lunedì 16 luglio 2018

Memorie e memoria

Uno spera che le vacanze lascino alle bimbe delle belle memorie. Possono essere sapori, come certi gusti del gelato di "Marco" o il branzino di "Massimo", oppure certi scorci, certi panorami (Trieste vista dal castello di Miramare), o a volte delle canzoni, cantate da tutti a squarciagola in auto.

È importante però anche la memoria di eventi che hanno fatto la storia. E così oggi siamo stati anche alla Risiera di San Sabba.
Abbiamo pianto tutti e quattro.


sabato 14 luglio 2018

E adesso vacanze insieme!

Sofia ha finito il corso di vela a Mandello. Si è divertita tantissimo, grazie anche allo splendido lavoro delle tre istruttrici.
Dal Lario ci siamo trasferiti e siamo andati a riprendere Eleonora, che era a Lignano al Gazzetta Summer Camp. Eleonora si è divertita un mondo. Esperienza proprio bella sotto tutti i punti di vista.

Adesso inizia la nostra vacanza in Friuli.

giovedì 12 luglio 2018

A cena da soli

Questa sera il corso di vela di Sofia ha organizzato una pizza per i partecipanti al corso.
E così io e Anette ci siamo trovati inaspettatamente con una sera tutta per noi.

Nota: Sofia oggi ha fatto praticamente da un lato all'altro del lago da sola. L'insegnante lo ha chiamato "Independence day", aiuta i bambini a sentirsi indipendenti.

lunedì 9 luglio 2018

Tempo di campi estivi in Italia

Eleonora l'abbiamo lasciata al pullman in una piazza dalla quale di pullman ne partivano almeno una decina verso mezza Italia. Via via che arrivavano le persone si chiedevano "Danza a Cesenatico?" o "Multisport a Canazei?".
Gli organizzatori però erano scaltri, e alla fine ognuno è salito sul bus giusto.
Ieri sera ci ha chiamati. Prima impressione buona.
Le hanno dato il soprannome Ikea. Ha detto che le è andata meglio della ragazza Svizzera che si è beccata Toblerone...

Sofia fa il corso di vela. La lasciamo al mattino e la prendiamo nel pomeriggio. Si è divertita tantissimo oggi, primo giorno.

sabato 7 luglio 2018

Passata quota 170

Arrivati a Milano.
Il rito prevede la misurazione delle bimbe, con relativa tacca sullo stipite della porta della cucina.
Pietra miliare per Eleonora. È alta 171cm.

mercoledì 4 luglio 2018

Un ottimo acquisto

Ordinata venerdì è arrivata ieri e l'abbiamo ritirata oggi. Subito provata. La gelatiera è un portento. 45 minuti e c'è più di un litro di gelato che ti aspetta.
Eleonora è dai nonni, ma ci ha chiesto di tenerle da parte una coppetta della prima produzione.
Sofia, dopo quello ai mirtilli, sta già pensando ai vari gusti che vuole fare.

domenica 1 luglio 2018

Il turno di Eleonora dai nonni

Oggi Eleonora ha preso il pullman per andare dai nonni, che ce la riporteranno venerdì.
Piccolo momento di suspense... è scesa alla fermata successiva rispetto a quella dove la aspettava la nonna (il paesino è piccolo, ma ha due fermate).
La aspettano bagni nel lago e orienteering nei boschi, tantissimi libri, la soffitta, gatto Simon, le frittelle di nonno Bosse e le torte di nonna Eivor.

sabato 30 giugno 2018

Tornati al completo

Con Stefan Tärnhuvud,
velocista
Oggi siamo andati a prendere Eleonora dopo una settimana di campo estivo.
Si è divertita alla grande, ha fatto nuove amicizie, ha persino conosciuto amici che saranno nella sua nuova scuola dopo le vacanze.
Si è appassionata al salto in alto e alle distanze sprint. Con gli amici hanno fatto esercizi di team building. Dalle 6:45 alle 22:30 di ogni giorno è stata tutta energia positiva.

mercoledì 27 giugno 2018

Dal minimalismo alla telefonata

Mentre ero in taxi tornando dall'aeroporto mi è suonato il telefonino. Era Eleonora.
Mi ha raccontato di come le sta andando il campo estivo, degli amici nuovi da tutta la Svezia, della nuova passione per il salto in alto e di molto di più.
Sorpresa molto piacevole :-)

martedì 26 giugno 2018

Messaggi minimalisti

Dal campo estivo di Eleonora le notizie arrivano centellinate, monosillabi mandati con parsimonia.
Si capisce però che si sta divertendo tanto e che il campo è interessante e gestito bene.
Domani c'è la boa di metà settimana.
Chissà se alle 16:00 si fermeranno come sembra che si fermerà tutta la nazione per vedere Svezia-Messico...

domenica 24 giugno 2018

Torna una, parte l'altra

Oggi abbiamo portato Eleonora al campo estivo sportivo. Lei farà quello di atletica, ma in quello che si potrebbe chiamare un mini villaggio olimpico ci sono quasi duemila ragazzi e ragazze a fare anche calcio, danza, ginnastica, basket, tiro a segno, multisport, pallamano, innebandy (una specie di hockey giocato in palestra), hockey su ghiaccio e tennis.

Il tutto è iniziato con uno spettacolo che ha alternato brani cantati da una delle cantanti pop in voga in Svezia a spiegazioni su come viene istruito il personale, sulla lotta al bullismo e sul campo in generale.
Ogni sera, messi a letto i ragazzi, gli istruttori discuteranno di come far sì che ognuno si trovi bene.

L'organizzazione è affascinante. Oltre a circa un migliaio di educatori e allenatori che si alterneranno nelle quattro settimane in cui ci saranno attività (ogni ciclo dura una settimana), il campo è anche opportunità di lavoro estivo per oltre 250 studenti.

Andremo a riprenderla sabato. Nel frattempo i nonni ci hanno riportato Sofia.

venerdì 22 giugno 2018

Un classico di midsommar

Maggio è stato uno dei mesi più caldi della storia svedese.
Ai primi di giugno abbiamo toccato i 31 gradi.
Abbiamo avuto più di un mese senza nemmeno una goccia di pioggia.
L'altro ieri e ieri sono arrivate le nuvole e un po' di acqua.

Oggi è midsommarafton. Per molti svedesi è un giorno più importante di Natale. È il giorno in cui le famiglie si riuniscono, in cui si balla
intorno al majstång cantando brani tradizionali.

Ha piovuto esattamente da metà mattina a un'ora dopo i balli.

Adesso è tornato il sole.

giovedì 21 giugno 2018

Vacanza attiva

In quattro giorni dai nonni Sofia ha:
- sparato col fucile ad aria compressa (sotto la guida di nonno Bosse)
- fatto biathlon estivo (corsa + tiro)
- corso una gara di orienteering (con nonna Eivor)
- fatto il bagno in piscina (con entrambi, li ha persino convinti a provare lo scivolo toboga)

Credo sia la definizione di vacanza attiva.

(Ha anche letto e coccolato gatto Simon)

mercoledì 20 giugno 2018

Famiglia sparsa

Io a Roma, Sofia dai nonni, Anette ed Eleonora a casa.
Settimana prossima ci sarà Sofia a casa, ma io sarò ad Amsterdam ed Eleonora al campo estivo sportivo.
Saranno le vacanze in Italia a riunirsi.
Quest'anno Friuli!

domenica 17 giugno 2018

Tradizione estiva

Lasciare una delle bimbe dai nonni per poi andare a riprenderla quando si festeggia midsommar (il solstizio d'estate) è oramai una tradizione.
Oggi tocca a Sofia.

Eleonora già pregusta di guardare accoccolata con me e Anette tutte le serie televisive con categoria 13+

sabato 16 giugno 2018

Piccole vendette

Lunedì pomeriggio alle 14:00 ci sarà Svezia-Corea per i mondiali di calcio.
Sto seriamente pensando di organizzare una riunione con obbligo di presenza...

giovedì 14 giugno 2018

Il pieno di libri

Eleonora e Sofia oggi hanno approfittato del primo giorno di vacanza per usufruire dell'iniziativa della biblioteca di zona che presentava libri per tutte le età e offriva del gelato. A chi prendeva in prestito uno o più libri veniva data una valigetta, e a chi porterà una recensione verrà dato un piccolo regalo.
Bella iniziativa!

martedì 12 giugno 2018

Ultimo giorno di scuola

E così è arrivata anche la fine di questo anno scolastico.
Per Eleonora è anche l'ultimo in questa scuola. Da agosto inizierà il triennio 7-9 in un'altra scuola.
E fra poco più di 5 mesi sarà ufficialmente una teen ager.
E che adesso inizino le (loro) vacanze.
Buona estate!

domenica 10 giugno 2018

Diamond League

Oggi allo stadio di Stoccolma si svolgeva una delle tappe della Diamond League di atletica leggera.
Fra i premi vinti da Eleonora e Sofia settimana scorsa c'erano anche quattro biglietti per le gare odierne (due a testa), e così oggi tutta la famiglia è andata a vedere la competizione.
Quattro record dello stadio, clima perfetto, bambine affascinate. Un pomeriggio molto piacevole grazie a Eleonora e Sofia!

venerdì 8 giugno 2018

Diverse anche in questo

Su alcune cose Eleonora e Sofia sono molto diverse. Sofia adora le bevande frizzanti, Eleonora beve solo acqua naturale, latte o succo di mela. Eleonora ama il cioccolato fondente, Sofia solo quello al latte. Sofia ama i frutti di mare, Eleonora lì lascia nel piatto.

Oggi ho scoperto un'altra differenza. Lo shopping. Sofia adora provare i vestiti, Eleonora no.
Sofia si diverte a comprare le scarpe. Per Eleonora è una tortura.

mercoledì 6 giugno 2018

Riflessione su whatsapp e cellulari

Non vedo molto la relazione fra il cellulare e l'attività fisica. Sofia a 8 anni ha il telefonino, ma fa anche danza, pallavolo e nuoto, fa gare di orienteering e nel tempo libero corre (10'19" su 2,3km sono un tempo di tutto rispetto. Provare per credere). Gioca in casa, in giardino e in strada con i figli dei vicini e con la sorella. Sorella di 12 anni che ha il telefonino da quando ne aveva 9 e che fa tennis (va e torna da sola, in bici, dagli allenamenti), pallavolo, orienteering, e che 2,3km li fa in 9'36".

Con Whatsapp entrambe comunicano con nonni e amici in Italia, con zia Helena che abita a 600km e con gli amici, i compagni di classe e quelli di squadra. È uno strumento come tanti, senza il quale a volte si rischia di rimanere fuori, ma non nel senso di "all'aperto".

Con il computer ci si può imbesuire a guardare YouTube o si può programmare in Scratch (Eleonora fece il primo corso di programmazione quando aveva 8 anni). Minecraft sviluppa la creatività. Come con i libri e i fumetti, c'è di tutto, dal classico alla baggianata.

La mancia a Eleonora la mettiamo direttamente sul suo conto, e l'app dei pagamenti sul suo telefonino fa sì che non debba andare in giro con troppi contanti.
Con un'altra app, WattPad, Eleonora coltiva (in parte) la sua passione per la scrittura. Il concorso di scrittura al quale ha partecipato, e che è risultato nella pubblicazione del suo racconto in un libro, si è svolto tutto in digitale, fra tablet e computer.
Quando Eleonora cucina il telefonino la aiuta sia a cercare ricette che a invitare le amiche a cucinare con lei. Il modo migliore di fare le uova in camicia in 70 secondi nel microonde lo ha trovato su Youtube.

Quando era al cinema con le amiche ieri era chiaramente spento, come spento è quando è a scuola (va lasciato in una apposita scatola entrando in classe), tranne quando rispondono a quiz di studio usando l'app Kahoot. L'app Duolingo aiuta Eleonora con il tedesco e Sofia con l'inglese.

Certo, il telefonino è uno strumento con pro e contro, e le app e i social hanno vantaggi, svantaggi e rischi, e quindi sta a noi genitori conoscere, monitorare, controllare, capire, leggere, consultarci, stabilire regole e far sì che vengano rispettate. Ed è un lavoro costante, visto che nuove app escono quotidianamente.
Ad esempio, noi abbiamo il controllo sulle app che scaricano, e possiamo verificare i contenuti in ogni momento. Sulle app con funzione social Eleonora non è mai registrata con il proprio nome e non fornisce mai informazioni personali. Sofia non può usare social e su Whatsapp abbiamo il pieno controllo dei suoi contatti (e chiede sempre se può aggiungere qualcuno). Abbiamo linee guida sul "tempo di schermo" (telefonino + cellulare + tablet + tv, esclusi i compiti).

Quanto sopra è ciò che io e Anette reputiamo funzioni per noi e per le nostre figlie, considerati tanti elementi, da dove viviamo alle regole che abbiamo in casa. Non è comunque una verità assoluta. Rispetto, e ascolto con interesse, le altre opinioni.

Una piacevole sorpresa

Nella casella della posta Eleonora ha trovato un regalo molto piacevole da parte della Provincia di Stoccolma: una tessera dei mezzi pubblici valida per tutto il periodo delle vacanze. Vale per viaggi in tutti i 26 comuni della provincia. Dal 16 giugno al 9 agosto.
Regalo molto apprezzato.
...che sia perché a settembre ci sono le elezioni?

lunedì 4 giugno 2018

Conto alla rovescia

Sofia e alcuni suoi compagni hanno un loro gruppo Whatsapp chiamato 2a C.
Oggi si chiama "Meno 9 giorni alla 3a C"

(Nota: qui a 6 anni si va nella classe 0. Sofia sta frequentando il terzo anno di scuola).

domenica 3 giugno 2018

Due di coppe

Oggi era il giorno di Minimaran, competizione su fondo misto sterrato, asfalto e pista di 2310 metri. Il tutto con 31 gradi che qui sono un caldo estivo non sempre comune.

Sofia l'anno scorso era arrivata seconda, e aveva detto che quest'anno avrebbe voluto vincere. L'anno scorso era entrata per prima nello stadio, ma era stata superata all'ultima curva. Oggi si è presa la rivincita. Seconda prima dell'ultima curva ha piazzato l'allungo vincente ed è andata a prendersi la vittoria.

Eleonora ha fatto anche lei una bellissima prestazione ed è andata a prendersi quel sesto posto che vale l'ultima posizione sul podio e una coppa. Vista la gara di ieri e il fatto che la competizione era veramente agguerrita non so proprio dove abbia trovato le energie. Veramente sorprendente.

sabato 2 giugno 2018

È ancora sul veloce andante

Questo anno per Eleonora è stato l'anno della pallavolo. Una sola gara di orienteering. La corsa è stata un po' messa da parte, tranne nell'ultimo mese, nel quale siamo usciti insieme tutta la famiglia.

Eleonora si era comunque iscritta alla maratona junior, che avrebbe dovuto essere di 3700m ma che per errore del direttore di gara
è diventata di 2000m (!!)

Eleonora lì ha percorsi in 7'50". Quarta nella sua categoria. E per fortuna che dice che la corsa non è il suo sport...

giovedì 31 maggio 2018

Potere dell'unicorno

Oggi al lavoro c'era un'iniziativa per stimolare i dipendenti a suggerire idee su prodotti e servizi nuovi. L'idea vincitrice verrà completamente finanziata e prodotta, e la cosa varrà verosimilmente anche per un paio delle altre finaliste.
L'iniziativa è chiamata "Il prossimo unicorno".
A cerimonia finita c'erano un po' di gadget e la collega che ha organizzato l'evento mi ha chiesto se volessi portare a casa un unicorno palloncino. Detto e fatto.

Devo dire che passeggiare con un palloncino a
forma di unicorno è un'esperienza unica. Ti sorridono tutti, i bambini ti salutano e fanno suoni di ammirazione, e si è persino fermato uno a chiedermi se glielo potevo vendere.
Una volta arrivato a casa poi è stata festa grande.

È un'esperienza che consiglio! Porta gioia.

mercoledì 30 maggio 2018

È andata a scuola da sola

E dopo esser tornata da sola oggi, per la prima volta, Sofia è andata a scuola da sola.
Piccola pietra miliare.


...ma come facevano i genitori apprensivi di una volta quando non c'era il telefonino??? :-)

lunedì 28 maggio 2018

Obiettivo raggiunto

Quest'estate Sofia farà un corso di vela. L'iscrizione prevedeva il saper nuotare. Sofia si era quindi posta l'obiettivo di raggiungere il livello "Squalo", 200m senza soste, di cui 150 a stile libero e 50 a dorso.
Ieri ha finito il corso.
Prova superata egregiamente.
Adesso sa nuotare, e anche benino, e ha un buon fiato.

sabato 26 maggio 2018

Dallo schizzo alla torta

Oggi c'era l'ultimo allenamento di pallavolo prima delle vacanze. La tradizione vuole che ognuno porti qualcosa.
Eleonora e una sua amica hanno deciso di fare una torta in stile beach volley, e così l'hanno proprio disegnata pianificando disegno e sapori. Niente ricette di altri questa volta. Creazione originale!

martedì 22 maggio 2018

Un giorno a scuola con Sofia

Le lezioni del giorno 
Oggi sono stato a scuola con Sofia. Per tutto il giorno. L'orario prevedeva svedese (lettura), poi un progetto di realizzazione di un cartone animato (attività in collaborazione con una società esterna), quindi
Un fotogramma
 alla volta
arte e infine matematica, con tanto di compito in classe. Sofia poi aveva anche l'ora di italiano. Il tutto con intervalli e refezione.

È stata una esperienza molto interessante, educativa, che mi ha permesso di capire la complessità del lavoro che gli insegnanti devono gestire ogni giorno. Una ventina di otto-novenni hanno energia da vendere che va
canalizzata. Hanno modi di apprendere e di approcciarsi al lavoro di gruppo che possono
Il compito
 corretto insieme
essere diametralmente opposti. Aggiungi la complessità dovuta al fatto che per alcuni lo svedese non è la lingua dei genitori (anche se va dato merito ai bambini che la apprendono velocemente e con interesse), ed ecco che mentre torni a casa hai per gli insegnanti un insieme di gratitudine e ammirazione.

lunedì 21 maggio 2018

Ora ci aspettano.loro

Di solito sono i grandi ad andare veloce e a dover aspettare i bambini.
Succede ad esempio quando si va a fare i turisti.
Nel nostro caso è il contrario.
Un paio di volte a settimana andiamo a correre tutti e quattro insieme. Abbiamo due giri standard, uno da 4km e uno da 5km.
Eleonora e Sofia le vediamo alla partenza e all'arrivo, per il resto ne vediamo le schiene per qualche minuto.
Sono loro ad aspettarci all'arrivo.
Io capisco come si sente Wile E. Coyote con Beep Beep...

domenica 20 maggio 2018

Quando capisci veramente il testo di una canzone

Ci sono canzoni che hai cantato tante volte senza riflettere sul testo. Magari lo hai anche imparato a memoria, almeno il ritornello, ma in realtà non è mai diventato parte di te.
Poi succede qualcosa, e quel testo assume un altro senso, ti emoziona e diventa parte di te.
A me (e ad Anette) è successo con una canzone degli Abba. Mentre tutta la famiglia è sul divano accoccolata a guardare "Mamma mia" parte Slipping through my fingere... e tu guardi la tua figlia fra poco adolescente, che cresce a passi giganti, che cambia a vista d'occhio, e quella canzone di colpo ti parla come non ha mai fatto prima. E mentre le bimbe guardano il film e ridono non capiscono perché tu e tua moglie vi abbracciate e i vostri occhi sono un pochino lucidi.

Nota: Anche la versione che gli Abba cantano in spagnolo, Se me está escapando, è molto carina, e forse parla a un cuore latino in maniera ancora più diretta della versione originale in inglese.

venerdì 18 maggio 2018

L'amica e il fumetto

Questa sera Sofia ha una compagna di classe che rimarrà a dormire da noi.
Mentre cenavamo ho visto un fumetto disegnato da questa amica. È il piano di tutte le cose che vorrebbe fare, fra le quali ci sono il giocare in giardino (lo stanno facendo adesso), il giocare in casa, e il raccontarsi storie di fantasmi questa sera prima di dormire.

Mi sa che si sentiranno cigolii e risate spettrali...

mercoledì 16 maggio 2018

La prima volta

L'occasione è nata da un evento organizzato da Dagens Nyheter, il maggior quotidiano svedese. A settembre in Svezia ci saranno le elezioni, e DN ha organizzato il primo incontro fra il leader dei Moderati (attualmente all'opposizione) e il ministro dell'industria (socialdemocratico).
Clima politico ancora rilassato e clima meteo da 25 gradi. L'evento mischiava il dibattito, un deejay e un drink su una terrazza con vista splendida.
Difficile dire di no.
Il ministro e il leader dei Moderati
È così io e Anette abbiamo chiesto a Eleonora e Sofia se se la sentivano di andare a casa da scuola da sole e di cenare da sole (con tutto praticamente pronto).
Loro sono state entusiaste.
Noi pure. Dibattito, drink e pizza da Eataly.  Soli io e Anette, con le bimbe a casa da sole e autosufficienti.

lunedì 14 maggio 2018

Lei si diverte così

Eleonora all'idea. Entra in un armadio e chiude le ante. Quando sente che fuori c'è gente esce con aria naturale e dice: "A Narnia ancora tutto bene".

Certe facce sono da candid camera :-)

domenica 13 maggio 2018

Picnic

L'idea l'ha avuta Sofia: "Andiamo a fare un giro
in bici e un picnic?".
Detto fatto. Insalata con feta, club sandwich, fragole e caffè. Anette ha preparato tutto il cestino da manuale. Io ho preparato le bici. E via!
Il parco di Ursvik (a Sundbyberg) è stata la meta prescelta. Non ha il fascino di Hagaparken, ma ha molti posti anche per fare la grigliata.

sabato 12 maggio 2018

Finalmente il caldo

Finalmente è arrivato il caldo vero, quello oltre i 20 gradi con il sole, quello che fa sì che scatti il comportamento standard svedese:
- pantaloncini corti, maniche corte, tutti al sole a fare il pieno di vitamina D
- colazione, pranzo e cena all'aperto, meglio se in compagnia
- per chi ce l'ha, il barbeque
- per Eleonora e Sofia il giocare saltando intorno agli irrigatori mentre sono accesi
E una volta calata la temperatura si rimane comunque all'aperto. C'è luce. Basta a dare l'idea dell'estate che arriverà e cancella il buio dell'inverno.

giovedì 10 maggio 2018

Le streghe

Al teatro Dramaten di Stoccolma tutta la famiglia è andata a vedere Le Streghe di Dahl. Chi ha letto il libro capirà perché Anette è l'unica della famiglia alla quale entrando in sala siano stati dati un paio di guanti.
Rappresentazione molto, ma molto bella. La Strega Suprema è interpretata da Marie Richardson (recitò fra l'altro in Eyes Wide Shut).
Merita davvero.

martedì 8 maggio 2018

L'amico di penna

Sofia ha un nuovo amico di penna.
Lo ha trovato grazie a un giornalino che leggono entrambi.
Nell'epoca di WhatsApp, Snapchat, instant messaggino, Instagram e della posta elettronica, loro si mandano lettere scritte a mano su carta. Quelle che quando le trovi fra le pubblicità nella casella ti aprono il sorriso prima ancora di aver aperto la busta.

domenica 6 maggio 2018

Argento

 Siamo sul treno per tornare a casa. Passata la delusione di aver perso al tie-break emerge la gioia per un torneo giocato bene.
Partite del girone di eliminazione vinte senza
concedere un set, così come il quarto di finale stamattina. Perso il primo set in semifinale, le ragazze hanno poi vinto il secondo e il tie-break. Perso il primo e vinto il secondo set anche nella finale, purtroppo per Eleonora e le sue compagne di squadra le avversarie erano veramente forti. Tie-break perso di due punti e una medaglia d'argento che comunque ha un buon sapore: quello del gelato!

sabato 5 maggio 2018

Mikasa - primo giorno

Prendi 60 società di pallavolo che iscrivono un totale di 269 squadre da tutta la Svezia di ragazzi e ragazze dai 10 ai 13 anni per un torneo con 900 partite giocate su 46 campi. Fai dormire tutti nelle classi delle scuole, portali la prima sera a una partita della nazionale e la seconda in un centro culturale con discoteca e palestra di arrampicata ed ecco il Mikasa Challenge.
Challenge è anche farli dormire all'ora prestabilita, ma è molto divertente ed educativo stare con loro per tre giorni!

giovedì 3 maggio 2018

Torneo Mikasa

Domani io ed Eleonora partiamo nel pomeriggio per il Mikasa Challenge. Tre giorni di pallavolo. Squadre da tutta la Svezia. Centinaia di bambini (e adulti) a dormire nei sacchi a pelo nelle scuole che ci ospitano.
È il terzo anno consecutivo.

martedì 1 maggio 2018

Per scelta loro

Da un po' di tempo con Eleonora è Sofia l'accordo è che le foto di loro su questo diario devono venire approvate da loro. Recentemente abbiamo parlato anche dei contenuti dei post. Loro vogliono sapere cosa scrivo, e vogliono poter partecipare alla discussione se ciò che voglio raccontare possa essere di pubblico dominio o no.
Alcune cose decidono oramai di condividerle in maniera diretta (tipo Whatsapp) con parenti e amici. Altre non vogliono farle sapere urbi et orbi. Ne va della loro immagine "social".

sabato 28 aprile 2018

Piccole cuoche crescono

 Sofia ha deciso che stasera era il suo turno di preparare la cena. Come antipasto ci ha preparato una "Cialda alla barbabietola con profumo di rosmarino servita con feta e miele al rafano".

Quando ci si mette è abbastanza caparbia e ottiene ottimi risultati.
A volte mi chiedo se si metta in competizione con Eleonora...

giovedì 26 aprile 2018

Zia Helena

La sorella di Anette è ospite da noi per un paio di giorni. Ricordo che quando veniva a trovarci mia zia entrava dicendomi, con un sorriso, ma con un tono deciso, che era arrivata la "castigamatti".

Zia Helena si presenta in maniera più dolce. E domani Eleonora e Sofia si faranno accompagnare a scuola da lei.

martedì 24 aprile 2018

Prima volta a casa da sola

Oggi. Ore 17. Eleonora già a casa, io in centro a una conferenza, Anette ancora al lavoro.
L'idea è venuta ad Anette (dopo aver chiesto a me): chiedere a Sofia se voleva aspettare ancora 40-45 minuti o, per la prima volta, andare a casa da scuola da sola.
Chiaramente Sofia ha scelto la seconda opzione.
E così ha fatto questo piccolo grande passo.
E una volta arrivato a casa mi è sembrata più grande...

domenica 22 aprile 2018

Sherlock Gnomes

Oggi tutti i cinema facevano metà prezzo per i film "da bambini". Eleonora e Sofia hanno suggerito "Sherlock Gnomes". Ero molto titubante, ma ho accettato di accompagnarle.
Devo dire che è andata meno peggio di quanto mi aspettassi (uno dei segreti a volte è avere aspettative rasoterra...).

venerdì 20 aprile 2018

Con un mese di ritardo...

C'è un proverbio svedese che dice "En svala gör ingen sommar", letteralmente traducibile come "Una rondine non fa estate", segno che qui il caldo arriva più tardi.
Oggi qui è arrivato il primo vero giorno caldo dell'anno: 21 gradi.
E così abbiamo invitato degli amici e cenato in giardino inaugurando per la stagione il barbeque.

mercoledì 18 aprile 2018

Il saggio di ballo

Questa sera c'era il saggio di street dance di Sofia. Era inserito in uno spettacolo dei vari gruppi (balletto, street, musical, eccetera).
Alcuni genitori hanno visto tutto il saggio da dietro lo schermo del cellulare.
Uno di loro si è accorto di aver ripreso il bambino sbagliato quando era troppo tardi.
Altri ripetevano da seduti in platea le mosse del figlio o della figlia sul palcoscenico.
Altri ancora avevano macchine fotografiche iperprofessionali, con obiettivi che andavano appoggiati sulle spalle di quello seduto due file davanti a loro.


Io, Anette ed Eleonora ci siamo goduti lo spettacolo. Un paio di foto e poi concentrati su Sofia.





domenica 15 aprile 2018

Finale in famiglia

Ieri c'era la finale del campionato regionale di pallavolo. Quattro campi in parallelo, tre gironi. Playoff tutto in un giorno. Due partite per chi andava direttamente in semifinale, poi quarti, semifinale e finale. Tutto al meglio dei tre set.
La nostra società schierava due squadre in due gironi diversi. Una allenata da me, nell'altra giocava Eleonora .
Abbiamo vinto entrambi i gironi. Abbiamo vinto le semifinali. E così ci siamo incontrati in finale.
Partita combattuta. L'ultimo set è finito 30-28.
Il punto decisivo una schiacciata di Eleonora che ha piegato le braccia alla mia miglior giocatrice.
E così Eleonora è tornata a casa con una bella medaglia dorata al collo e un sorriso ancora più splendente. E per consolarmi mi ha offerto alcuni dei suoi dolcetti.

sabato 14 aprile 2018

La paggetta

Sofia è contentissima del suo nuovo taglio.
Noi non ci siamo ancora abituati. Però ci piace. Sbarazzino come lei :-)

venerdì 13 aprile 2018

giovedì 12 aprile 2018

Come bere acqua da un idrante

Eleonora e Sofia crescono.
Tanto.
Fisicamente, nel modo di essere, nel ruolo in famiglia.
Ieri sera la cena l'ha preparata Sofia. Eleonora, che aveva sentito che oggi è il mio turno di portare al lavoro qualcosa per accompagnare la "fika" (ogni giovedì alle 14:30 caffè e dolce tutti insieme, seduti ai divanetti), mi ha fatto trovare una torta al cioccolato fatta da lei.
Ogni giorno ci sono molti episodi che mi fanno pensare, che mi emozionano. E la sensazione è quella di bere da un idrante, da una cascata, riesci a cogliere solo una piccola parte. Il resto ti sfugge e ti travolge con la sua energis. Ma è comunque una bella sensazione.

lunedì 9 aprile 2018

Orientamento

Ieri tutta la famiglia si è data all'orienteering. Il percorso non era dei più facili, per cui Sofia è andata con Anette. Io ed Eleonora abbiamo gareggiato da soli. Lei è stata la migliore, nonostante non avesse fatto gare dall'estate scorsa (a parte la prova di orienteering a scuola per il voto di Educazione Fisica).

sabato 7 aprile 2018

Spia spiona

Al museo delle spie a Berlino c'è la possibilità di scrivere e stampare messaggi in codice Morse.
Sofia, da buona spia, me ne ha infilato uno in tasca...

giovedì 5 aprile 2018

Una lingua in più

Domani torneremo a casa ed Eleonora aggiungerà una nuova lingua ai suoi Harry Potter. Ha comprato il primo libro della serie in tedesco, lingua che ha iniziato quest'anno a scuola. Lo ha già letto in svedese, italiano e inglese, credo che alcuni passaggi lì conosca a memoria. Avendo appena iniziato però non si è posta un obiettivo di tempo.  È vero che lo svedese è una lingua germanica, ma le differenze ci sono, eccome.
Berlino piace comunque a tutta la famiglia. Ci torneremo!

martedì 3 aprile 2018

Berlino

Per le vacanze di Pasqua ho deciso che era ora di portare la famiglia in quella Berlino che spesso visito per lavoro (anche perché lo avevo promesso ad Anette da almeno un anno...).
Il primo giorno è andato bene. Visto che la primavera qui è già arrivata abbiamo deciso di camminare, intervallando visite a monumenti con soste per currywurst e la visita d'obbligo al negozio della Ritter Sport.
Il contapassi dell'iPhone di Anette dice che abbiamo fatto 20km.
Dalle bimbe nemmeno un lamento.
Girare con loro è quasi sin troppo facile.

domenica 1 aprile 2018

Pasqua di tradizione

Non siamo ancora nella fase "Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi". Per il momento è ancora una festa in famiglia con le tradizioni del caso: fiori gialli ovunque, decorazioni tipiche, dipingere le uova, cucinarle in mille modi, eccetera.
E così Eleonora ha fatto una torta rigorosamente ricoperta di marzapane giallo, Sofia ha fatto le uova strapazzate, io le "cloud eggs" e Anette... tutto il resto!
Buona Pasqua!

venerdì 30 marzo 2018

Troppo grande

Una tradizione pasquale svedese prevede che i bambini, vestiti da Påskkärring vadano a consegnare biglietti di auguri e ricevano dolcetti. È una tradizione che diversi vicini sembrano apprezzare più del "dolcetto o scherzetto" di Halloween.
Sofia ha abbracciato la tradizione. Lei e diversi bambini della via sono andati di casa in casa.
Eleonora, per la prima volta, ha rinunciato.

mercoledì 28 marzo 2018

Diario elettronico

Quando andavo a scuola io il diario era molto importante, e portarlo a casa con una nota, positiva o negativa, fonte di emozione.
Eleonora e Sofia hanno il diario elettronico. La comunicazione che a "Sport e salute" (educazione fisica) Sofia aveva superato la prova di nuoto è arrivata a me e ad Anette per posta elettronica. Prima che Sofia arrivasse a casa. Quando ce lo ha raccontato lo sapevamo già...

martedì 27 marzo 2018

Cha cha cha

Fra gli obiettivi didattici di Educazione Fisica in Svezia c'è, oltre al riuscire a fare esercizi come la ruota e il ponte, anche il saper controllare il corpo tenendo un certo ritmo. Ossia ballare. E così Eleonora e i suoi compagni di classe stanno imparando il cha cha cha.
Eleonora è persino riuscita a portare a casa un bel voto. Quella parte del dna di certo non viene da me (che ricordo la "Danza delle ore" in "Fantasia").

domenica 25 marzo 2018

Un tranquillo fine settimana di famiglia

Street-art svedese
Fine settimana passato all'insegna della famiglia e della tranquillità, con un sabato pomeriggio passato a guardare con Eleonora e Anette tre episodi di fila di Sherlock (mentre Sofia era dai vicini) mangiando il gelato direttamente dal barattolino.

Oggi, mentre tornavamo dal brunch, Eleonora e Sofia si sono fermate a giocare ai giardinetti. Io e Anette, seduti su una panchina decorata con arte di strada, le guardavamo mentre erano sullo scivolo. Sul viso eravamo scaldati dal primo sole di primavera, nel cuore eravamo scaldati dal vederle giocare, spensierate, allegre. Eleonora che sembra sempre più una adolescente, ma che ha ancora solo dodici anni. Sofia, che sta attraversando una fase di crescita e di autodeterminazione molto importante.

giovedì 22 marzo 2018

Fra scrittrici e donne ribelli

Questa sera, al museo Nobel di Stoccolma, Francesca Cavallo ed Elena Favilli parlavano dei loro libri "Storie della buonanotte per bambine ribelli (la versione in svedese del secondo libro uscirà fra poco).
Eleonora e Sofia hanno una copia a testa del libro, quindi per noi era un appuntamento abbastanza imperdibile.
È un libro che dovrebbe essere usato in tutte le scuole, e a dispetto del titolo consiglio di regalarlo anche ai bambini maschi. Le scrittrici sono due donne molto intelligenti, poliedriche, capaci di coinvolgere e stimolare il cervello dei bambini e degli adulti.
Sofia si è persa un po' della presentazione visto che era in inglese, ma con il libro sulle ginocchia sfogliava e leggeva di ogni donna di cui si parlava, ma alla fine ha chiesto l'autografo e ha avuto la dedica in italiano.
Eleonora, mentre tutti erano in coda per gli autografi, ha letto la copia in inglese del secondo libro (era in mostra). Parla anche della J.K. Rowling. Credo che lo leggerà sia in italiano che in svedese.

mercoledì 21 marzo 2018

A casa come al lavoro: calze spaiate

Al lavoro
Un semplice gesto per sensibilizzare
A casa
sulla sindrome di Down in particolare, e sulla diversità in generale. Lo abbiamo fatto a casa e al lavoro.

lunedì 19 marzo 2018

Segnali inconfutabili che tua figlia sta diventando adolescente

Dialogo via Whatsapp fra Anette ed Eleonora.

A: Se vedi questo - potresti mettere la pietra grande e pesante per la pizza nel forno? È sulla mensola di fronte al freezer.

E: A quanti gradi?

A: Il forno è acceso.
A: Metti solo dentro la pietra

E: Dov'è la pietra?

A: Puoi leggere il mio messaggio?
A: Cosa dice l'ultima frase?

E: Hehe.....

domenica 18 marzo 2018

Imparare a riciclare

Ci avevo fatto caso da qualche mese, ma non ne ero sicuro. Mi sembrava che alcune delle cose che buttavo nelle borse che portiamo alle campane con le cose da riciclare (vetro, metallo, carta e cartone) sparissero.
Ieri ne ho avuto la conferma. Ho chiesto a Eleonora di accompagnarmi a buttare alcune cose e lei ha prima tolto un paio di bottiglie. "Sono per Tecnica" mi ha spiegato. "Tutti i lavori e i laboratori lì facciamo con materiali di riciclaggio. Queste bottiglie le taglieremo, uniremo con del legno e diventeranno dei vasi".

venerdì 16 marzo 2018

La calciatrice

Sono tornato a casa dopo un paio di giorni nei Paesi Bassi.
Commento di Anette: "Per fortuna nel lettone torna qualcuno che scalcia meno di Sofia!" :-)

mercoledì 14 marzo 2018

Lezione di italianità

A economia domestica a scuola di Eleonora gli studenti hanno imparato a fare la pasta.
Eleonora ha insegnato a tutti la cottura, e il termine "al dente".
Piccole italiane crescono :-)

lunedì 12 marzo 2018

Non è più una bambina

Oggi per Eleonora controllo dal dentista. Tutto bene. Ha ancora cinque denti da latte, ma tutto sembrerebbe seguire il normale decorso. Nessuna carie, nulla di particolare da segnalare. I denti da latte dovrebbero cadere entro l'estate, per cui probabilmente potremmo ripassare dopo le vacanze.

A visita finita il dentista le ha regalato il consueto spazzolino, ma... questa volta solo quello e nessun giocattolino. Oramai è grande, per il loro sistema informativo è entrata nel 13esimo anno. Una teenager, non più una bambina!

sabato 10 marzo 2018

Tutti pronti per la finale

Questa sera c'è la finale di Melodifestivalen, il "San Remo" svedese.
Eleonora e Sofia sono interessate. Sarà l'argomento del giorno a scuola lunedì.
Sofia fa il tifo per Benjamin Ingrosso. Belloccio, simpatico, ha persino il nonno italiano e qualche anno fa scrisse "Hej Sofia".
Per l'occasione Sofia si è vestita di brillantini.
Eleonora ha un paio di canzoni preferite, ma non vuole sbilanciarsi sul vincitore.
Io spero che vinca Rolandz, che è un po' l'Elio e le storie tese locale.
Vedremo chi rappresenterà la Svezia allo European Song Contest!

Nota: Io e Anette siamo convinti che una volta cresciute le bimbe verosimilmente non guarderemo più il programma sino a quando diventeremo nonni.

venerdì 9 marzo 2018

Il suo primo racconto pubblicato

È arrivata con la posta, fra le bollette e le pubblicità, una busta un po' più grossa e un po' più pesante delle altre. Dentro c'era un libro, con i racconti vincitori, quei 17 racconti su oltre 300 inviati da ragazze e ragazzi fra i 10 e i 19 anni sparsi per tutta la Svezia. E fra quei racconti anche quello scritto da Eleonora. Försvunnen. Scomparsa.
.

giovedì 8 marzo 2018

Buon 8 marzo

Con tre donne in casa per me oggi è festa tripla!
(E Sofia ci ha tenuto a sottolineare che ogni giorno dovrebbe essere la festa della donna).

mercoledì 7 marzo 2018

Piccole soddisfazioni

Quando arrivando a scuola le compagne di classe di tua figlia le fanno i complimenti per le trecce, e lei dice con orgoglio: "Me le ha fatte papà!"


martedì 6 marzo 2018

Pragmatismo svedese

Al ristorante, i nostri amici hanno un figlio intollerante al lattosio, la cena era a buffet. La mamma non ha fatto in tempo a finire la domanda sul contenuto di uno dei piatti che le è stata data una scheda con tutti gli allergeni facile da capire anche per il figlio undicenne.

sabato 3 marzo 2018

Settimana bianca finita

Stando alla app abbiamo fatto 130 risalite su 32 impianti diversi, più un paio di uscite a fare sci di fondo (con borraccia di sciroppo caldo di lamponi, ribes rosso e rabarbaro). La sauna alla fine oramai è parte di me, come lo è per Sofia il rotolarsi nuda nella neve durante la sauna.
Io ed Eleonora abbiamo sfidato "Il Muro", una pista con pendenza di 45 gradi.
Siamo passati come da tradizione da Trollskogen, il bosco dei troll, un percorso decorato da statue intagliate nel legno, e come da tradizione abbiamo pranzato scaldando i wurstel sulla brace a bordo pista (ci sono piazzole apposta).
L'anno prossimo però stiamo pensando di interrompere la tradizione e provare le Alpi.

giovedì 1 marzo 2018

Umorismo svedese

Umorismo svedese: il cartello della stradina riservata ai pedoni, in una località sciistica.

martedì 27 febbraio 2018

Un nuovo divertimento a -17

Fare le bolle di sapone a 17 gradi sotto lo zero è un modo molto facile di far divertire adulti e bambini.

lunedì 26 febbraio 2018

Piccoli momenti di felicità in settimana bianca

Prendere l'ancora in due e abbracciarsi. Con una delle figlie, o con la moglie, e guardare sull'ancora davanti le figlie che si abbracciano, che scherzano insieme, che giocano... e che anche se in barba al cartello di divieto fanno zig zag proprio non riesci a rimproverare, anzi, ti guardi con tua moglie con un sorriso di complicità e insieme si dice: "guarda cosa abbiamo fatto!"

sabato 24 febbraio 2018

Pronti per la settimana bianca

Settimana prossima le scuole nella regione di Stoccolma saranno chiuse. Sportlov. La vacanza sportiva.  Due settimane fa era il turno di Goteborg, settimana scorsa Malmö e lo Scania.
Noi la passeremo sulla neve, fra discesa e fondo. Per quest'anno ancora in Svezia, l'anno prossimo vorremmo provare le Alpi.


giovedì 22 febbraio 2018

Li ha zittiti tutti

La classe di Eleonora ha deciso che il giovedì è il giorno di una classica tradizione svedese: "fika". È un termine che indica prendere il caffè, spesso accompagnato da un dolcetto. 
La tradizione quando si invitano ospiti a casa prevede addirittura "sju sorters kakor" (sette tipi di pasticcini).
E così ogni giovedì, a turno, qualche studente porta qualcosa per fare "fika".
Oggi era il turno di Eleonora e di una sua amica, che ieri è venuta a dormire da noi.
Hanno fatto due chokladkladdkaka (torta fondente al cioccolato) e tanti biscotti ai pezzetti di cioccolato (i classici chocolate chips cookies).

Tornata a casa Eleonora ha detto che la sua classe non è mai stata così silenziosa. Tutti mangiavano in silenzio, gustandosi ciò che Eleonora e la sua amica avevano preparato. Lo hanno notato anche gli insegnanti, che hanno fatto loro molti complimenti, dicendo loro che sono riuscite a fare qualcosa di unico. 

mercoledì 21 febbraio 2018

Giornata della diversità linguistica e culturale

La giornata internazionale della lingua madre è una celebrazione indetta dall'UNESCO per il 21 febbraio di ogni anno per promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo.
Il comune di Solna ha deciso di festeggiarla con una giornata di eventi alla biblioteca di Solna Centrum. Una delle iniziative è stata far leggere/recitare/cantare i bambini che a scuola hanno l'insegnamento della lingua madre. L'insegnante di Eleonora e
Sofia ha proposto attività diverse in base alle età dei bambini. Sofia ha letto (in italiano) la quarta di copertina di Geronimo Stilton, che molti bambini qui conoscono visto che viene trasmesso dalla tv svedese. Eleonora e una sua compagna di corso hanno letto/recitato un brano dal Pinocchio di Collodi.

martedì 20 febbraio 2018

Anette a scuola con Sofia

La scuola di Sofia dà l'opportunità di passare una giornata in classe. Così Anette oggi ha fatto un giorno in classe con Sofia.
A disegno è stata usata come esempio. L'insegnante ha mostrato il disegno fatto da Anette dicendo "Vedete quanto si riesce a fare se ci si concentra su una cosa sola anziché alzarsi quindici volte per gironzolare fra i banchi e parlare con gli amichetti?".
A matematica alla domanda "Se Anette è nata nel 1973 e siamo nel 2018, quanti anni ha?" la risposta è stata "È molto molto molto vecchia!".
A svedese pare se la sia cavata molto bene. Ha poi imparato un paio di cose nuove durante l'ora di italiano (tipo la regola su quando si usa i o gli).
Ha trovato che da quando andava a scuola lei gli insegnanti hanno strumenti pedagogici molto più avanzati e che sono veramente in gamba a gestire una ventina abbondante di alunni con molta energia e in alcuni casi con difficoltà di lingua essendo arrivati da poco in Svezia.
Ha anche trovato che, purtroppo, lo sviluppo della refezione non è andato di pari passo.