lunedì 2 luglio 2012

Sofia prende le misure al "nuovo" asilo

Qui in Svezia luglio è il mese in cui l'industria era solita chiudere e la gente prendeva le ferie. Adesso alcune aziende hanno ferie un po' più "continentali" (ossia ad agosto), ma la maggior parte delle persone continua ad andare in vacanza a luglio, anche perché le scuole riaprono all'ultima settimana di agosto.
Durante l'estate quindi sia molte scuole che molti asili accorpano le classi per rispondere in maniera efficace al bisogno di chi necessita un posto dove lasciare i bambini ed al tempo stesso gestire la minore richiesta. 

Per Eleonora il tutto si svolge nella stessa scuola: accorpati bambini di prima e di seconda delle tre sezioni, ogni giorno fanno attività sia a scuola che fuori (musei, piscina, eccetera).

Nel caso di Sofia invece l'accorpamento è arrivato accompagnato anche da un cambio di asilo. Per evitare di tenere troppe strutture aperte, sia i bambini che le maestre dell'asilo di Sofia che non sono in ferie da oggi sono accorpati in un altro asilo (a meno di 300 metri da quello solito). Questa mattina quindi biglietti con il nome appuntati sul petto in stile conferenza sia per i bambini che per le maestre. Sofia è sembrata subito contenta del nuovo ambiente, anche perché ha incontrato nel cortile due bambini che abitano nella nostra via. Ha comunque voluto esplorare la nuova struttura ed ha preso quasi subito confidenza con il nuovo posto. Ha persino deciso di fare tutto il cortile di corsa. E così ha scoperto che dietro un gruppo di alberi c'è una piccola casetta di legno...con il tetto più basso di quella che c'è al suo asilo...talmente più basso che lo ha preso in pieno con la testa. E così adesso sulla fronte ha un piccolo bernoccolino giallo e blu che fa tanto Svezia...

3 commenti:

  1. Sempre più integrato.
    Roberta

    RispondiElimina
  2. ciao Stefano,
    adoro il tuo blog e quello che ci racconti. Gli episodi della vostra quotidianità mi fanno molto riflettere, noi genitori qui in Italia siamo travolti da talmente tante difficoltà e siamo così di corsa che spesso ci sfuggono le frasi, le espressioni dei nostri bimbi (che peccato!).
    Da te ritrovo la vera essenza dell'essere genitore.
    Un saluto in attesa di leggere nuove "chicche" delle tue bimbe.
    Mariella

    RispondiElimina