mercoledì 22 gennaio 2020

Un regalo per il passato guardando al futuro

Ieri erano 24 anni che io e Anette siamo insieme.
Lei mi ha regalato una bottiglia di Barolo di Paolo Scavino, un Bric dël Fiasc' del 2015.
L'idea è che è un vino che deve ancora invecchiare.
Tutti i siti e i sommelier consigliano di aprirla fra una decina d'anni, quando 24 anni li avrà Eleonora.
La stapperemo il 21 gennaio del 2031. È bello pensare che quando la apriremo l'occasione saranno 35 anni insieme.

lunedì 20 gennaio 2020

Tempo pieno

Come praticamente tutte le scuole svedesi, anche a scuola di Sofia i primi 7 anni di scuola offrono il "tempo pieno", cioè i locali hanno personale dalle 6:30 alle 18.
Le lezioni solitamente terminano intorno alle 14:00 (pasto "gratuito" compreso). Gratuito fra virgolette perché significa finanziato con le tasse.

Da gennaio il personale del pomeriggio ha organizzato le attività secondo un nuovo schema.
Lunedì: atletica leggera, in collaborazione con una società sportiva locale.
Martedì: Tema "iMovie", creare, editare, formattare filmati
Mercoledì: creatività "pratica"
Giovedì: Gioco libero
Venerdì: Film e quiz

lunedì 13 gennaio 2020

Il giorno di San Canuto

L'ormai ex albero
di Natale brucia
Oggi è il giorno di San Canuto (tjugondag Knut, o tjugondedag Jul, il ventesimo giorno di Natale). È il giorno in cui in Svezia si disfa l'albero e si mettono via gli addobbi di Natale. Via gnomi, gnometti, presepe, tende rosse e tutto quanto ha addobbato la casa di rosso e di verde scuro.
L'albero di Natale è finito nel camino lasciando un buon profumo, salutato dall'ultimo bicchiere di glögg e dal mangiare le casette di Pan pepato fatte da Eleonora e Sofia.
Tutto è stato rinscatolato a dovere.
Fuori non c'è neve, fatto inusuale per metà gennaio. Lentamente le ore di luce aumentano.

domenica 12 gennaio 2020

venerdì 10 gennaio 2020

Test sui fatti quotidiani

L'insegnante di svedese e di inglese di Sofia ha inaugurato l'anno con una nuova attività: la classe prima guarda un notiziario di una ventina di minuti con il riassunto degli avvenimenti della settimana ("Lilla Aktuellt" dal sito della TV del servizio pubblico, fatto apposta per un pubblico giovane), poi c'è la verifica, in modo giocoso con Kahoot! 18 domande.

lunedì 6 gennaio 2020

Orienteering, pasta e gelato

Per celebrare l'inizio dell'anno il nostro club di orientamento ha la tradizione di una uscita il giorno della Befana, con successivo pranzo insieme.
E così stamattina, chiaramente dopo aver visto cosa c'era nelle rispettive calze appese al camino, tutta la famiglia si è armata di bussola e mappa e si è lanciata nella caccia alle "lanterne".
E dopo tutti a pranzo insieme in un posto dove le specialità erano pasta e gelato! (Così così la pasta, ma buono il gelato).

domenica 5 gennaio 2020

Solo con Eleonora

Questo è il fine settimana del festival di pallavolo a quattro di Habo. Eleonora, che ultimamente si allena sia con la U16 che con la U18 (pallavolo "normale" a sei) ha preferito stare a casa. E così sono partite Sofia e Anette, mentre io sono rimasto a casa con Eleonora.  Insieme siamo andati nella città vecchia di Stoccolma (dove abbiamo visto Greta Thunberg) alla libreria specializzata in fantasy e fantascienza, siamo andati a correre, abbiamo fatto la nostra versione della classica "fika" svedese da Kaffekoppen (cioccolata bianca calda al posto del caffè), ci siamo fatti binge-watching di Brooklyn 99, e chiaramente abbiamo chiacchierato e parlato tantissimo.
E forse come detox adesso lei è al cinema con una sua amica.

giovedì 2 gennaio 2020

Frozen II

©Walt Disney
Prendi un cartone con protagoniste due sorelle, di cui la maggiore bionda e più introversa, entrambe a modo loro forti e determinate, amiche, complici, con le loro insicurezze, la loro voglia di risposte, il loro senso di giustizia.
Vederlo con Eleonora e Sofia è un piccolo spettacolo nello spettacolo.

...e Kristoff che canta " Now I know you're my true north, 'cause I am lost in the woods " potrei esserei io durante una competizione di orienteering

mercoledì 1 gennaio 2020

Sorelle monelle

A Eleonora piace sciare da sola. Rinuncia volentieri alla compagnia sull'ancora o sulla seggiovia in cambio del potersi scegliere lei le piste e la velocità. Scende controllata su ogni tipo di pista, e ogni tanto si concede deviazioni nei boschi o fuori pista. E a volte va anche dove non dovrebbe (tipo la pista nera che era chiusa perché non pistata - cosa che ha raccontato un po' con senso di colpa e un po' con l'orgoglio di chi si è messo alla prova).
Sofia preferisce andare a sciare con Eleonora piuttosto che con me e Anette. Così le due sorelle ogni tanto vanno insieme.
Mi è capitato di vederle mentre non sapevano che ero vicino. Su un pezzo in piano Sofia si faceva trascinare da Eleonora. Mi hanno poi raccontato che anche Sofia aveva trascinato Eleonora...ma solo per due metri.
Sembra si siano divertite, anche se dopo pranzo Eleonora ci ha comunicato che adesso aveva voglia di andare da sola.

martedì 31 dicembre 2019

La fiaccolata

Capodanno sugli sci vuole spesso dire fiaccolata. Quest'anno per la prima volta io, Eleonora e Sofia abbiamo partecipato alla stessa fiaccolata sulla neve. Eleonora è stata
classificata fra i grandi, ai quali viene dato il compito di portare sullo skilift le fiaccole per i bambini.
Ad Anette la noia, ehm, il piacere, di riprendere il tutto dal punto d'arrivo.

lunedì 30 dicembre 2019

In motoslitta con la mascotte

La Svezia, a parte nella zona di Åre, non ha la fortuna di avere belle montagne come le Alpi, e così le località montane devono offrire qualcosa d'altro ai propri turisti, come strutture organizzate vicino alle piste dove fermarsi a farsi una grigliata (perfette per il pranzo) e mascotte per intrattenere i bambini (Valle, della Skistar, ha persino una propria lista su Spotify).

Eleonora oramai si considera (ed è) troppo
grandicella, mentre Sofia è nell'età giusta per la maggior parte delle attività dedicate ai bambini. E così oggi dopo l'ultima discesa e prima del rituale "idromassaggio-sauna-acqua gelata (5 gradi)" (da ripetersi diverse volte) Sofia si è goduta il giro in slitta trainata da un gatto delle nevi in compagnia di una mascotte castoro.


domenica 29 dicembre 2019

Infrangiamo subito le regole

In albergo, a cena nel posto dove siamo a sciare. Anette chiede dove caricheremo i telefonini questa notte. Risposta all'unisono: "In stanza!".
Commento, accompagnato da sorriso (visto che è stata sua l'idea delle sveglie) di Anette: "Ma non abbiamo detto basta ai telefonini in stanza?"
Sguardi fra il divertito e il sorpreso. Momento di suspence. Dirà davvero?
Domanda mia: ma il Garmin conta?
Risposta all'unisono di tutte e tre: "Ceeeerto. Va spento."
Vado a metterlo in carica finché sono in tempo.

sabato 28 dicembre 2019

Niente telefonini in stanza da letto

Fra i regali lasciati da Babbo Natale sotto l'albero c'erano delle sveglie con una nuova regola: niente telefonini in stanza durante la notte.
Eleonora ha un giorno alla settimana nel quale inizia le lezioni alle 9:30, è il suo giorno per dormire un po'di più e gestirsi da sola la sveglia e la colazione. Era solita puntare tre sveglie sul telefonino. Mi sa che le serviranno tre sveglie differenti in tre punti della sua stanza.

Full house

L'antivigilia di Natale (anzi, il 22 per essere precisi) casa nostra si è riempita: nonna Eivor, nonno Bosse, zia Helena e gatto Simon. Il gatto è stato il primo a prendere controllo delle zone della casa a lui adibite, seguito da nonna Eivor che di solito cerca di prendere il controllo della cucina (scombinando alcune cose, visto che riordina secondo la sua logica di dove devono stare gli utensili).
Tre generazioni sotto lo stesso tetto coprono racconti che vanno dalla prima della metà del secolo scorso a oggi, i momenti silenziosi sono pochi (ma ci sono) e siamo persino riusciti ad andare tutti insieme in piscina.
Adesso sono ripartiti tutti, i nonni verso nord, la zia verso sud.
E io mi riprendo la mia poltrona senza dover litigare con il gatto.

martedì 24 dicembre 2019

Le nuove casette di pan pepato

C'è stato un tempo in cui le casette di pan pepato avevano la forma di casette tradizionali.

Quest'anno Eleonora e Sofia
hanno voluto creare modelli differenti. Eleonora si è ispirata alla casa dei Weasley di Harry Potter, mentre Sofia ha fatto la casa di Bamse, l'orso più forte al mondo.

Io non vedo l'ora che arrivi l'Epifania per mangiarle!

giovedì 19 dicembre 2019

Piccole perle quotidiane

Questa mattina è venuta Eleonora a svegliare me e Anette, portandoci il caffè a letto.
E aveva anche già preparato la colazione per Sofia.

Gli adolescenti sono un mondo affascinante...