lunedì 14 marzo 2011

Come bere acqua da un idrante

Sofia cammina, inizia qualche accenno di parola (questa mattina a colazione ha detto un "ololola" indicando la sorella che ha fatto saltellare Eleonora dalla gioia dicendo "ha detto il mio nome!!"), accenna a voler mangiare con il cucchiaio; Eleonora sta iniziando a leggere e scrivere (mi sembra di avere in casa una graffittara, ogni pezzo di carta è buono per scrivere nomi e parole), da questa mattina ha deciso che "basta trip-trapp, voglio la sedia normale" ed anche le posate sono oramai quelle da adulto.

Succede così tanto nel loro sviluppo che la voglia di non perdersi nulla mi fa sentire come se cercassi di bere acqua da un idrante: colpiti da un getto potentissimo è impossibile non perdersi qualcosa. Tu cerchi di bere il più possibile, di non perderti neanche una goccia, ma è una missione impossibile. La logica dice che uno dovrebbe godersi tutto quello che si riesce a cogliere, il cuore non accetta limiti. E la sera ci si addormenta provati dall'energia di questo idrante, sfiniti, ma con un enorme sorriso sulle labbra. L'acqua è vita, e lo sono anche queste bimbe.

18 commenti:

  1. Sto seriamente pensando che leggere questo blog mi stia facendo accelerare la velocità dell'orologio biologico. Devo spicciarmi a finire l'università. :)
    Baci ai due tesori sotto il metro (o la grande è più alta?). Grazie come sempre Stefano!

    RispondiElimina
  2. dovrebbero obbligare per legge tutti genitori a stare a casa fino ai 6 anni del bambino per non perdersi assolutemente niente della loro stupefacente e rapidissima crescita...

    RispondiElimina
  3. Dolce come sempre.
    Una domanda seria: hai mai pensato di scrivere poesie? Credo che tu abbia l'animo più adatto ...

    RispondiElimina
  4. Veroooooooo!!!!!quando penso a questo tempo che passa mi dispero. In questi 5 anni di Matilde, ho diradato al massimo le partenze per lavoro, ho lasciato perdere la poltica e gli scacchi, per non perdermi un attimo (o mi sono rincolglionito?). io e mia molgie proviamo in tutti i modi a fissare alcuni momenti: milioni di foto, videocamera sempre pronta per immortalare momenti unici, voicerecorder per le prime parole/canzoni, blocknotes dove scrivere parole, frasi, ecc, ecc ma non ci si riesce mai.
    Poi ogni tanto ti affiorano alla memoria momenti, situazioni, frasi che sembravano sepolte ma che rivivi con nitidezza. Chissà se sarà ancora così tra tanti anni o se sarà sempre il presente a dominare le nostre emozioni.
    Vorrei avere un hd in testa (deformazione professionale?) per tenerci detro tutto ma poi penso che basta gurdarla e trovarci dentro tutta la felicità che mi serve.
    p.s. chissà come sarà con la seconda, ormai ci siamo.....

    RispondiElimina
  5. Hai scritto una cosa bellissima!!!

    RispondiElimina
  6. Il mio bimbo di due anni e mezzo oramai vuole sempre i piatti dei grandi e lo stesso le posate (usa anche il coltello, anche se con alterne fortune). Resistono invece il bicchiere col beccuccio e il bavagliolino (nonché il biberon).
    Eppure vederlo crescere è bellissimo e non rimpiango quando era più piccolo, perché adesso ogni giorno ci sono occasioni di scambio e ragionamento.

    RispondiElimina
  7. La bellezza e le verità che ci hai donato stamane,mi lasciano senza parole ma tante emozioni.
    Grazie.monica

    RispondiElimina
  8. La vita dei nostri figli entra nella nostra esattamente come l'hai descritta tu, con la forza di un getto dell'idrante. E godersi ogni goccia della loro vita dovrebbe davvero essere un'imposizione di legge.

    RispondiElimina
  9. ciao, una domanda che va un pò fuori tema: visto che la nostra cara Gelmini ha avuto il coraggio di dire che gli insegnanti sono troppi rispetto al fabbisogno, e visto che la mia esperienza è che nella scuola d'infanzia il rapporto maestre/alunni è 1/25-30 bambini, sarei curiosa di sapere qual'è l'analogo rapporto in Svezia. grazie!

    RispondiElimina
  10. @Marina Eleonora è 124 cm, cosa che la fa contenta perché quest'estate a Gröna Lund, il luna park di Stoccolma, potrà provare le giostre per "i grandi"

    @Amedeo Merito delle mie muse...ma mi sa che è meglio che continui a fare il manager

    @v.scardamaglia Nome? Quando arriva? :)

    @CosmicMummy Sia Sofia che Eleonora hanno, al nido ed all'asilo, una maestra/o ogni 5 bambini. Quando inizierà la scuola ad agosto Eleonora avrà 2,5 insegnanti per 30-32 alunni. Sia l'asilo che la scuola sono comunali. Nota: Eleonora avrà anche l'ora di italiano

    RispondiElimina
  11. vuoi dire che è solo 40 cm più bassa di me che ho 27 anni? Mi sa che sarà una con le gambe lunghe... :)

    RispondiElimina
  12. Faccio un unico commento sunto a tutto ciò che ho letto dall'ultima volta che ti ho trovato del tempo per scriverti ad oggi. Siete bellissimi!!! Il video poi, l'ho apprezzato tantissimo.

    Un saluto ed un abbraccio affettuoso a te ed alle piccole. Voglio anche io 2 piccine :D

    Ma... mi chiedo... a quando l'erede maschio? :P
    Almeno abbiamo una scusa per continuarti a leggere in eterno... ehehehehehe

    Buon tutto,
    Daniele

    RispondiElimina
  13. Che super pelle d'oca questo post! Quante emozioni! Scusa la banalità ma mi hai proprio lasciata senza parole.

    Mapi

    RispondiElimina
  14. Belle le tue riflessioni, ti perdereai sicuramente qualcosa, ma quello che fanno e faranno con te, ti basterà per quando saranno grandi . . . :-)

    È sempre un piacere leggere le vostre avventure ... ed è per questo che ho deciso di assegnarti un premio . . . siccome mi è difficile arrivare fino in Svezia, passa tu da me a ritirarlo . . . ;-)

    Ciao, R

    RispondiElimina
  15. arriverà verso metà aprile e si chiamerà Giulia (nome scelto da Matilde malgrado le resistenze della mamma)

    RispondiElimina
  16. @v.scardamaglia tienici informati per favore :)

    RispondiElimina
  17. grazie per la risposta, era quello che immaginavo. se pensi che da noi sono uno ogni 25-30 bambini già alla materna, cioè a 3 anni... e hanno anche il coraggio di dire che sono troppi! forse nel terzo mondo...
    comunque, siccome sono curiosa di sapere come va nel resto d'Europa chiunque conosca la situazione degli altri paesi europei può lasciare un commento sull'ultimo post nel mio blog. grazie! ;-)

    RispondiElimina