lunedì 9 gennaio 2017

Dai loro un dito...

Oggi ero al lavoro.
Eleonora era al "tempo libero" (le lezioni iniziano mercoledì).

Mi chiama alle due del pomeriggio.
Prima telefonata: "Posso andare a casa presto, verso le tre, e Isabel viene con me?"
OK
Seconda telefonata. Dopo 5 minuti. "Può venire anche Sigrid, la sorella di Isabel?"
OK
Terza telefonata, dopo altri 5 minuti. "Va bene se viene anche Alma?"
Ok - Conosco tutte le ragazze, due sono sue compagne di classe da sei anni e la terza è nella stessa squadra di pallavolo.

Quarta telefonata. "Papà, non ho preso le chiavi questa mattina... passiamo da te in ufficio a prenderle, va bene?"

Si sono presentate in ufficio, erano passate dal super a prendere la farina senza glutine perché una delle amiche è celiaca e avevano deciso di fare merenda con una torta fatta da loro.

Si sono fermate anche a cena. Spaghettata. E con Eleonora abbiamo insegnato loro ad arrotolare gli spaghetti sulla forchetta, che vedere come li mangiavano altrimenti metteva i brividi.

1 commento:

  1. Haha concordo sui brividi nel vedere i nordici tagliare con coltello e forchetta (o peggio) spaghetti e bucatini :)

    RispondiElimina