giovedì 6 settembre 2012

Orientamento


Il giovedì sera nel parco di Ursvik ci si può cimentare in uno degli sport che in Svezia va per la maggiore, l'orientamento. Muniti di carta e bussola si corre nel bosco alla ricerca dei punti di controllo. È uno sport che da sempre è praticato, anche con ottimi risultati, dalla famiglia di Anette. Nonno Bosse e nonna Eivor hanno quindi deciso questa sera di venirci a trovare e di far provare questo sport a Eleonora.
Il percorso era lungo (2,6 km) con 5 controlli. A Eleonora era stato detto che avrebbe potuto smettere in qualsiasi momento. Lei però è stata tenace e ha voluto completare tutto il percorso.
Mentre Eleonora era nel bosco Sofia non ha voluto essere da meno, e quindi accompagnata da mamma Anette ha trovato anche lei la sua prima "lanterna".

13 commenti:

  1. Commento completamente random e anche un po' superficiale: ammazza quanto è bionda Eleonora! O_o

    RispondiElimina
  2. :) mi hanno parlato dell'Orientering una decina di anni fa, in Finlandia, ad Jyvaskyla. Mi spiegarono che per loro è una sorta di sport nazionale, alla stregua del calcio in Italia.
    E' proprio così? O meglio, è così anche in Svezia?

    RispondiElimina
  3. Quante iniziative che non fanno rimbambire le persone davanti alla tv. Forse inizio un po' vivere freneticamente alle porte di Milano o mi impigrisce solo l'età e la fatica di coinvolgere i miei figli da sola in attività varie?
    Roberta

    RispondiElimina
  4. Ma quanto è cresciuta Sofia!e adesso comincia ad assomigliare tanto a eleonora!K.

    RispondiElimina
  5. Che bellezza! Io pratico Orienteering in Italia e fare promozione è spesso molto difficile! Questo tipo di iniziative è frequente?

    Martina

    PS: sono venuta in Svezia per gli Europei a maggio e ho fatto le gare di contorno, che bei terreni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, sono iniziative frequenti.Qui è sport nazionale, ne scrivono i giornali e manifestazioni come 5-dagars/O-ringen sono trasmesse in diretta.

      Elimina
    2. E tu hai provato? :)

      Noi a Bologna nel nostro piccolo cerchiamo di promuovere un circuito di allenamenti invernali nei parchi, ma per andare in bosco bisogna spostarsi di più!

      Martina

      Elimina
    3. Certo che ho provato! Mi piace.

      Elimina
  6. Lo si fa anche qui in Italia l'uktimo anno della scuola elementare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui dove? L'Italia è lunga e larga e non tutte le scuole elementari hanno gli stessi programmi.
      Roberta

      Elimina
  7. Bellissimo, dovrei farlo anch'io, ne ho bisogno!

    RispondiElimina