venerdì 15 dicembre 2017

Ci crederà ancora?

Lo ammetto, ero convinto che Sofia credesse ancora a Babbo Natale.
Poi, stamattina, a bruciapelo, una domanda: "Papà, dove sono il sacco e il costume di Babbo Natale che usate di solito? A scuola stiamo preparando una recita e mi servirebbero".


a) Mente spudoratamente. È solo un modo per vedere cosa rispondo
b) Ha smesso di crederci, ma non vuole deludere noi adulti che lo facciamo per i bambini


Io ho bofonchiato qualcosa dei nonni, facendo una supercazzola mettendoci dentro delocalizzazione e outsourcing dagli elfi alle famiglie, problemi logistici di distribuzione dal Polo Nord e nuove techniche di lean production.


Lei, pacata, mi ha detto: "Insomma, non li hai".
Io: "No".
Lei: "OK".

mercoledì 13 dicembre 2017

Servono cloni

Prove della recita di Santa Lucia che iniziano 15 minuti prima del saggio di danza (entrambi di Sofia) praticamente in parallelo con gli allenamenti di pallavolo di Eleonora.
Recita di Santa Lucia in contemporanea in tutte le scuole della Svezia indipendentemente dalla classe, l'età e l'ordine di studio.
L'ultimo allenamento dell'anno che ti vuole presente per la classica partita bambini contro genitori, seguito dalla classica "fika" (caffè e dolce) che tradizione vuole siano fatti in casa.
Il tutto contemporaneamente a zilioni di scadenze lavorative.

Per Natale vorrei un clone, o anche due...

martedì 12 dicembre 2017

C'è da essere orgogliosi

Si avvicina la fine del primo quadrimestre. Eleonora oggi ha avuto il giudizio e il voto di inglese. Ha avuto A, che è il massimo, accompagnato da uno "Wow!". Ho visto voti con il + e con la lode, ma il wow mi mancava.

Eleonora ha raccontato che l'insegnante ha letto ad alta voce un compito scritto da Eleonora come esempio. Ha però cambiato alcune parole. Ad esempio al posto di "My sister" ha letto "My brother", verosimilmente per non metterla in imbarazzo.

domenica 10 dicembre 2017

Regalo apprezzato...anche da noi

Per il suo compleanno Eleonora ha ricevuto da zia Helena un corso di pasticceria. Oggi era il giorno del corso. Quattro ore dalle 11 del mattino alle tre del pomeriggio, e solo a quel punto i genitori erano i benvenuti per assaggiare il risultato.
Visto il periodo hanno fatto anche dei dolci delle festività in arrivo, dai biscotti allo zenzero ai dolcetti di Santa Lucia allo zafferano.
Eleonora si è divertita tantissimo. Ha imparato molti trucchi del mestiere e ha fatto nuove amicizie.
E noi abbiamo potuto assaggiare dei dolcetti squisiti.

sabato 9 dicembre 2017

Festa di Sofia

Oggi Sofia ha avuto la sua festa di compleanno. Una dozzina abbondante di bambini e bambine hanno ballato e giocato sotto la guida di Eleonora, che nonostante l'anno scorso avesse detto "Mai più! " ha comunque voluto fare da animatrice.  Hanno mangiato e cantato tanti auguri in svedese, italiano, farsi, inglese, spagnolo e tedesco. Infine hanno fatto la caccia al tesoro  (un sacchettino di dolci con una pallina per l'albero di Natale e un biscotto allo zenzero con il loro nome scritto con la glassa.
La caccia al tesoro è il mio cavallo di battaglia. Quest'anno dovevano risolvere un piccolo enigma in inglese per poter trovare il compito di matematica la cui soluzione era un numero di telefono che chiamato faceva squillare un cellulare che si trovava nello stesso cassetto dell'indizio successivo che raccontava quale palloncino far scoppiare visto che all'interno c'era la mappa del giardino con la posizione del tesoro.

venerdì 8 dicembre 2017

Eleonora cresce

Va e torna da sola da scuola e dagli allenamenti di tennis, anche adesso che alle quattro del pomeriggio è già buio pesto.
È diligente a fare i compiti da sola, ma capita anche di trovarla a leggere o scrivere, mentre ascolta musica ad alto volume e per trovarla in casa è bastato seguire la scia di vestiti che ha lasciato dietro di sé.
Nella moda ha quello che lei chiama il suo stile. Mischia vintage, GAP, Abercrombie con tocchi di stile manga e qualche cosa di H&M. Non vuole grandi marche, al contrario del sottoscritto che, lo ammetto, si vestiva da paninaro.
Ha iniziato a leggere e a vedere The Vampire Diaries, che non so perché, ma le fanno mangiare popcorn.
La coccolo chiamandola bambina, ma oramai sta diventando una ragazza con falcate che ricordano quelle di quando corre.

mercoledì 6 dicembre 2017

Otto

Buon compleanno splendida Sofia! Tu che sei la ragione che ho iniziato a tenere questo diario. Tu che vuoi sempre elencare tutte le cose che io e te abbiamo in comune, dal nome che inizia con la S al fatto che siamo secondi, al colore degli occhi e dei capelli. Tu che fai amicizia facilmente con tutti, che non ti arrendi mai, curiosa, dolcissima, indipendente, creativa.
Tu che quando, come da tradizione, questa sera ti abbiamo chiesto dove volevi andare a cena hai risposto: "Qui, a casa, e voglio cucinare io, voglio che papà mi insegni a fare i suoi spaghetti ai frutti di mare". E così abbiamo fatto, e da soli in cucina mi hai ringraziato per averti insegnato quelli che adesso sono un paio dei nostri segreti.
A te, che mi hai insegnato il fantastico miracolo matematico dell'amore per i figli, che segue le proprietà degli infiniti, visto che quando arriva la seconda figlia puoi darle un amore infinito senza dover cambiare l'amore infinito per la prima.
Ti voglio bene con tutto il mio cuore.
Tantissimi auguri.
Il tuo papà.

martedì 5 dicembre 2017

Assonnati

Ieri l'aereo ha fatto ritardo.
Tanto.
Siamo arrivati a casa alle 2:30 del mattino.
Questa mattina alle 8:00 le bimbe erano in classe.
- Eleonora aveva lasciato a casa gli occhiali
- Sofia aveva lasciato a casa i pantavento, che visti i -4 di oggi volevano dire non fare gli intervalli in cortile

Grazie ai telefonini mi hanno avvisato e sono passato a scuola con tutto ciò che era rimasto a casa.

Nota: in entrambi i casi mi sono soffermato prima di entrare, ed ho origliato un po' della lezione. È affascinante sentire il personale docente insegnare. Hanno un ruolo fondamentale, un lavoro importantissimo, e con passione e interesse cercano di coinvolgere gli alunni. Mi sono ritrovato a pensarci anche mentre ero in ufficio. Ho pensato che in quello stesso momento un'insegnante stava spiegando a Eleonora la statistica, mentre un'altra stava ragionando con la classe di Sofia sull'importanza dell'essere critici rispetto a quanto si legge e si vede in tv e su internet.

lunedì 4 dicembre 2017

Subconscio?

Ripartiamo per Stoccolma.
Gli occhiali di riserva di Eleonora sono rimasti sul comodino di nonna Marghe.
Ho fatto io i bagagli.
Parto con un po' più di amaro in bocca del solito.
Dicono che quando si dimentica qualcosa è perché nel subconscio hai il desiderio di tornare.
Mi sa che è vero.
Chissà se in questo caso significa che vorrei tornare con Eleonora...

domenica 3 dicembre 2017

Segni del tempo

L'entrata della cucina dei nonni a Milano ha una caratteristica particolare: sul telaio vengono segnate da anni le altezze di Eleonora e Sofia. Visto che fra le bimbe ci sono 4 anni e 3 settimane è diventato interessante da qualche anno vedere la differenza a parità di età.
Quest'estate Sofia era di un paio di centimetri più bassa rispetto a quando Eleonora aveva la stessa età. Adesso l'ha raggiunta.

sabato 2 dicembre 2017

Secondo giorno a Milano

Allenamento di corsa mattutino all'aperto con temperatura decisamente più mite rispetto a Stoccolma. 
Pranzo con vista Duomo (Spazio Milano - imperdibile).
Dei bellissimi regali.
Merenda con le amichette storiche (figlie del loro padrino).
Film serale sul divano coinvolgendo i nonni a vedere un film per ragazzi (Air Bud 5 - protagonista un cane, tema centrale la pallavolo! Il top per Eleonora e Sofia).
Le bimbe si godono Milano alla grande (e anche io).

...ed Eleonora oramai si muove per Milano con i mezzi come una locale. È stata lei a ricordarmi dove dovevamo cambiare metropolitana. 

venerdì 1 dicembre 2017

Milano

Come da tradizione il primo fine settimana di dicembre è dedicato a nonna Marghe e nonno Carlo, e così io e le bimbe siamo a Milano.

giovedì 30 novembre 2017

Incontro casuale

Quando si dice i casi della vita.
Oggi, dopo la scuola, io e le bimbe siamo andati in biblioteca vistp che Sofia doveva riportare un libro. Mentre eravamo lì abbiamo visto che proprio in quel momento stava per iniziare una premiazione di romanzi brevi scritti da ragazzi fra i 12 e i 16 anni. Premiava Sara Lövestam, una scrittrice svedese, e oltre a premiare teneva una piccola presentazione sulla sua storia. Ha inoltre annunciato che avrebbe letto il racconto vincente.
Eleonora, che coltiva il sogno di diventare scrittrice, ha assistito alla presentazione e alla lettura con molta attenzione. Ha vissuto con passione ogni momento, rimanendoci male quando la Lövestam raccontava dei primi rifiuti, ed emozionandosi all'episodio della pubblicazione del primo libro. Ha preso nota dei consigli, dallo stampare il racconto con due font diversi quando lo rilegge, al trovare il proprio stile, e si è spellata le mani applaudendo il racconto vincitore.
Ha anche scoperto che entro la mezzanotte di stasera può mandare un proprio racconto.
Adesso è in camera sua a scrivere.

mercoledì 29 novembre 2017

#movember

Novembre è il mese della campagna #movember, per sensibilizzare sul cancro alla prostata e sul cancro ai testicoli. In questo fra l'altro momento un mio collega è a casa proprio in convalescenza dall'operazione per rimuovere quest'ultimo.
Reazione di Eleonora e Sofia a me con i baffi: "Sappiamo che è per una buona causa, e la condividiamo...ma...rivogliamo il nostro papà!"

martedì 28 novembre 2017

Sofia prepara la festa

Sofia sta mettendo insieme i piani per la sua festa di compleanno.
Ha deciso di invitare tutte le ragazze della sua classe più quattro dei ragazzi, oltre ad alcune altre amiche.
È ancora indecisa sul tema della festa, è in piena fase creativa. Oggi pensava ad una caccia al tesoro. In giardino.
A dicembre.
La prima nevicata l'abbiamo avuta settimana scorsa.
Vuole convincere Eleonora a fare da animatrice, ruolo che Eleonora adora.
Staremo a vedere.


domenica 26 novembre 2017

9 ragazze per oltre 20 ore

Le prime sono arrivate ieri verso le quattro e mezza del pomeriggio, l'ultima è andata a casa poco prima delle quattro di oggi pomeriggio.
Insieme si sono fatte da mangiare (tacos), hanno ballato al suono di Rick Astley, degli A-Ha, delle Spice Girls, degli ABBA e dell'immancabile Cyndi Lauper ("Girls just wanna have fun" - e loro si stavano proprio divertendo), hanno giocato, chiacchierato, guardato un film, si sono raccontate storie "di paura" prima di addormentarsi. E questa mattina hanno fatto colazione con una montagna di cialde di mamma Anette, hanno giocato a yatzii, quiz e Twister, e poi, una alla volta, sono andate a casa.
Eleonora è molto soddisfatta della sua festa di compleanno.

Nota 1: Eleonora non ha (ancora) il buco alle orecchie, ma ha ricevuto in regalo degli orecchini. Ha chiesto il buco come regalo di Natale.

Nota 2: Da genitore, se conosci le parole delle canzoni di Rick Astley sei "cool"... ma non imitare come le cantava lui nei video, il confine fra "cool" e "imbarazzante" è una linea mooolto sottile...

sabato 25 novembre 2017

Quando sai che tramano qualcosa

Sofia: "Come si fa lo spelling di Stefano?"
Eleonora: "S...t...  u...p...e...n...d...o"

Questa sera Eleonora farà la festa di compleanno. Con alcune amiche cucineranno insieme, guarderanno un film, faranno qualche gioco e poi le amiche staranno qui a dormire.

Visto lo spelling secondo me sta tramando qualcosa...

mercoledì 22 novembre 2017

Sofia come Eleonora

Sofia ha deciso che vuole la parità come Eleonora. Almeno per quanto riguarda sia questo blog che i post di Anette su Facebook. In pratica:
- vuole leggere i post e le foto prima che vengano pubblicati
- vuole avere il diritto di veto, sia sui testi che sulle foto


Chiaramente le abbiamo detto di sì.


A me ha detto anche che in certi casi mi farà sapere a priori di cosa scrivere o non scrivere. Già un paio di volte ha detto "Papà, ti dico una cosa divertente, ma non puoi scriverla sul blog" oppure "Questa devi scriverla".

martedì 21 novembre 2017

A casa con Sofia

Questa mattina ci siamo svegliati con Sofia febbricitante. Visto che la mia giornata prevedeva riunioni in videoconferenza e lavoro al computer, io e Anette abbiamo deciso che era più facile che fossi io a lavorare da casa oggi.
C'era un tempo in cui stare a casa voleva dire doverle dedicare molta attenzione ed essere poco produttivi. Ricordo diverse videoconferenze con Sofia in braccio o che di colpo ti appare nello schermo.
Adesso invece quasi non ti accorgi che è in casa: legge, gioca con il tablet, guarda la tv, gioca da sola. È stata persino lei a ricordarsi e ad avvertire la sua insegnante di Italiano che oggi non sarebbe stata presente.
Certo, poi c'è il momento in cui ti chiede di metterti con lei nel lettone o sul divano a leggerle un capitolo del libro che sta leggendo, e a quel punto è proprio difficile dirle di no. E poi un po' di pausa fa bene, rinfresca le idee.

domenica 19 novembre 2017

Di libri e di dodicenni

Oggi torneo di pallavolo. In macchina con me ed Eleonora anche sue due compagne di squadra.
Si sono messe a parlare di libri.

Ha iniziato Eleonora, che da ieri è ufficialmente una babbana, visto che non le è arrivata la lettera per Hogwarts. Una delle amiche ha iniziato a convincerla a leggere Twilight, che definisce "Una bella storia d'amore", Eleonora a sua volta cercava di convincerla a leggere i libri di Rick Riordan. Verso la fine del viaggio le sentivo pianificare una fan fiction sul tema "semidei contro vampiri".

Particolare la strategia di lettura della terza ragazza. Eleonora, appena ha saputo che questa amica aveva prenotato in biblioteca (ed era la prima in coda) il libro che Eleonora stava leggendo, si è affrettata a finirlo e lo ha riportato venerdì. Si erano anche date appuntamento in biblioteca, una specie di passaggio di testimone.
Già stamattina l'amica stava parlando del finale.
Eleonora le ha chiesto: "Lo hai già finito?"
Risposta: "No, ma ho letto l'ultimo capitolo. Era troppo emozionante, volevo sapere come va a finire, così adesso posso leggerlo con calma!"

sabato 18 novembre 2017

Dodici

Auguri splendida Eleonora, che entri in una età di frontiera con falcate che ricordano quelle di quando corri le tue gare. Generosa, che per la festa del papà mi hai chiesto di poter devolvere i soldi del regalo all'Unicef (e poi mi hai anche fatto tante squisite mini meringhe alla liquirizia). Creativa, con i tuoi splendidi racconti che scrivi su WattPad e il tuo balletto che hai fatto appena hai passato i mille lettori. Tu, che dodici anni fa mi hai fatto diventare papà, e che ogni giorno mi fai crescere. Allegra, di nome e di fatto, tenace e coraggiosa, che oramai sei più veloce di me e mi insegni che il mio ruolo di genitore non è darti istruzioni, ma darti gli strumenti per pensare a cosa fare, nella pallavolo come nella vita.
A te, che ogni giorno diventi sempre più consapevole di te stessa, e che per questo mi hai chiesto di poter leggere cosa scrivo prima di pubblicarlo, tanti auguri con tutto l'amore che ho nel cuore.
Buon compleanno Eleonora!

venerdì 17 novembre 2017

Per l'ultima volta

Il menù bambini in uno dei ristoranti preferiti di Eleonora è valido per bambini sono a 12 anni.
Lei li compirà domani. Così questa sera ha voluto andarci per ordinarlo per l'ultima volta. Da domani sarà "adulta".

mercoledì 15 novembre 2017

La prova nazionale

Eleonora sta facendo la "prova nazionale". È un po' l'equivalente dell'invalsi in Italia.
Ha iniziato con gli orali di svedese e di inglese, seguirà poi l'orale di matematica e quindi gli scritti.
Li trova molto interessanti.

lunedì 13 novembre 2017

Tutti a nanna

La maglia l'ha messa su questa mattina. Ce l'aveva a scuola, a Solna. L'ha indossata con orgoglio.

Questa sera ha resistito più di un tempo, voleva vedere un gol dell'Italia, ma anche lei, proprio come la nazionale italiana di calcio, non ce l'ha fatta.


  1. Mi ha ricordato il primo mondiale che mi ricordo io. Argentina 1978. Avevo, come Sofia, quasi 8 anni. E mi sono addormentato anche io diverse volte (a causa del fuso orario le partite erano a orari "strani"). E così ci si trova in situazioni che sono pillole di genitorialità. Tipo la frase "la portiamo nel suo letto o la facciamo dormire sul divano?", sussurrata mentre ci si scambiano un'occhiata piena di tenerezza. O come la sensazione che provi mentre la porti in braccio nel suo letto. La senti addosso. Ripensi alla prima volta che l'hai presa in braccio. 

domenica 12 novembre 2017

Torneo di pallavolo

Oggi giornata completamente dedicata a un torneo di pallavolo di Eleonora.
Osservazioni:
- Più forte è l'avversario meglio giocano. Hanno vinto al tie-break due partite nelle quali non pensavo vincessimo.
- È bello vedere le ragazze crescere come squadra. È bello anche vedere che sono entrate in un'età nella quale, con rispetto, dialogano con l'allenatore, facendo presente quando hanno idee differenti.
- Le ragazze hanno gestito il bar con pochissima supervisione da parte di noi adulti. Molte di loro avevano fatto i dolci in vendita per fare un po' di cassa, e i loro occhi brillavano ogni volta che qualcuno ordinava un loro prodotto (fra cui le palline all'avena, cioccolato e cocco fatte da Eleonora).

sabato 11 novembre 2017

Tutti tifosi

Questa mattina all'allenamento di pallavolo di Sofia e a quello di Eleonora sono stato accolto da molti che mi chiedevano se avessi visto la partita. Persino genitori che non mi hanno mai detto più di buongiorno e arrivederci di colpo si sono dimostrati loquaci.

Sofia (che per la prima volta è andata a casa da sola dopo gli allenamenti) mi ha detto di non preoccuparmi. La Svezia ieri sera ha vinto perché Sofia indossava la maglia della Svezia, ma già prima della partita aveva annunciato che lunedì sera indosserà quella dell'Italia e che quindi saranno gli Azzurri a vincere.

Staremo a vedere.

giovedì 9 novembre 2017

Sì avvicina Svezia-Italia

"Ma domani posso mettere la maglia della Svezia? Quella autografata da tutti i giocatori".

"Pizza al salmone? Pasta con le polpette? Facciamo una cena a base di tapas spagnole, così rimaniamo neutrali"

"Ma si noterà al lavoro che sotto la camicia ho la maglia della nazionale?"

Domani sera primo playoff per chi andrà al mondiale. Lo stadio dove si giocherà è a 400m da casa nostra, di fianco al mio ufficio. La cena sarà a base di queso manchego,  jamón iberico e altri cibi "neutrali".

martedì 7 novembre 2017

lunedì 6 novembre 2017

Cinque anni e un mese

Mentre accompagnavo Sofia a scuola per un momento lei è diventata - cosa inusuale - molto silenziosa.
Poi se n'è uscita con un: "Mancano esattamente cinque anni e un mese".
Io: "A cosa?"
Sofia: "A quando diventerò una teenager!"

domenica 5 novembre 2017

Utile e dilettevole

Uno dei compiti a casa di svedese per Eleonora è sempre "veckans ord", le parole della settimana. Sono parole "complesse" delle quali vanno imparati significato e scrittura.
Oggi le ho suggerito un modo di unire l'utile al dilettevole: scrivere su WattPad un capitolo del suo racconto usando tutte le parole che doveva imparare questa settimana.
Non l'ho mai vista fare i compiti così volentieri...

venerdì 3 novembre 2017

Tradizioni?

La cena con amici a base di topolini di polpette, funghetti velenosi e quant'altro faccia Halloween è oramai tradizione. È una "tradizione" che in realtà forse non mi appartiene proprio, ma che con gli anni, e specialmente con le bimbe, piano piano è entrata a far parte delle abitudini familiari. A volte mi chiedo se sopravviverà il giorno che Eleonora e Sofia saranno fuori casa. Non credo, ma non si sa mai. Fa parte di quelle cose che "si fanno per i bambini", ma che in fondo piacciono anche agli adulti, e che si possono personalizzare, e con qualche tocco farle diventare uniche, della propria famiglia. Il Natale è di tutti, ma il rito della preparazione dei ravioli dai (bis)nonni era unico, nostro, proprio come il mercante in
fiera o la tombola, che nessuno gestisce meglio di nonno Carlo.
Chissà quindi se fra qualche lustro Eleonora e/o Sofia cercheranno di rifare i topini o i funghetti, che a quel punto sì si saranno guadagnati il merito di poter essere chiamati tradizione.

giovedì 2 novembre 2017

Punizioni

Io e Anette discutevamo del fatto che di solito dare una punizione a un bambino significa non fargli fare una cosa che gli piace, tipo niente tablet o niente videogiochi.

Nel caso di Eleonora:
- Adora leggere. Impedirglielo sembrerebbe strano. Della serie: "Metti giù quel libro e prendi il telefonino..."
- Ama cucinare dolci. Le vengono benissimo. Proprio oggi ha fatto dei brownies strepitosi. Impedirle di farli sarebbe più una punizione per noi che per lei.
- Le piace scrivere racconti. Anche in questo caso "smettila di scrivere e mettiti a guardare la tv" suonerebbe strano.

Speriamo che continui a comportarsi bene, perché trovare una punizione adeguata potrebbe non essere facilissimo.

mercoledì 1 novembre 2017

In treno

Questa volta il viaggio Stoccolma-Copenhagen-Stoccolma abbiamo deciso di farlo in treno. 
Sono circa 5 ore per tratta, che fatte alla fine della giornata non si sentono molto. Fra quattro chiacchiere, un libro, un riposino e un po' di schermo passano velocemente. 
È un modo di viaggiare che piace sia a noi che alle bimbe. 
In Svezia, farlo d'estate o di inverno ha una differenza sostanziale: d'estate ti godi il panorama indipendentemente dall'ora. Adesso invece quando sali alle 17:30 è già buio pesto.

martedì 31 ottobre 2017

Tivoli

Giornata dedicata a Tivoli, il luna park di Copenaghen, per l'occasione decorato in stile Halloween. Bello e a misura di famiglia.
Siamo entrati alle 11 del mattino, siamo usciti alle 10 di sera passate.
I 136,5 cm di altezza di Sofia le hanno permesso di fare quasi tutto. Alcune attrazioni le hanno fatte solo Eleonora e Sofia. Un tempo chiedevano di venir spinte più forte sull'altalena, adesso di poter fare ancora un giro sulle montagne russe con doppio avvitamento.

lunedì 30 ottobre 2017

Comma 22

A cena con amici.
Ad un certo punto, eravamo oramai al dessert, Sofia e l'amichetta ci dicono che dobbiamo parlare di una cosa importante. Noi a Sofia avevamo detto che avrebbe potuto usare il telefono solo dopo che l'avesse fatto l'amichetta. A quanto pare i genitori dell'amichetta le avevano detto la stessa cosa, cioè di aspettare che fosse Sofia la prima.
Un classico "Comma 22".

sabato 28 ottobre 2017

Umorismo svedese

Settimana prossima le scuole saranno chiuse. "Höstlov", la vacanza autunnale. Noi ne abbiamo approfittato per fare un giro a Malmö (da zia Helena).
E così oggi siamo andati a vedere un paio di musei, compreso l'acquario. Prima di vedere i pesci veri c'era una parte sull'evoluzione. In una delle bacheche, dedicata alla capacità degli animali di trasformarsi e adattarsi, ecco dei bastoncini di pesce, prova della capacità di adattarsi... alla forma e alle dimensioni del freezer 😂😂

giovedì 26 ottobre 2017

Sono (stato) un fuorilegge

Leggo che la ministra Fedeli vuole che i genitori accompagnino e vadano a prendere i figli alle medie.
Se è la legge che lo dice devo ammettere di essere stato un fuorilegge. Alle medie andavo a scuola da solo. Mi capitò persino di farlo un paio di volte alle elementari, dove per andarci dovevo prendere due autobus.
Eleonora va a scuola da sola da quando aveva 9 anni. Qualche volta facciamo la strada insieme, ma se quando usciamo di casa mi tiene per mano la distanza fra noi aumenta in maniera inversamente proporzionale a quanto manca ad arrivare a scuola: più ci avviciniamo a scuola più lei si allontana da me o da Anette.
Per quanto riguarda farla prendere dai nonni, i più vicini abitano a 70km, gli altri a 2000...

mercoledì 25 ottobre 2017

Niente carriera diplomatica

Alla premiazione di (fra gli altri) Eleonora e Sofia, nella splendida cornice dell'istituto di cultura italiana a Stoccolma (disegnato da Giò Ponti), era presente l'ambasciatore, che ha risposto ad alcune domande dei presenti. Fra le varie domande ce n'è stata una sulla sua carriera. E a Eleonora questa cosa di cambiare casa, amici, scuola e potenziali amori ogni cinque anni non è tanto piaciuta. Anzi, la prima cosa
che ha detto salendo in macchina è che l'ambasciatore è simpatico, ma che la carriera diplomatica non fa per lei.
E così una volta tornata a casa ha prima fatto i compiti e poi continuato il suo ultimo racconto su Wattpad.

martedì 24 ottobre 2017

I tre giorni del condor

Anette è via per tre giorni. In casa io e le bimbe facciamo tutto all'italiana. Da Spotify esce un mix che spazia da Bennato a Rovazzi passando per il Liga, J-Ax, Branduardi e Cristina d'Avena... su Netflix solo film con traccia audio in italiano, cucina a base di piatti tipici del Bel Paese. Persino la colazione al bar.
Eleonora ha avuto un compito di geografia: comparare Svezia e Italia.
Che sia evidente per chi cerco di farle tifare il 10 novembre?

Nota: I contributi del concorso sono qui https://m.facebook.com/Istitutoitalianodiculturacmlerici/?ref=content_filter

domenica 22 ottobre 2017

Premio a Eleonora e Sofia

L'istituto di cultura italiana a Stoccolma ha organizzato un concorso fra gli studenti di italiano come lingua parlata a casa. Il tema era "il mio angolo di Italia".
L'insegnante di Eleonora e Sofia ha incoraggiato i propri alunni a partecipare.
Eleonora ha saputo oggi di aver vinto, ex aequo, il primo premio nella sua categoria. Sofia ha vinto un premio speciale, visto che ha mandato un video, che è piaciuto molto, al posto di una foto.
Hanno votato tutti i dipendenti dell'Istituto. Alla premiazione ci sarà l'ambasciatore.
Le bimbe sono entusiaste!

venerdì 20 ottobre 2017

Attività notturna

Per la prima volta io ed Eleonora siamo andati in giardino con il telescopio. Abbiamo guardato alcune delle costellazioni più conosciute. Ne conosce lei più di me.
E una volta tornati dentro mi ha detto che sarà "una memoria per la vita".
E i suoi occhi mi dicevano che non stava facendo la ruffiana.

giovedì 19 ottobre 2017

La buona scuola

Premetto: la mia riflessione di oggi non vuole essere un confronto tra Italia e Svezia. Ci sono scuole buone e scuole meno buone ovunque, e anche all'interno della stessa scuola ci sono insegnanti più e meno preparati/motivati. Devo però ammettere che sono invidioso (ma, come loro genitore, contento) di alcuni insegnanti di Eleonora e Sofia. Prendi l'insegnante di musica di Eleonora: io in seconda media ero contento di aver imparato a strimpellare un paio di canzoni con il flauto plasticone, riconoscere un minuetto e sapere due arie del Don Giovanni. Eleonora a scuola ha imparato alcuni accordi della chitarra (hanno imparato a suonare canzoni tipo "Treat you better" di Shawn Mendes), delle tastiere (usando entrambe le mani) e adesso stanno imparando le basi della batteria (usando mani e piedi). In matematica l'insegnante sta facendo usare anche un altro libro per dare l'opportunità a chi riesce bene di avere stimoli sufficienti, cosa che fa anche l'insegnante di Sofia, che insegna ai bambini a fare gli infografici per rappresentare le cose, così Sofia presenta le informazioni in versione Power Point meglio di alcuni consulenti aziendali.
Un buon insegnante vale più di tanto oro quanto pesa!

martedì 17 ottobre 2017

Un classico...

...play-off per i mondiali di calcio.
E ti pareva che non veniva fuori dall'urna Italia-Svezia...

Vabbè, per lo meno questa volta dobbiamo comprare alle bimbe una maglia sola.

lunedì 16 ottobre 2017

Mito sfatato

Quando mi sono trasferito in Svezia credevo che la gente del posto fosse poco socievole. In realtà, se solo penso a ieri:
- appena ha sentito che eravamo smacchinati la mamma di una compagna di squadra di Eleonora si è offerta di accompagnarci
- i nostri dirimpettai sono andati a funghi e ci siamo trovati in casa loro figlio con un contenitore pieno di finferli appena raccolti
- l'amico vicino mi ha invitato da lui a vedere il derby
- Ho mandato a una famiglia di amici il link di una casa in vendita vicino alla nostra. Sono andati a vederla stasera e poi sono passati da noi portando delle pizze appena sfornate

domenica 15 ottobre 2017

Torneo di pallavolo

Con oggi è ufficialmente ricominciato il campionato di pallavolo della squadra di Eleonora. Sono eventi che farebbero felice Nonna Papera tale è il numero di torte fatte in casa che vengono vendute. Visto che la pallavolo in Svezia non è uno sport molto popolare, le squadre vengono da tutta la regione, e così vengono giocate 4-5 partite alla volta anziché farsi 150km fra andata e ritorno per giocate una partita sola. Dopo ogni partita i bambini e le bambine sono affamati e i genitori hanno bisogno di caffè (quello lungo nei tazzoni), e quindi torte, toast e hotdog la fanno da padrone. In pratica sugli spalti si svolgono picnic con la scusa della pallavolo...

venerdì 13 ottobre 2017

Morandi

Questa sera, mentre preparavamo insieme la cena, da Spotify escono le note di "Far finta di essere sani" nella versione dell'album tributo "Io ci sono". Io butto lì la domanda: "Eleonora, sai dirmi chi sta cantando?". Lei: "Mi sembra Gianni Morandi!".
Risposta esatta.
Io basito.
Lei: "Ho ascoltato tante volte "Fatti mandare dalla mamma", ma poi lo riconosco soprattutto perché canta "Volare" con Rovazzi!".

...è un po' come la storia delle poesie e della tavola periodica imparate attraverso le canzoni, alla fine forse meglio concentrarsi sul fatto che riconosce una delle voci storiche della musica italiana...

mercoledì 11 ottobre 2017

Potere della visualizzazione

Questa settimana Sofia deve tenere un diario particolare. Da scuola ha portato a casa una tabella dove annotare quanta e quale frutta e verdura mangia.
Dopo due giorni di "verdura = insalata, carore, pomodori" e "frutta =mela" è diventato evidente che il terzo non avrebbe dovuto essere uguale, e così è partita la caccia a nuove scelte: patate, fagioli, broccoli, piselli, mais, banana, pera, arancia, uvetta...
Poi...ammetto... solo poi, vedere cose "normali" ha fatto scattare il pensiero creativo. Fase III: topinambur, sedano rapa, barbabietole, datteri, fichi...
C'è il rischio che questa settimana non sia rappresentativa della normalità.

martedì 10 ottobre 2017

Wattpad

Da qualche tempo Eleonora ha installato un app che si chiama Wattpad. È una comunità per lettori e scrittori. Lei fa entrambe le cose. I suoi racconti sono basati sui personaggi della Rowling, su quelli di Hunger Games e sui semidei come Percy Jackson. Mischia e sviluppa queste storie, portando semidei ad Hogwarts assieme a Katniss e Peeta.
Ha una sua cerchia di fans. Ristretta, ma cresce. Un suo racconto ha vinto una piccola "gara", cosa che l'ha mandata al settimo cielo, anche se la soddisfazione più grande sinora pare siano stati i complimenti di una scrittrice che ha quasi 11mila follower,
Scrive sotto pseudonimo. Niente informazioni personali. Ha però scoperto che una sua lettrice (che è anche scrittrice) è sua coetanea e abita a Stoccolma.
A volte scrivere le ruba tempo alle altre attività, compresi i compiti, però è difficile farle troppe ramanzine, visto che in fondo è una attività creativa, che la stimola a scrivere e a leggere. (Abbiamo però messo in chiaro che lo studio viene prima).
A me, devo ammetterlo, piace vederla così coinvolta.

domenica 8 ottobre 2017

Confessione

Eleonora ha perso un dente.
Le abbiamo detto di metterlo sotto un bicchierè.
Ci ha confessato che tre anni fa mentre ci aiutava a cercare una cosa aveva trovato la scatoletta dove c'era dentro il primo dente che aveva perso...

sabato 7 ottobre 2017

Momenti dolci?

Non so se le mie osservazioni abbiano carattere scientifico. Statistico sicuramente no visto che due bambine è un campione decisamente troppo piccolo. Comunque, quando (come stamattina) fanno colazione "bene", con poco zucchero e tante fibre, la mia esperienza è che l'allenamento sia di Sofia che di Eleonora, va bene. Quando invece gli zuccheri sono troppi e le fibre poche noto la differenza. La stessa cosa l'ho notata con la merenda e gli allenamenti del pomeriggio, nonché con la colazione e il racconto di com'è andata a scuola. È bastato sostituire parte dei tradizionali cornflakes con un po' di quelli integrali.
Capisco e condivido quindi la scelta della loro scuola di permettere che i bambini per l'intervallo portino solo frutta o verdura. Niente brioche o merendine varie del tipo che apporta solo "calorie vuote".

giovedì 5 ottobre 2017

Compito in classe "a sorpresa"

Quando sono arrivato a casa oggi Eleonora stava studiando. Mi ha detto che era per il compito in classe a sorpresa di inglese.
Io le ho chiesto come faccia ad essere a sorpresa se sa già quando è. Lei mi ha spiegato che l'insegnante ha detto alla classe che avrebbe fatto la prova di comprensione su un libro a sorpresa che verosimilmente nessuno di loro ha letto e conosce.
Sarà di quelli scritti da un Nobel per la letteratura (anche se quest'anno, cosa che quasi non succedeva dai tempi di Dario Fo, almeno un libro del vincitore l'ho letto...)

mercoledì 4 ottobre 2017

Kanelbullens dag

Oggi era il giorno del dolce alla cannella. Chiaramente lo abbiamo festeggiato. Prima al mattino passando dal forno locale, e poi anche dopo il lavoro, cogliendo così l'occasione di provare il lavoro di due prestinai diversi.
È un tipo di tradizione che credo si potrebbe inventare anche in Italia. Tipo il giorno della focaccia o delle lasagne piuttosto che della brioche.

http://kanelbullensdag.se/en/


lunedì 2 ottobre 2017

Il bello di aver due figlie ruffiane

Questa sera Anette aveva a cena quattro colleghe di un corso che sta seguendo.
Eleonora ha deciso spontaneamente si fare una torta. Una fondente al cioccolato. Le è venuta squisita.
Sofia è stata dolcissima. Obbediente come mai. Ha intrattenuto le ospiti con la sua parlantina, ma solo il minimo necessario. Poi si è messa a fare i compiti.
Secondo me domani chiederanno un aumento della paghetta settimanale...

sabato 30 settembre 2017

Kalvruset

Dopo la corsa su pista e quella campestre oggi per Eleonora è stato il giorno di "Kalvruset", una corsa campestre con pezzi nel fango, nel bosco e con salite ripidissime.
Si è divertita un mondo!
Aveva detto che l'avrebbe fatta in
maniera tranquilla, tanto è vero che alla partenza si era messa ben dietro il gruppone che è partito a tutta velocità. Pare però che una volta partita il suo istinto competitivo sia comunque venuto fuori, visto che ha finito i tre km nona fra le oltre cento partecipanti della sua età.

Ha tagliato il traguardo bella infangato. Per una volta l'ho abbracciata con cautela!

venerdì 29 settembre 2017

Compito "in classe" particolare

Oggi Eleonora aveva una prova particolare:
- la "materia" non viene insegnata a scuola
- l'aula per il compito "in classe" non è a scuola

Oggi era il giorno della prova di nuoto. 200 metri, senza fermarsi, di cui 150 a stile libero (o a rana o a delfino) e gli ultimi 50 a dorso.

Il fatto è che alla scuola spetta la responsabilità di verificare che lo studente della 6a classe (la seconda media italiana) sappia nuotare, e nel caso non ne sia capace spetta all'insegnante di sport e salute (educazione fisica), nel modo più adatto, far sì che lo studente impari. Superare la prova è un requisito necessario per avere la sufficienza.

mercoledì 27 settembre 2017

APPrendere

Eleonora e Sofia usano una app per le lingue. La usano in italiano, Eleonora per imparare il tedesco (seconda lingua per lei a scuola da quest'anno) e Sofia per l'inglese.
In realtà a Sofia serve anche per l'italiano.
Non sostituiscono l'apprendimento scolastico, però sono un complemento utile.

Eleonora sta anche usando YouTube come complemento ai compiti di chimica per imparare la tavola degli elementi. Lo sta facendo tramite una canzone.

https://www.youtube.com/watch?v=VgVQKCcfwnU

Ha già imparato i primi 25 elementi.

Che avesse ragione Fiorello quando fece San Martino come canzone?

lunedì 25 settembre 2017

Abbiamo fatto 13

1996 Anno importante 
Oggi è il nostro 13esimo anniversario di matrimonio. Abbiamo festeggiato tutti e quattro andando prima fuori a mangiare e poi passando in rassegna decine e decine di foto, dai tempi in cui eravamo fidanzati alle foto del matrimonio per poi vedere quelle delle bimbe, dalle foto in sala parto sino a oggi.
Una cosa molto bella e da rifare, anche perché è proprio divertente sentire i loro commenti mentre si rivedono.

domenica 24 settembre 2017

Lilla Lidingöloppet

Oggi ancora una giornata di sport. Sull'isola di Lidingö si correva la versione junior di quella che è una delle quattro classiche svedesi.
Eleonora ha fatto una buona gara in quella che per lei è una nuova distanza  (3000m). Concorrenza agguerrita da tutta la Svezia, nonché da Finlandia e Norvegia. Il suo obiettivo era essere fra le migliori 30 (miglior 15% che riceve un premio soeciale) tenendo un passo migliore di quello che aveva alla gara di giugno (4:15 min/km) che era di 2300m.
È arrivata 27esima con 4:14.
Sofia, che voleva difendere il quarto posto dell'anno scorso, ha fatto una prestazione super. Seconda, un secondo solo dietro la vincitrice. Lei i suoi 1700 metri li ha fatti in 4:04 al km. Dice che è così veloce perché a scuola deve sempre scappare da un compagno di classe molto monello. Devo ringraziarlo!

venerdì 22 settembre 2017

Momenti di (piccola) gloria

Questa sera c'era a cena una compagna di classe di Sofia che ha il papà cuoco. Tutta la sua famiglia è vegetariana.

Io ho deciso di fare il piatto più semplice, ma di farlo bene: pasta al pomodoro e basilico. Con l'olio umbro che nonno Carlo ci procura da un piccolo produttore, con i pomodori da agricoltura biologica, facendo un leggero soffritto (con lo scalogno al posto della cipolla) e con il basilico fresco.

Quando suo papà è venuto a prenderla lei gli ha raccontato che aveva mangiato una pasta persino più buona della sua.

La prossima volta le faccio la parmigiana.

giovedì 21 settembre 2017

Il giorno della foto

Ci sono giorni in cui Eleonora e Sofia al mattino sono pronte in pochissimo tempo.
E poi ci sono i giorni come oggi, in cui si cambiano 10 volte, provano tre acconciature, si guardano allo specchio da ogni angolo e tu capisci tutto solo quando ti raccontano che oggi è il giorno della foto di classe e di quella individuale per l'annuario. Foto che rimarranno per generazioni, foto che verranno scambiate con amici e amiche come noi ci scambiavamo le figurine Panini.

Vedremo, ma se è come gli anni scorsi Sofia avrà la stessa espressione nelle tre foto, cosa che facilita la scelta (nel senso che non importa quale scegli - sono uguali).

martedì 19 settembre 2017

Chiacchiere a cena

Frasi catturate in ordine sparso durante la cena:
- "Mamma... papà durante l'allenamento di pallavolo ha fatto il dab... divertente, ma un pochiiiino imbarazzante"
- "Ma sbaglio o l'inizio della sigla del cartone di Anna dai capelli rossi è uguale a Rivers of Babylon di Boney M.?"
- "Nooooo!!! Adesso che ho ascoltato Pink fluffy unicorns dancing on rainbows non riesco a pensare ad altro!"

domenica 17 settembre 2017

Elezioni per la Chiesa svedese

Oggi circa un milione di svedesi (su una popolazione totale di poco più di 10 milioni) sono andati a votare per chi dovrà amministrare e gestire Svenska Kyrkan, la Chiesa svedese. Chi decide di essere membro della Chiesa Svedese lo comunica alla Chiesa, che poi provvede a calcolare (e ritirare) tramite la dichiarazione dei redditi la tassa dovuta (che è intorno al 6 per mille). Gli iscritti sono 5 milioni. Ha votato il 20%
Le schede erano tre, che permettevano di scegliere i rappresentanti dei tre livelli amministrativi e di gestione: la parrocchia, la diocesi e Kyrkomöte, che è un consiglio che si riunisce due volte all'anno e che si occupa delle questioni di fede e teologia.

Fra gli aventi diritto al voto c'era anche Anette, quindi tutta la famiglia ha colto l'occasione di accompagnarla.

Eleonora e Sofia si sono comportate proprio come facevo io da bambino:
- emozione e serietà nell'accompagnare il genitore a quello che è uno degli aspetti più importanti dell'esercizio della democrazia (momento perfettamente descritto da Giorgio Gaber ne "Le elezioni". - curiosità appena arrivati al seggio.
- leggero disappunto davanti alla coda seguita dopo cinque minuti dalla richiesta di poter andare a giocare nel cortile della scuola che ospita il seggio.

sabato 16 settembre 2017

Eleonora la furba

Ripassando i compiti di chimica:
- "Eleonora, qual è il simbolo del potassio?"
- "Hmmm...aspetta... un aiutino... mi dici la prima lettera?"

giovedì 14 settembre 2017

L'intelligenza di Eleonora

Prima mi è arrivata da Eleonora su whatsapp un'immagine tratta da un articolo su internet. Era accompagnata da un testo. "Ricercatore: Essere smemorati è segno che sei particolarmente intelligente".

Un minuto dopo mi ha telefonato: "Papà, sono a scuola, lezione fra un minuto. Scusa, ho dimenticato a casa la borsa per ginnastica. C'è la fai a passare da casa e portarmela?"

Non so se la ricerca abbia bisogno di altre prove, ma secondo me la sua tattica dimostra, proprio come asserito dalla ricerca, che è sia smemorata che particolarmente intelligente.

mercoledì 13 settembre 2017

Un paio di giorni solo con loro

Oggi è stato il turno di Anette di partire per un paio di giorni, così sono a casa solo con Eleonora e Sofia.
Parliamo in italiano tutto il tempo, tranne quando le aiuto interrogandole su alcuni compiti. Cuciniamo insieme. Siamo andati a correre.
L'istituto di cultura italiana sta organizzando un concorso per gli alunni che hanno il sostegno di italiano, e grazie alla lungimiranza della loro insegnante loro parteciperanno. Uno dei temi è far vedere e descrivere il proprio angolo di Italia qui. Entrambe mi hanno raccontato le proprie idee.
Bella iniziativa!
http://www.iicstoccolma.esteri.it/iic_stoccolma/it/opportunita/

lunedì 11 settembre 2017

Lo svantaggio di alcuni numeri primi

Oggi, mio compleanno, età che è un numero primo, sono stato svegliato con la tradizionale colazione a letto e con un commento di Sofia mentre mi dava il biglietto d'auguri disegnato da lei: "Papà, devi proprio compierne così tanti? È faticoso fare tutte le candeline..."

domenica 10 settembre 2017

Sorelle veloci

Oggi nel parco di Haga a Solna si celebrava "Idrottens dag", il giorno dello sport, voluto dal principe Daniel (consorte di Victoria, la futura regina). Sia Eleonora che Sofia, nelle
rispettive categorie (nati nel 200X), hanno ottenuto lo stesso risultato: seconde in assoluto (vincitore, in entrambi i casi, un maschio).

Per entrambe medaglia ricevuta direttamente dal principe.
Prins Daniel premia Eleonora  



sabato 9 settembre 2017

Le domande alle quali non sei pronto a rispondere

Ci sono domande alle quali non avevo pensato che un papà deve saper rispondere. Che poi spesso arrivano a bruciapelo. Tipo la figlia non ancora dodicenne che ti chiede: "Papà, come si impara a limonare? "

😨

venerdì 8 settembre 2017

Era meglio prima

Eleonora sta studiando geografia. L'Europa. Deve saper trovare su una cartina muta, conoscendone la capitale e sapendo se fanno parte dell'Unione Europea o meno, nazioni quali la Moldavia, il Kosovo, il Montenegro, la Serbia, la Bosnia, la Lituania e la Slovacchia.

In questo caso ai miei tempi si studiava di meno :)

mercoledì 6 settembre 2017

Riunione dei genitori

La riunione dei genitori della nuova classe di Eleonora è stata abbastanza interessante.

Ci è stato fatto vedere un video su come funzionano i voti
https://www.youtube.com/watch?v=MOKqtoy6UP4

Sistema abbastanza diverso da quello con il quale sono cresciuto io.

La selezione dei rappresentanti dei genitori, visto che - tutto il mondo è paese - quando è stata fatta la domanda se ci fossero volontari tutti si sono (ci siamo) allacciati le scarpe nascondendosi sotto il banco, è stata fatta dall'insegnante nel seguente modo: ci sono 4 riunioni quest'anno. Alla prima vada uno dei primi cinque del registro, alla seconda uno dei secondi cinque e così via. Mettetevi d'accordo voi.

I ritardi alle lezioni vengono comunicati direttamente. Praticamente se non sei in classe quando viene fatto l'appello scatta immediatamente l'avviso. Eleonora ne ha già ricevuto uno visto che ogni insegnante ha la sua classe e lei non ha ancora dimestichezza con il nuovo edificio (fra l'altro l'avevo accompagnata io).

Ogni settimana vengono fatte agli alunni 10 domande sui fatti della settimana, è consigliabile quindi vedere con loro il telegiornale e/o leggere il giornale. (A questa cosa non viene dato il voto).

martedì 5 settembre 2017

Far copiare o no?

Discussione a cena: Durante un compito in classe, è accettabile far copiare o no? Se un compagno di classe non sa la risposta ad una domanda del compito in classe e la chiede, bisogna dargliela?
È giusto aiutare a imbrogliare? E chi eventualmente non è stato aiutato ad imbrogliare, è giusto che si arrabbi?

lunedì 4 settembre 2017

La fatina smemorina

Due settimane fa Eleonora ha perso un dente.
Suo commento questa sera: "Certo che la fatina sta invecchiando... sono passate due settimane e non è ancora passata a cambiare il dentino con il soldino...".

domenica 3 settembre 2017

In spogliatoio da sola

Oggi Sofia ha fatto un mini-triathlon, nel senso che prima (con me ed Eleonora) ha voluto andare in bici ad un parco dove correre, poi ha fatto un allenamento di corsa, e infine siamo andati al corso di nuoto. Una volta arrivati abbiamo scoperto che lo spogliatoio degli uomini era in fase di ristrutturazione: docce temporanee e niente sauna. Mi ha chiesto perciò di potersi cambiare da sola in quello delle donne.
Permesso accordato.
Ha fatto tutto da sola, e un paio di genitori uscendo sono venuti a dirmi che se la stava cavando benissimo (non ne dubitavo, ma fa piacere vedere che c'è questo spirito di aiutarsi a vicenda).
Se non fosse che le piace farsi vedere da me e Anette quando nuota potrei quasi aspettarmi che presto venga a chiedere di poter venire qui da sola (cosa che il corso non accetterebbe).


sabato 2 settembre 2017

Tradizioni vecchie e nuove

Come da tradizione: la "kräftskiva" con i vicini, cena a base di gamberi e di torta salata al formaggio västerbotten, accompagnata da canzoni e da acquavite aromatizzata.

Novità di quest'anno: i gamberi li ha marinati Anette e la torta salata al västerbotten l'ha fatta Eleonora. Deliziosa la marinatura fatta da Anette, che all'aneto ha aggiunto anche della birra Porter. Squisita la torta fatta da Eleonora, l'anno prossimo sarà ancora compito suo.

venerdì 1 settembre 2017

È ora di studiare una nuova lingua

Un tempo, quando non volevamo farci capire da Eleonora e Sofia, io e Anette ci parlavamo in inglese.
Dopo un po' le bimbe iniziarono ad afferrare diverse parole (fra le quali "ice-cream"). Con l'inizio delle elementari poi si rese necessario usare un'altra lingua, che nel nostro caso fu il tedesco.
Da quest'anno Eleonora inizia a fare la seconda lingua a scuola, e ha scelto proprio il tedesco.
Visto che Anette è appassionata di Star Trek mi sa che è ora di studiare il klingon...

mercoledì 30 agosto 2017

Il nuovo motto di Eleonora

Eleonora ha citato il suo nuovo motto: "Se indietreggio è solo per prendere la rincorsa".
L'energia della adolescenza arriva galoppando...

martedì 29 agosto 2017

Tennis

Eleonora ha deciso di iscriversi a un corso di tennis. La lezione di prova di sabato scorso le è piaciuta, e così ieri ha iniziato.
L'orienteering sembra essere un po' in calo nella classifica delle attività che vorrebbe continuare.

domenica 27 agosto 2017

Età di frontiera

Pulisce la sua stanza ascoltando e cantando i brani del musical "Annie" e le canzoni in cima alla hit-parade, poi senti che nella colonna sonora che ha creato per quando fa le pulizie ci ha messo anche la sigla di Doraemon.
Negozia due-tre volte al mese di poter andare a letto un po' più tardi, ma senza il peluche preferito di andare a letto non se ne parla.
Alterna la lettura di Hunger Games in inglese ai fumetti di Bamse (l'orso più forte al mondo), che è il giornalino a cui è abbonata Sofia.
Dal negozio è uscita con due paia di jeans attillati come vanno di moda adesso, che con le converse e il giubbino di jeans e i suoi 164 cm di altezza la fanno sembrare decisamente più grande dei suoi dodici anni a novembre. Si guarda un po' di più allo specchio, e va orgogliosa di quello che definisce il suo stile.
Eleonora continua il suo passaggio verso l'adolescenza.

sabato 26 agosto 2017

Sabato di sport

Oggi sono ricominciati gli allenamenti di pallavolo per Eleonora e Sofia. Per l'occasione è stata invitata una ex professionista svedese di beach volley che ha parlato alle ragazze di sogni, allenamenti, delusioni (è rimasta fuori dalle ultime olimpiadi per un soffio), risalite e di tanto altro.
Nel pomeriggio c'era la possibilità di provare a giocare  tennis, cosa che Eleonora e Sofia hanno voluto fare e che ha fatto venire voglia a Eleonora di iscriversi al corso di tennis.
Poi tutti a casa di corsa, facendo il giro dei laghetti vicino a casa (5 km).

Domani riposo! :)

venerdì 25 agosto 2017

Primo bilancio

E così Eleonora ha finito la prima settimana nella nuova classe, con compagni e insegnanti nuovi. Ha ritrovato una vecchia compagna della squadra di calcio. Ha fatto nuove amicizie. Gli insegnanti sembrano in gamba.
Toccando ferro e facendo i debiti scongiuri, le "farfalle nella pancia" sembrano essersi tranquillizzate.

A cinque minuti da casa ha aperto una pizzeria con pizzaiolo italiano che fa la pizza come si deve. Così abbiamo festeggiato la fine della prima settimana di scuola (di entrambe) con una bella pizza.
E poi chiaramente con un gelato!

giovedì 24 agosto 2017

Come diventare popolari fra i propri studenti

Sofia ha una nuova insegnante di ginnastica e salute.
Si è presentata agli alunni e ha raccontato dei propri meriti sportivi: otto volte campionessa svedese di lotta libera.
Pare non sia volata una mosca durante la lezione. Tutti concentrati e impegnati al massimo.

martedì 22 agosto 2017

Ritorno alla routine

Io sono già a Berlino per lavoro.
Eleonora ha una nuova compagna di banco.
Sofia ieri ha portato a casa una amichetta dopo la scuola e oggi è andata a casa sua.
Anette ha usato quello che di solito è il suo momento da sola (andare a correre) per andare a correre con Eleonora e Sofia. Hanno corso intorno al laghetto vicino a casa. Il primo giro lo hanno fatto insieme, poi Anette ha continuato nello stesso verso mentre le bimbe hanno fatto il giro contrario (quando corrono solo loro due viene fuori una certa competizione fra sorelle).
Oramai siamo tornati alla routine, ma l'energia delle vacanze si sente, per fortuna, ancora.

lunedì 21 agosto 2017

Nuova classe

E così è passato il primo giorno di scuola.
La prima impressione è positiva.
Eleonora è contenta, e anche i 20 minuti del colloquio individuale fra me, Anette, Eleonora e i due insegnanti principali della nuova classe di Eleonora ci sono sembrati positivi.
Quest'anno richiederà agli studenti più responsabilità e darà loro un po' più di libertà. Alla refezione vanno da soli. Se sono in ritardo all'appello scatta l'sms ai genitori. Ci sarà la prova nazionale, che ha sia orali che scritti. Un po' più di compiti a casa, ma non troppi. Le giornate si allungano, ma ci sono un paio di mattine in cui iniziano un po' più tardi.

Al momento di accompagnarla nel cortile della scuola abbiamo notato che nessun altro era accompagnato dai genitori (noi stavamo accompagnando anche Sofia che aveva l'inaugurazione dell'anno scolastico in cortile con i genitori), per cui ci siamo defilati (in realtà abbiamo notato che un paio di altri genitori erano nella stessa situazione).

In questa parte dell'edificio le classi dell'età di Eleonora sono le più piccole, e fa un po' impressione vederle nella sezione 6:a - 9:a (dai 12 ai 15 anni). L'anno scorso svettavano rispetto ai bambini del primo anno. Adesso sono tornati a essere i più piccoli.

domenica 20 agosto 2017

Si torna a scuola

E così con oggi sono finite le vacanze scolastiche di Eleonora e Sofia. Per Eleonora domani c'è una tappa importante: il cambio di classe. È un po' come il passaggio dalle elementari alle medie, con nuovi compagni, nuovi docenti e nuovo edificio (anche se è nello stesso complesso scolastico e un paio di compagni già li conosce). Lei ha un po' di "farfalle nella pancia" come si dice qui, ossia è un pochino emozionata. Da quest'anno poi iniziano i voti, anche se quelli che varranno per l'accesso al liceo inizieranno con il prossimo anno scolastico.


giovedì 17 agosto 2017

I triple chocolate chips cookies di Eleonora

70 g di burro a temperatura ambiente
100 g brown sugar (zucchero + melassa)
45 g zucchero semolato
120 g farina
40 g cacao
5 g bicarbonato
2 g sale
1 uovo
100 g cioccolato fondente
50 g cioccolato al latte
50 g cioccolato bianco

Mettere il forno a 175 gradi. Mescolare il burro, lo zucchero di canna e lo zucchero facendo un composto poroso. In un altra scodella mescolare gli ingredienti asciutti (farina, cacao, bicarbonato, sale). Aggiungere l'uovo al burro e zuccheri. Aggiungere poi gli ingredienti asciutti facendo un impasto. Sminuzzare i tre cioccolati e aggiungerli all'impasto.
Fare una quindicina di palline leggermente schiacciate e metterle su una teglia con carta da forno.
10 minuti in forno, farli raffreddare un minuto sulla teglia e metterle poi a raffreddare su un altro piano.

Eleonora augura buon appetito!

mercoledì 16 agosto 2017

Giochi serali

In queste sere stiamo sostituendo la TV con dei giochi in famiglia: mercante in fiera (giocato anche con uva e ciliege come "valuta"), Uno (con un po' di regole "nuove" che Eleonora ha imparato al campo estivo), scopa, story cubes (quello che si lanciano dei dadi con delle figure e bisogna inventare una storia).
Io mi devo trattenere, perché se è vero che non sono un buon perdente devo ammettere che sono anche peggio come vincitore (balletti della vittoria, sberleffi, canti da stadio).
E si sa che i bambini non fanno come diciamo noi adulti, bensì fanno come facciamo noi...

martedì 15 agosto 2017

Vantaggi del clima mite

Bisogna ammetterlo: i 35 gradi dell'estate italiana non mettono molta voglia di accendere il forno. E infatti da nonna Marghe al massimo ci siamo messi a fare il gelato.
Tornati a casa invece ecco che Eleonora ha ripreso a fare biscotti e torte. Oggi ha fatto dei cookies al triplo cioccolato (bianco, latte, fondente) squisiti.
Ecco trovato un vantaggio del clima mite!

lunedì 14 agosto 2017

Tutti fuori

Questa sera, tornati noi adulti dal lavoro e le bimbe dal "tempo libero" a scuola, tutti e quattro siamo andati a correre insieme. 5km intorno ai due laghetti vicino a casa.
È quasi ingiusto correre con qualcuno che ha 35 anni di meno e che pesa 35 kg di meno... (quando Eleonora ha fatto un paio di allunghi ho capito la frustrazione di Willy il coyote quando inseguiva il road runner...).

domenica 13 agosto 2017

Più di mezza vita

Esattamente questo giorno 22 anni (facile da ricordare visto che era l'ultimo giorno dei mondiali di atletica a Goteborg) io e Anette ci conoscevamo sul treno che andava a Stoccolma e ci scambiavamo gli indirizzi.
Lei quest'anno, fra poco più di un mese, compirà 44 anni.
E così, da buon ingegnere, è facile calcolare che ci conosciamo da più di metà della sua vita.

venerdì 11 agosto 2017

Il sole ci segue

Da Milano ci giungono notizie di temporali e grandinate. Nell'arcipelago di Stoccolma oggi c'erano 27 gradi e un sole splendente.
Quest'anno con il tempo siamo stati proprio fortunati.

giovedì 10 agosto 2017

Skvallerbär - la bacca pettegola

Questo è un ottimo periodo per raccogliere mirtilli. Così oggi nel tardo pomeriggio siamo andati a raccoglierne un po'.
Eleonora e Sofia hanno scoperto perché oltre al "vero" nome (blåbär, bacca blu) i mirtilli qui vengono chiamati "skvallerbär" (la bacca pettegola): i colori delle loro lingue rivelavano chiaramente che non si erano limitate a raccogliere mirtilli, bensì ne avevano asaggiati un bel po'.

Nota: nei boschi intorno a Stoccolma si trovano anche molti porcini (in svedese karljohanssvamp o stensopp) che gli svedesi molto spesso non raccolgono visto che si concentrano sui finferli (kantareller).

mercoledì 9 agosto 2017

Cinque giorni in più

È da giugno che Eleonora e Sofia sono convinte che la scuola ricominci il 16 agosto.
Oggi hanno scoperto che in realtà il primo giorno di scuola sarà il 21 agosto.
Di colpo si sono ritrovate con cinque giorni di vacanze in più.

martedì 8 agosto 2017

Una bella scoperta

In questi giorni abbiamo scoperto che è possibile cambiare la lingua di Netflix, così mentre prima le tracce audio erano solo in lingua originale, inglese e talvolta in svedese, adesso per molti film e serie appare anche il doppiaggio in italiano, cosa che permette a Sofia sia di vedere ciò che prima c'era solo in inglese che allo stesso tempo di fare esercizio di italiano.


domenica 6 agosto 2017

Ritorno al freddo, ma con calore

Il capitano lo ha annunciato mentre stavamo atterrano; a Stoccolma ci sono 16 gradi. E anche la pioggia che manca da settimane. C'erano 20 gradi di differenza fra i 36 di Milano alla partenza e quelli che ci hanno accolto... ma c'era anche il calore di Eleonora e Sofia che ci hanno fatto sentire ai Caraibi!

venerdì 4 agosto 2017

Finire al top

Si dice spesso che bisogna finire "al top". E così abbiamo fatto: per l'ultimo giorno di ferie oggi io e Anette abbiamo preso la funivia Skyway e siamo andati al posto più vicino alla cima del Monte Bianco dal versante italiano (3.466 metri).
Abbiamo poi cenato (benissimo) a casa di amici carissimi.
Proprio un finale al top.
Domani si torna a Milano e domenica in Svezia, da Eleonora e Sofia, che già un po' ci mancano.

mercoledì 2 agosto 2017

La prima volta

Oggi io e Anette siamo andati a Linate con Eleonora e Sofia, e per la prima volta le abbiamo imbarcate da sole. Loro sono tornate in Svezia, dove staranno con nonna Eivor e nonno Bosse. Io e Anette siamo partiti per la Valle d'Aosta dove staremo qualche giorno.
Come da istruzioni abbiamo aspettato che il volo partisse. Le hanno imbarcate per prime.
Una volta arrivate sia loro che la nonna ci hanno informati sul fatto che tutto era andato bene.

E così del "quadrifoglio della felicità":
- tempo tutti insieme in famiglia
- tempo con le bimbe, ma senza consorte
- tempo da solo
- tempo in coppia senza le bimbe
io e Anette adesso avremo un po' dell'ultimo petalo, che di solito durante l'anno dura solo qualche ora, ma che ha anch'esso una certa importanza.


lunedì 31 luglio 2017

Turisti a Milano

Piazza Sant'Alessandro e la sua chiesa.
Gli scavi romani a pochi passi da Corso Magenta (e peccato che la chiesa di San Maurizio è chiusa il lunedì).
Il Castello Sforzesco.
Il parco Sempione.
Brera.
Santo Stefano.
San Bernardino alle ossa con l'ossario.
Oggi abbiamo fatto i turisti nella mia città natale, che l'è insci bela :-)

sabato 29 luglio 2017

Giornata spiaggia

Siamo arrivati in spiaggia alle 9 del mattino.
Abbiamo deciso che era proprio ora di andarsene alle 19:45, quando anche l'ultimo raggio di sole si era oramai nascosto dietro il monte.
Pranzo sotto l'ombrellone. Quattro bagni io, cinque Eleonora, Sofia e Anette.

venerdì 28 luglio 2017

Levanto + Bonassola

Mentre tutti vanno verso le Cinque Terre noi oggi abbiamo fatto il tragitto inverso. Visto che le previsioni davano nuvoloso abbiamo deciso di fare il sentiero da Monterosso a Levanto (passando da Sant'Antonio) per poi finire a Bonassola (seguendo il lungomare). Per la partenza l'orario è oramai scandito dalla pasticceria sotto casa: si parte solo dopo la sfornata di bomboloni alla crema.

Domani giornata di sola spiaggia. In omaggio alla Scandinavia, viste le passeggiate di questi giorni, saremo quelli modello bandiera danese: gambe e braccia rosse e il torso bianco!

giovedì 27 luglio 2017

Portovenere + Palmaria

Il consiglio ci era arrivato da una gentile lettrice di questo diario: "Se fate Portovenere vi consiglio anche del trekking sulla splendida isola di Palmaria". Detto e fatto. Questa mattina abbiamo preso un battello per Portovenere e da lì un altro per l'isola. Trekking  (facile, come ci era stato scritto) per girare intorno all'isola e salirci in cima, poi bagno nelle acque limpidissime, e quindi ritorno a Portovenere per visitarla (è un gioiello).
Le bimbe (e anche io e Anette) erano tutte un "wow", "bello!", "che panorama!!".
Grazie del consiglio, Giorgia!

martedì 25 luglio 2017

Cinque terre

Fare il percorso da Monterosso a Vernazza e poi continuare sino a Corniglia è un'esperienza splendida. I profumi, i colori, i suoni, panorami mozzafiato che sembrano finti.
Farlo tutti insieme come famiglia è proprio divertente. Davanti le due camoscine Eleonora e Sofia che saltellano allegramente; dietro io e Anette, più simili a due mufloni, che ogni tanto diciamo alle bimbe di fermarsi a guardare il panorama (ottima scusa per permettere a noi di raggiungerle).

domenica 23 luglio 2017

Tappa dai nonni a Milano

Domani andremo alle cinque terre.
Oggi abbiamo fatto tappa a Milano, da nonna Marghe e nonno Carlo, che viziano (nel senso buono della parola) tanto le bimbe quanto me e Anette.
L'unica scontenta della visita è Chicca, la gatta dei nonni. Si nasconde quando ci sente arrivare ed esce solo quando è sicura che siamo ben lontani.

sabato 22 luglio 2017

Famiglia riunita

Eleonora ha finito il "JP Camp" ai Piani di Bobbio. Continua la tradizione di famiglia al mitico Rifugio Ratti (nei diari di famiglia ne abbiamo timbri da metà anni '50, la prima volta che ci dormii io avevo 5 anni - uno dei miei primi timbri sulla mia prima tessera del CAI).

È stata un'esperienza bellissima gestita da personale veramente in gamba. Grazie a Jacopo, Sole e Stefano!

Adesso ci siamo riuniti e inizia la vera vacanza insieme!


venerdì 21 luglio 2017

Sì torna a prenderla

Ha fatto passeggiate in montagna, mountain bike, scalato, fatto equitazione, imparato a fare dolci tipici e ha visto come si fanno i formaggi della valle, ha bevuto il latte appena munto, ha lavato i piatti (pare fosse una "punizione" collettiva), tutti insieme hanno fatto la pizza.
Domani torniamo a prendere Eleonora che al campo estivo si è divertita tantissimo.

mercoledì 19 luglio 2017

Quando disboscando riportano alla luce un posto delle fragole

A qualche km e 12 tornanti di distanza in auto da Lecco (o 2,5-3 ore di trekking facile) c'è il "Pian dei Resinelli". Negli anni aveva perso lustro. Da qualche anno però la comunità locale si sta dando da fare: hanno rivitalizzato il museo minerario, creato un parco avventura sugli alberi (con personale da 10 e lode), ci sono posti come la Tana del Nibbio dove si mangia proprio bene, anche cose particolari come la bresaola di capra e una marmellata di cipolle squisita.
Il parco del Valentino potrebbe essere rimodernato un pochino, ma è ottimo per una passeggiata con viste mozzafiato o un trailrunning veloce. E poi è la base per salire in Grigna.
Sofia lo ha definito come la città di Cars: splendido, un po' dimenticato, sta rinascendo.
Da riscoprire!

martedì 18 luglio 2017

Tempi moderni

La prima volta che ci andai non veniva chiamato "Campo estivo", ma "colonia". Dopo qualche anno scoprii che anche quando ti dicono "Quest' anno andrai al Kinderheim" in realtà è la stessa cosa.
Per le (poche) telefonate a casa c'era il telefono pubblico a gettoni nelle cabine telefoniche, che oggi non ci sono più (che sia una delle cause della carenza di supereroi?). Le (poche) foto se erano venute lo scoprivi solo al ritorno, previa fine del rullino.
Oggi ti arrivano le foto in diretta tramite gruppo WhatsApp.
Però l'emozione nella voce quando si raccontano le avventure fatte è praticamente la stessa. Ciò che è cambiato è che adesso sono quello che si emoziona ascoltando.

lunedì 17 luglio 2017

13 km fra camosci, pecore e mucche

Il resoconto di Eleonora è arrivato con voce felicissima: "Abbiamo fatto una passeggiata di oltre 12 km, abbiamo visto i camosci, fuori dal rifugio ci sono pecore e mucche, mi sto divertendo tantissimo!".

Sofia ha fatto vedere a mamma Anette come ci si tuffa dal molo, le ha fatto annusare la lavanda e il rosmarino che crescono lungo la strada che si fa per andare a comprare il latte, l'ha portata al paese di fianco passando per i boschi e le ha raccontato diverse cose del paese.

Anette, da buona mamma, non le ha fatto notare che è da tanto tempo che viene qui, che si è innamorata del lago di Como molto prima di George Clooney e che ha fatto il suo primo tuffo da quello stesso molo oltre 20 anni fa. Ha invece ascoltato con interesse ringraziandola per tutto.

domenica 16 luglio 2017

Notizie telegrafiche

Ieri è arrivata Anette.
Oggi abbiamo lasciato Eleonora al suo primo campo estivo italiano. Torneremo a prenderla sabato.
Dopo la riunione iniziale con tutti i genitori i bambini sono subito partiti per una piccola passeggiata in montagna in modo da iniziare a conoscersi meglio.
I cellulari e i tablet sono ammessi solo fra le 19 e le 20, orario nel quale è arrivata la telefonata lampo di Eleonora che ha raccontato che tutto va bene e che si sta divertendo tantissimo.

sabato 15 luglio 2017

Due note negative

Sofia si sta divertendo tantissimo. Fa nuovi amici in 30 secondi. Le piace tutto.
Solo su due cose si è mostrata stupita e mi ha chiesto come mai:
- pochissimi bambini vanno in bici con il casco. In Svezia è obbligatorio sino.ai 15 anni (e lo indossano anche una buona parte di adulti)
- Le persone bevono alcool e poi si mettono al volante

Comunque a chi commenti come si sta abbronzando bene la sua risposta è: "beh, sono anche italiana!"

venerdì 14 luglio 2017

Diario vacanziero

Eleonora e Sofia oggi hanno deciso di giocare alla scuola. La prima ha voluto scrivere a macchina il "compito in classe" per la seconda, che ha deciso di fare la prova con un nome di fantasia, riportandomi indietro nel tempo quando erano i miei compiti in classe a sembrare così.

Nel pomeriggio siamo andati a trovare degli amici conosciuti l'anno scorso. È stato un modo
interessante di vedere come è cresciuta Sofia. La volta scorsa aveva ancora i braccioli e non sapeva ancora nuotare. Dodici mesi (e un paio di corsi di nuoto) dopo tuffi e ritorno a ripetizione.

giovedì 13 luglio 2017

Basta meno di una settimana

Di solito Eleonora e Sofia parlano fra di loro in svedese (ma litigano in italiano).
Siamo in Italia da meno di una settimana e adesso si parlano spontaneamente in italiano anche quando io non sono con loro.
Da oggi poi sono con noi anche nonno Carlo e nonna Marghe. Prevedo un aumento del vocabolario meneghino.

mercoledì 12 luglio 2017

Trailrunner per caso

Oggi passeggiata montana lungo il "Sentiero del viandante". È bello vedere come basti una cosa semplice come bere l'acqua da un ruscello per rendere speciale una passeggiata.
Sulla strada del ritorno Eleonora ha sentito un campanile battere il mezzogiorno e si è ricordata che il prestinaio del nostro paese chiude alle 12:30.
"Dai che facciamo in tempo a prendere il pane!", ha detto. E così ha iniziato a correre. Sofia pure. Ci abbiamo messo 12 minuti a fare un pezzo che all'andata avevamo fatto in una mezz'ora. A vederle correre in salita e in discesa con leggerezza sembravano piccoli stambecchi.

martedì 11 luglio 2017

Se non scrive, legge

Eleonora è partita dalla Svezia con un obiettivo: trovare il nuovo libro delle avventure di Percy Jackson in italiano. Così oggi siamo andati in una libreria di Lecco a fare incetta di libri.
Missione compiuta.
E quando le bimbe sono in una libreria o una biblioteca sono contente. Talmente contente che perdono il senso del tempo. Infatti la proprietaria ci ha fatto notare in maniera molto discreta che era arrivato l'orario di chiusura...
Una volta a casa l'unico modo di distrarle dai libri presi è stato quello di fare tutti insieme una tarte tatin, che è venuta squisita.

lunedì 10 luglio 2017

Felicità è un camino accesso

Dalla casa al lago ci si mettono una ventina di minuti in discesa, il doppio a tornare su.
Oggi siamo andati giù a piedi. L'acqua del Lario non sarà calda per gli adulti, ma per i bambini va benissimo. E poi Sofia è troppo contenta di questa sua estate senza braccioli, ogni occasione va sfruttata.
Siamo scesi con un bel sole. Il meteo diceva pioggia dalla tarda sera. Invece già verso le cinque si è fatto nuvoloso e nel giro di pochi minuti piovigginava. In acqua solo due bambine: Eleonora e Sofia. Pioggia finita in cinque minuti. Abbiamo però deciso di muoverci visto che arrivavano nuovi nuvoloni. Poche centinaia di metri e ha iniziato a diluviare. Sosta sotto i portici e dopo un quarto
d'ora ripartenza. Il temporale però era stato violento. Lungo la strada scendevano fiumi d'acqua. Arrivati all'inizio della salita più lunga e ripida (sarà un km e mezzo) un papà in macchina con la figlia ci ha chiesto dove stessimo andando, e quindi ci ha dato un passaggio (eterna gratitudine!!).
Arrivati a casa abbiamo deciso che il camino ci sarebbe stato proprio bene, e che nonna Marghe è stata un genio quando ha decIso nella spesa di metterci anche la pastina e il brodo vegetale, che con due uova di rinforzo e parmigiano abbondante sono la cena perfetta mentre la pioggia batte sulle finestre.

Le cose dell'estate

Andare a prendere l'acqua alla fontana (con lo stesso contenitore), innaffiare i fiori, la passeggiata sino al "sasso", la spesa nell'unico negozietto gestito sempre dalla "Lady di ferro" (soprannominata infatti Thatcher sin dal primo acquisto nei primi anni '80 e ancora tale e quale), la cena alle sagre di paese con piatti semplici, ma che sembrano avere un gusto speciale. I ricordi delle mie estati diventano quelli di Eleonora e Sofia.

sabato 8 luglio 2017

Ritorno al passato

La casina nel piccolo paese su "Quel ramo del lago di Como" è in sé un ritorno al passato, e il tornarci da decenni riporta ogni volta memorie che sia Eleonora che Sofia amano farsi raccontare. E visto che il bello di una vacanza è anche "disintossicarsi" dal quotidiano ecco che Eleonora ha deciso: meno telefonino e tablet, più macchina da scrivere.
Sarà divertente vedere la faccia di chi le correggerà i compiti...

giovedì 6 luglio 2017

Iniziano le vacanze

Prima tappa:  otto giorni da solo con Eleonora e Sofia vicini a un luogo manzoniano.

mercoledì 5 luglio 2017

martedì 4 luglio 2017

Prima vittoria

La categoria era quella facile (lätt), e le partecipanti non erano molte (5), ma ciò non toglie che Eleonora ha vinto una gara di orientamento mentre era dai nonni.
E, chiaramente, ha festeggiato facendo non una, ma due torte con la nonna.

lunedì 3 luglio 2017

Come farla contenta

Oggi per Sofia ultima settimana di "tempo libero" prima delle vacanze. Si svolge nei locali della sua scuola con il suo personale del doposcuola. Così le ho chiesto se voleva andare in bici.
Ha fatto il percorso tutta raggiante. Una volta arrivati mi sembrava più alta di un paio di centimetri.

sabato 1 luglio 2017

Il turno di Eleonora

Dopo la settimana di entrambe a casa per il campo estivo di atletica (Eleonora adora il lancio del martello e il salto in lungo, a Sofia piacciono il giavellotto e il disco, entrambe trovano strano il salto triplo), adesso è il turno di Eleonora di passare qualche giorno dai nonni mentre Sofia andrà al "tempo libero".
Bicicletta, corsa nel bosco, nuoto nel laghetto, una soffitta piena di libri e fare dolci con la nonna. Si può chiedere di più da una vacanza?

giovedì 29 giugno 2017

Più svedesi degli svedesi

Tappa in ufficio a Berlino. I colleghi tedeschi hanno creato una stanza "genitore-bambino" persino (molto) più organizzata di quelle nell'ufficio svedese. Diversi prodotti IKEA la fanno da padroni e c'è persino l'alce di peluche.
#piùsvedesideglisvedesi

mercoledì 28 giugno 2017

Primi e secondi

I numeri primi soffriranno anche di solitudine, ma secondo me i secondi figli, che spesso si trovano la strada spianata (lo so per esperienza) a volte hanno qualche svantaggio rispetto ai primi. Ad esempio, con Eleonora abbiamo fatto molte cose per il fatto che fosse la nostra prima figlia. Con lei abbiamo fatto il "nuoto con bebè" (abbiamo una sua splendida foto sott'acqua), che è una cosa che non abbiamo fatto con Sofia. A Eleonora abbiamo insegnato ad andare in bici abbastanza presto, ma quei sabati e quelle domeniche pomeriggio forse erano occupate quando avrebbe dovuto essere il turno di Sofia. E così Sofia è da poco che va sicura in bici. Avrebbe voluto andare a scuola in bici prima della fine dell'anno scolastico, ma non c'è stata l'occasione. Allora, visto anche il bel tempo, oggi abbiamo deciso di andare in bici al campo estivo di atletica.
All'andata era concentratissima. La strada è anche più lunga di quella per andare a scuola (ma è anche più sicura, con meno incroci e quasi tutta su pista ciclabile). Io la guardavo mentre pedalava: viso sorridente e sguardo concentrato.
Al ritorno abbiamo deciso di fare una strada ancora più lunga, mettendoci anche un pezzo di sterrato e un paio di semafori in più.
Quando è arrivata a casa era l'espressione vivente della gioia e dell'autostima.

martedì 27 giugno 2017

lunedì 26 giugno 2017

Nel volantino la foto era diversa


Oggi per Eleonora e Sofia primo giorno di campo estivo di atletica. Nel volantino il tempo era soleggiato e i bambini correvano allegri e sorridenti. Questa mattina c'erano 16 gradi e pioggia torrenziale...

domenica 25 giugno 2017

Ius soli ?


In tempi di discussioni su ius soli e ius sanguinis scelgo in maniera opportunista (e probabilmente travisando un po' il senso voluto dal rapper) di seguire il testo di J-Ax in "L'Italia per me" che dice "...non conta se ci nasci, conta se la ami...". Eleonora e Sofia non sono nate in Italia, ma sono cittadine italiane. Io a loro cerco di insegnare la lingua, gli usi e i costumi che ho imparato io (e che magari non saranno più attuali nel giro di un paio di generazioni), la storia, la geografia, la cultura. Fra un paio di settimane Eleonora si metterà un po' alla prova facendo il suo primo campo estivo da sola in Italia, con bambini italiani. Al corso di vela dell'anno scorso dormiva con noi a casa. Quest'anno sarà via tutto il tempo.

Sia Eleonora che Sofia si sentono italiane, ma è un fatto che entrambe si sentono anche molto svedesi (e lo sono). Crescere in un paese, frequentarne la scuola, parlarne la lingua e, chiaramente, avere la mamma di quella nazione, sono tutti aspetti che contribuiscono a diventare parte di una società. Eleonora e Sofia mischiano: festeggiano Midsommar, ma anche la Befana, fanno il tifo sia quando vedono un atleta con le tre corone che uno in azzurro savoia, fra di loro giocano in svedese e litigano in italiano.

Se fossero nate quando abitavamo in Canada avrebbero la cittadinanza canadese. Avrebbe senso? Ma anche se io non insegnassi loro l'italiano sono comunque cittadine italiane, con diritto di voto. Ha senso anche questo? A volte credo che la scelta dovrebbe essere loro, e che dovrebbe essere basata sul ricevere dei diritti in cambio di doveri, verso lo Stato del quale vogliono essere cittadine. Una dimensione al di là del sangue e del suolo.




sabato 24 giugno 2017

Midsommar

 Midsommar è probabilmente la festa più sentita in Svezia. Noi l'abbiamo passata da nonna Eivor e nonno Bosse. E Sofia ha scoperto che una sua compagna
di classe con la quale gioca spesso ha la seconda casa a dieci minuti da dove siamo noi.


venerdì 23 giugno 2017

Messaggio bilingue

Eleonora è stata a casa per la prima volta da sola con una amica (Anette è arrivata quando stavano per andare a letto, io quando già dormivano). Si sono fatte la pasta e hanno fatto dei biscotti. Mi hanno lasciato un messaggio. Per sicurezza in due lingue!

giovedì 22 giugno 2017

Una nuova amica immaginaria

Storicamente l'amica immaginaria di Eleonora è Maria Medina. C'è dai tempi dell'infanzia. Era comunque da un po' che non si vedeva.
Ieri Eleonora mi ha detto che Maria Medina ha traslocato. Ha lasciato il posto a una nuova amica immaginaria, più adatta a una quasi adolescente ed è andata da un'altra bambina piccola.

martedì 20 giugno 2017

Il vento sulla luna

Un paio di mesi fa ho comprato i biglietti per la versione teatrale de "Il vento sulla luna" (di Linklater, libro che è piaciuto sia a Sofia che a Eleonora). Quando poi abbiamo deciso che i nonni potevano tenere Sofia per qualche giorno mi sono completamente dimenticato di vedere se quella settimana ci fossero altri impegni. Chiaramente abbiamo scelto la settimana dello spettacolo teatrale. 
E così abbiamo deciso di regalare loro i biglietti dello spettacolo in cambio dello sbattimento loro di farsi 70 km avanti e 70 indietro, cosa che hanno accettato volentieri  (o per lo meno con un sorriso e molta cortesia).
Lo spettacolo è piaciuto a tutti.
E adesso Sofia è tornata a casa dei nonni.