di più ed è l'ultima a uscire di casa, quando io e Anette siamo già al lavoro e Sofia è a scuola.

Ieri è arrivata a casa un po' prima dal doposcuola. Le ho mandato un messaggio chiedendole se voleva che andassimo a correre insieme. Ha risposto di si. Quando sono arrivato stava preparando la merenda per se e per Sofia mentre ballava al ritmo di musica ad alto volume. Non manca tanto ai suoi 11 anni, e sembra proprio che l'adolescenza si avvicini a falcate quasi ampie e veloci quanto quelle che fa quando corre.

Cresce anche nella velocità a fare le battute. Questa sera io e Sofia siamo andati a prendere da mangiare al take-out tailandese. Una volta a casa ci hanno chiesto se avessimo preso le bacchette, cosa che di solito fa Sofia. Io ho risposto che "Chi doveva prendere le bacchette probabilmente non ci aveva pensato perché invece aveva trovato più interessante mettersi su uno sgabello a guardare il personale che cucinava". Ed Eleonora, prontamente: "Papà, ma perché eri sullo sgabello??"

lunedì 29 agosto 2016

Felicità è un compito a casa

Sofia oggi ha avuto il suo primo compito a casa, combinazione svedese/materie orientate alla società.
La cosa l'ha fatta sentire una bambina molto grande.
Era raggiante.

Eleonora ha detto: "Stai tranquillo papà, le passerà presto".

domenica 28 agosto 2016

Realtà virtuale

Al centro commerciale Eleonora ha potuto provare la nuova generazione dei videogiochi in realtà virtuale. "Armata" di visore e controlli ha sperimentato sia un programma che permette di disegnare in tre
dimensioni, che un videogioco nel quale bisognava tirare con l'arco. L'effetto partecipazione è completo, si è immersi e si diventa tutt'uno con il gioco. Divertente per chi partecipa... e per chi guarda quello che gioca!

Nota: Il gioco dell'arco l'ho provato anche io. È spettacolare!

sabato 27 agosto 2016

Primo allenamento con evento

Oggi sono ricominciati gli allenamenti di pallavolo. Con una novità: ha iniziato a giocare anche Sofia, che dice di essersi divertita molto.

Per il primo allenamento dopo le vacanze la società ha organizzato un piccolo evento. Tutte le squadre si sono allenate insieme, pranzato insieme nei giardinetti di fianco all'impianto, e poi c'è stata la lezione di una atleta, fresca di Ironman, che ha prima parlato di sport e alimentazione, e poi diretto un allenamento di esercizi ad alta intensità, di quelli che in una ventina di minuti di fanno sudare come due ore in sauna.
Allenamento al quale ha fatto partecipare anche i genitori.

giovedì 25 agosto 2016

Scuola divertente - Il cappello magico

Sofia oggi ci ha raccontato che la sua maestra ha un cappello magico: quando lo indossa inizia a parlare inglese. Capisce se qualche bambino le risponde in svedese, ma dalla sua bocca escono solo parole in inglese. Poi, quando se lo toglie, ritorna a parlare svedese.

Ci ha poi raccontato che a matematica hanno fatto la retta dei numeri reali. L'hanno disegnata sul pavimento e si sono divertiti a saltare calcolando quante tacche dovevano saltare in lungo per ad esempio fare 1 + 4, o di quante dovevano saltare per passare da 2 a 5.


mercoledì 24 agosto 2016

Biscotti

A Eleonora piace fare i biscotti. La sua ricetta semplice è quella di un biscotto di pasta frolla che rimane leggermente morbido all'interno. Mangiarli è quasi come mangiare la pasta di biscotto "cookie dough" del gelato Häagen Dazs.

Da un paio di giorni ha deciso di sperimentare variazioni del biscotto di base. La prima volta ne ha fatta una versione aggiungendo scagliette di cioccolato. Questa sera ha aggiunto all'impasto un paio di cucchiai di burro di noccioline. Sono venuti squisiti.

Vediamo quale sarà la sua prossima variazione...

martedì 23 agosto 2016

Far vedere agli ospiti una parte della vita svedese

Quest'estate Eleonora ha fatto delle belle amicizie alla alla scuola di vela. Una delle amiche ha l'età di Sofia, e mentre Eleonora condivideva con lei scuffiate, boline e nodi, io e Sofia abbiamo giocato e fatto passeggiate con la sorellina di questa compagna di corso. I nostri racconti devono aver fatto della buona pubblicità alla Svezia, visto che la mamma di queste due bambine ha deciso di fare qui una parte della vacanza. Il loro tour prevede Stoccolma, il mondo di Astrid Lindgren (parco a tema, molto carino, nella regione dello Småland) e Kolmården, un giardino zoologico veramente splendido. C'eravamo quindi messi d'accordo che la prima notte le avremmo ospitate noi.
Chiaramente, per legge di Murphy, giovedì scorso ci è arrivata la comunicazione che la prima gara di orientamento del dopo vacanze era stasera, giorno di arrivo delle amiche.
Abbiamo deciso quindi di chieder loro se avessero voglia di provare a fare orienteering, idea che le ha incuriosite. Così una volta atterrate ci hanno raggiunto nel bosco dove c'era la gara.
Tutti armati di mappa e bussola:
- Eleonora ha fatto il suo percorso da sola.
- Anette e Sofia hanno preso con sé la sorella maggiore e hanno fatto il percorso di Sofia.
-Io ho portato la mamma e la bambina più piccola nel percorso di "inserimento" (quello dove se sbagli strada c'è un cartello con la faccina triste e se scegli quello giusto trovi la faccina allegra).
Come primo giorno in Svezia mi sa che abbiamo mostrato loro qualcosa che pochi turisti vedono.

lunedì 22 agosto 2016

Love hurts...

Quando sono tornato dal lavoro Sofia era in strada a giocare: lei con il monopattino e il figlio dei vicini in bici. Facevano a gara a chi fosse più veloce, sotto il giudizio inflessibile del fratellino di lui.
Ho notato che Sofia aveva due bei cerottoni sui gomiti.

Spiegazione di Sofia:
"Ehm...papà...sai...ti ricordi quel bambino che andava al mio stesso asilo... quello che ha un anno meno di me... ecco, lui adesso ha iniziato förskoleklassen (l'anno di prescuola), e abbiamo il doposcuola insieme... e allora abbiamo fatto il gioco che facevamo sempre all'asilo... quello che lui mi insegue e alla fine ci abbracciamo... perché lui mi piace e io piaccio a lui... quindi lui oggi mi inseguiva, solo che poi lui per sbaglio mi ha fatto lo sgambetto e sono caduta!"

domenica 21 agosto 2016

Niente telefonino

Questa sera ho comunicato che stavo andando a fare la spesa. Eleonora mi ha detto di aspettarla e dopo un paio di minuti era sulla porta con me. Mentre camminavamo verso il supermercato le ho chiesto se stesse cercando di accumulare chilometri per far schiudere le uova del suo Pokemon Go. A quel punto lei mi ha detto che non aveva nemmeno preso il telefonino, aveva proprio voglia di fare la spesa con me e di chiacchierare con me durante tutto il tempo. Non ha nemmeno voluto comprare "schifezze" (vabbè... una nel carrello c'è entrata... ma una sola), aveva solo tanta voglia di parlare.

sabato 20 agosto 2016

Cresce anche nel linguaggio

Eleonora, che ogni giorno è un giorno più vicina all'adolescenza, lo mostra anche nel linguaggio. Ad esempio quando va dagli amici. Una volta andava a "leka" (che, assieme a "spela" è il verbo "giocare" e viene usato molto dai bambini). Adesso usa altre espressioni.
A sentirla parlare si sente che vuole crescere.

venerdì 19 agosto 2016

Prima di whatsapp

C'era un tempo in cui non c'erano le app che ti informavano che il messaggio era stato ricevuto ed era stato letto.
Adesso invece lo vedi proprio quando tua figlia ha letto ciò che le hai scritto, ma non ti risponde. Non ti dà nessun tipo di segnale per un bel po'. Neanche un monosillabo.
"È segno che è impegnata e/o si diverte" pensi tu.

E infatti poi ti arrivano le notizie:
- è arrivata prima nella prova di memorizzazione della mappa (si guarda dov'è il prossimo controllo e poi ci si va senza più avere la mappa)
- ha fatto la prova in notturna
- ha fatto il bagno nell'acqua gelida del laghetto
- hanno mangiato un sacco di dolci

Alla fine ha persino chiamato per dire buonanotte

giovedì 18 agosto 2016

Prima notte fuori per Eleonora

Domani pomeriggio Eleonora partirà per un campo di orienteering.
Hanno attività pianificate già dalla sera, compresa una piccola prova in notturna.
Il programma prevede sia allenamento individuale che staffetta, oltre a momenti di puro relax.
È la prima volta che dorme fuori non da parenti o da vicini/compagni di scuola (al torneo di pallavolo c'ero io in qualità di allenatore).
Sono sicuro che si divertirà molto.
Un'altra piccola tappa da annotare nel diario.

mercoledì 17 agosto 2016

LOL

Eleonora è decisamente una tweeny. Non è ancora una teen ager, ma non è più una bambina. Non ha ancora i modi di fare della adolescente... ma ci si sta avvicinando.
A livello di vestiti ha trovato quello che lei chiama "il suo stile": sportivo (bisogna potersi arrampicare sugli alberi), ma con dettagli personali. Una via di mezzo fra Pippi e Desigual.
Anche il linguaggio sta cambiando. Usa espressioni nuove. Quando vuole farmi capire che una (mia) battuta non la fa ridere dice LOL (il termine internet per la risata) con un tono che evidenzia che non ha trovato divertente la cosa.
Si avvicinano tempi interessanti.

martedì 16 agosto 2016

Pronti al ritorno a scuola

Nonno Bosse e nonna Eivor ci hanno riportato Eleonora, così ne abbiamo approfittato per festeggiare nonna Eivor che oggi compie gli anni. Per l'occasione Eleonora le ha fatto sia dei muffin ai mirtilli che dei biscotti al caramello spettacolari.

Sofia è emozionatissima. Dopo l'anno di "förskoleklass" domani inizia la prima classe vera e propria.
Eleonora inizia "femman", il quinto anno (che in realtà è il sesto considerando quello di prescuola). È l'ultimo anno senza voti.

Le vacanze sono ufficialmente finite. Sembrano sempre passare veloci, ma in realtà abbiamo fatto in tempo a fare un bel po' di cose. Compreso, per fortuna, riposarci.

lunedì 15 agosto 2016

Vacanza prolungata

Eleonora ha deciso di rimanere un giorno in più dai nonni.
Si diverte. E ha trovato Pikachu.
Sofia si gode me e Anette. Questa sera ha chiesto (e ottenuto) di farsi portare al ristorante a mangiare uno dei suoi piatti preferiti: le costolette al barbeque. Poi, a casa, film con noi sul divano, sino alle 22 passate.
Domani è l'ultimo giorno in cui può dormire un po' di più. Mercoledì inizia la scuola.
Le vacanze vanno godute sino in fondo.