giovedì 30 ottobre 2014

Non è possibile, però...

Lo so, non è possibile, è solo autosuggestione, sono passati solo quattro giorni... cioè, è successo sicuramente, ma non in misura così grande... eppure questa sera, quando sono tornato da questi 2+2 giorni via fra Polonia e Paesi Bassi, Sofia mi è sembrata più alta, cresciuta a vista d'occhio!

mercoledì 29 ottobre 2014

Al telefono

Io: "Ciao bimbe, come va?"
Eleonora: "Bene! Sai papà, qui dai nonni abbiamo fatto le palline al cioccolato..."
Sofia: "...ma le abbiamo mangiate tutte..."
Eleonora: "...e abbiamo fatto anche radiokakan..." (che è una specie di salame di cioccolato)
Sofia: "...e un po' di quella c'è ancora... perché non mi piaceva tanto..."

Toccata e fuga

Rientrato ieri sera poco prima di mezzanotte, in taxi questa mattina prima delle sette.
La voglia di passare in stanza a salutare Sofia era tanta, ma svegliarla sarebbe stato imperdonabile...

lunedì 27 ottobre 2014

On the road again

Eleonora: da nonno Bosse e nonna Eivor
Io: In Polonia oggi e domani, nei Paesi Bassi mercoledì e giovedì
Sofia: "Mamma, dai che io e te ci facciamo da sole un paio di serate fra femmine"

domenica 26 ottobre 2014

Allenamento speciale

Cosa si fa con uno stadio di calcio alla fine dell'ultima partita in casa della squadra locale. Semplice: lo si usa per l'allenamento dei bambini che quest'anno hanno iniziato la scuola calcio (quelli nati nel 2009). Bambini che alla fine del primo tempo hanno anche fatto il giro d'onore del campo sotto gli applausi del pubblico.

Se poi la squadra si chiama AIK Solna e lo stadio Friends Arena ecco che la cornice è abbastanza unica, il giro d'onore viene applaudito da oltre 12 mila spettatori e l'allenamento avverrà su un campo che è un sogno per molti.

Così oggi Sofia ha avuto l'allenamento sullo stesso prato che di solito viene calpestato in allenamento da Zlatan Ibrahimovic quando gioca con la nazionale svedese.

La cosa che le è piaciuta di più? Detto da lei a fine allenamento: "Il profumo dell'erba naturale rispetto a quella sintetica".

sabato 25 ottobre 2014

Cena spaventosa

 Con l'avvicinarsi di Halloween le scuse per sbizzarrirsi a inventare cose per far divertire i bambini si moltiplicano. Ecco che degli amici questa sera ci hanno invitati a cena comunicandoci che i loro bambini si sarebbero travestiti, avrebbero voluto che anche Sofia ed Eleonora si travestissero, e che anche noi adulti se avessimo voluto avremmo potuto cedere alla tentazione di avere un look diverso dal solito.
Fra i piatti che più hanno divertito le bimbe ci sono state le "dita mozzate", che altro non erano che wurstel con ketchup e delle unghie fatte con le mandorle.
Anche i fantasmini di marshmallow hanno riscosso successo.
A volte sono convinto che i figli siano un'ottima scusa per noi adulti per risvegliare il Peter Pan in ognuno di noi.

venerdì 24 ottobre 2014

Finito il tempo delle feste

A cena.
Anette: "Eleonora, sai, oggi ho mandato gli inviti per la tua festa di compleanno"
Eleonora: "Mamma, adesso sono grande, non faccio più le feste, faccio i party"

giovedì 23 ottobre 2014

ll suo modo di comunicare

Uno dei giochi che io e Sofia facciamo ogni volta che l'accompagno all'asilo è quello di fermarci nei pressi di una centralina (credo della corrente) a giocare a far finta che sia un bar. Prima Sofia serve me, poi io servo lei.

Questa mattina però lei non aveva voglia di fermarsi a giocare. Aveva troppa voglia di andare all'asilo a raccontare alle maestre e agli amici una cosa che aveva appena imparato sui nomi dei pianeti e sui giorni della settimana in italiano, Non mi ha però detto che non voleva fermarsi, ma ha semplicemente rallentato poco prima che raggiungessimo la centralina, mi ha guardato e poi mi ha detto: "Sai papà, oggi forse il bar è chiuso... non sono arrivate le brioche".

"Hai ragione, è chiuso" le ho detto, e abbiamo aumentato il passo.

Lei ha sorriso, e mi ha stretto più forte la mano, forse perché io penso che quel gioco lo facciamo per lei, e lei forse pensa che sta al gioco per far divertire me.

E dopo aver raccontato alla maestra dei pianeti mi ha voluto accompagnare al cancello per darmi un abbraccio.

mercoledì 22 ottobre 2014

Quando lo sbaglio piace

Oggi all'asilo di Sofia era la giornata dei folletti e degli gnomi. Il tema era "venite vestiti da troll", compresi i vestiti da aiutante di Babbo Natale.
Sofia ha optato per il vestito da folletta di Babbo Natale, che è un bel vestitino rosso di velluto con l
orlo della gonna e i polsini in "pelo" bianco.
Durante il lavaggio l'anno scorso però qualcosa è andato storto, il rosso ha lasciato, e così il pelo da bianco è diventato rosa.
Sofia ha aperto la scatola, ha tirato fuori il vestito, lo ha guardato, ha esitato un attimino e poi ha esclamato: "Così è ancora più bello!!!"

martedì 21 ottobre 2014

Essere papà ha i suoi privilegi

Sofia: "Papà, hai tagliato i capelli... come sei bello!"
Eleonora: "Per me eri bello prima e sei bello adesso!"

Andare a prendere le bimbe appena dopo essere stati dal parrucchiere è un piacere.

lunedì 20 ottobre 2014

Vantaggi e svantaggi

Il fatto che Sofia stia imparando a leggere è utile ad esempio quando si tratta di far partire un dvd. Adesso sa fare tutto da sola, compreso scegliere la lingua e leggere le varie istruzioni sullo schermo.

Quando le leggo una storia o un giornalino adesso però cerca di seguire nel testo quello che sente, con il risultato che accorciare le storie sta diventando impossibile...

domenica 19 ottobre 2014

Il settimo giorno

Oggi giornata di riposo.
Sofia alle sette era già sveglia, è venuta da me, e per non svegliare il resto della famiglia siamo scesi in sala ad accoccolarci sul divano. Lei guardava i cartoni mentre io cercavo di riaddormentarmi (con lei che mi ha svegliato per dirmi "sai papà, sei molto carino anche quando dormi").
Alle otto sul divano si è aggiunta Eleonora.
Alle otto e mezza mamma Anette.
Alle nove io e Anette abbiamo iniziato a preparare la colazione, di quelle della domenica, con gröt (pappa d'avena), uova in camicia, e tutte quelle cose che si preparano con calma.
Alle undici tutta la famiglia era ancora in pigiama.
All'una Eleonora ha accompagnato Anette a fare le foto per il rinnovo della patente e ne hanno approfittato per farsi delle foto inzieme. Nel frattempo io e Sofia (ancora in pigiama) abbiamo letto cinque-sei favole prima di decidere che era arrivato anche per noi il momento di vestirci.
Alle tre tutta la famiglia si è trasferita dai vicini. L'idea era di fare merenda e di parlare dei piani per capodanno... ma una chiacchiera tira l'altra e così alle sei e mezza siamo andati a prendere la pizza da asporto.
Verso le otto i due papà sul divano sono stati attaccati dai cinque bambini mentre le mamme se la ridevano.
Alle otto e mezza tutti a casa.
Ora le bimbe sono a nanna.
Una bella giornata di riposo.

sabato 18 ottobre 2014

Il pernottamento dei peluche


Oggi pomeriggio siamo passati dalla biblioteca a prolungare il prestito del quinto libro di Harry Potter (Eleonora è a pagina 700 e il libro ne ha 1001).

All'ingresso c'era appesa una locandina che ha catturato l'attenzione delle bimbe: "Gosedjursövernattning", ossia "Pernottamento dei peluche". L'invito è a portare il proprio peluche in biblioteca il 27 ottobre (e ascoltare una fiaba) e passare a riprenderlo la settimana dopo. I bibliotecari seguiranno con la macchina fotografica ciò che faranno i peluche, così quando uno andrà a riprenderselo verranno consegnate anche le foto che documentano cosa avrà fatto il peluche in biblioteca durante i vari giorni.

Chiaramente sia Eleonora che Sofia vogliono portare i propri peluche. Vedremo se Eleonora lascerà Gatto Rosa (che ha avuto quando aveva circa tre mesi e che non ha mai lasciato se non per un paio di notti).

venerdì 17 ottobre 2014

A ciascuno il suo

Visto che questa sera sono a casa da solo con le bimbe abbiamo deciso di fare la pizza. Abbiamo deciso che ognuno avrebbe condito la propria parte a proprio piacimento.

Sofia per la sua parte ha scelto di non aver la salsa di pomodoro, e di avere formaggio (prästost svedese, una specie di Asiago stagionato), polpette, noci e bresaola (una volta sfornata la pizza).

Eleonora ha scelto salsa di pomodoro, prästost e polpette. La bresaola l'ha mangiata come antipasto.

Io ho optato per una quattro formaggi con le noci.

Tutti molto soddisfatti!

giovedì 16 ottobre 2014

Sconto grazie a Sofia

Oggi pomeriggio sono passato a prendere Sofia all'asilo e siamo andati a fare un po' di commissioni mentre Anette era con Eleonora al corso di teatro.

Fra le varie commissioni siamo passati dal calzolaio, che è un gentilissimo signore emigrato tanti anni fa dall'Armenia. Il suo negozio è uno di quei classici luoghi dove si fanno sia risuolature che chiavi, e proprio le chiavi hanno attirato l'attenzione di Sofia, che, in italiano, ha iniziato a farmi domande. Mentre io e Sofia parlavamo il calzolaio è andato a prendere le mie scarpe, poi si è soffermato a guardare me e Sofia. Ha quindi chiesto quale lingua parlassimo. Gli ha risposto Sofia.
A quel punto lui mi ha raccontato di come gli facesse piacere vedere che Sofia parlasse la mia lingua, ha preso dal sacchetto con le scarpe il conto e mi ha fatto lo scontrino con uno sconto del 15% dicendomi che mi meritavo lo sconto.

La cosa è valsa un passaggio extra in pasticceria, così la merenda di Sofia è diventata un dolce alla cannella.

mercoledì 15 ottobre 2014

Canzoni su ordinazione

Sera: io in una stanza a lavorare, Anette al piano di sopra a preparare i vestiti delle bimbe per domani, le bimbe in sala ad ascoltare la musica. L'impianto prende la musica da Spotify e si controlla sia con i tablet delle bimbe che con i cellulari del sottoscritto e di Anette. I tablet sono entrambi scarichi, ma le bimbe hanno voglia di ballare. Vogliono però scegliere loro le canzoni. Così, per non disturbarmi troppo mentre lavoro, hanno preso una lavagnetta e mi hanno scritto le canzoni scelte. Poi una volta finite hanno iniziato un andirivieni con le nuove scelte.
 
Nota: Quelle in stampatello sono le scelte di Sofia, quelle in corsivo le scelte di Eleonora.