giovedì 6 giugno 2013

C'è sempre una prima volta

È successo alle dieci e mezza della sera, lei che oramai a sette anni e mezzo da qualche tempo parlava del dormire a casa di una amica o una compagna di classe. È successo mentre eravamo in tre famiglie a chiaccherare sulla terrazza dei vicini godendoci il poter stare all'aperto di sera in questo inizio di giugno che ci sta regalando delle giornate soleggiate e delle tiepide serate: Eleonora ha chiesto se poteva rimanere lì a dormire, e dopo uno scambio di sguardi con i padroni di casa la risposta è stata affermativa. E così è corsa a casa a prendere la camicia da notte e Gatto Rosa, il suo peluche preferito, si è lavata i denti e poi è tornata tutta contenta mentre io e Anette gestivamo Sofia che avrebbe voluto copiare la sorellona.

Adesso Eleonora è un paio di case in giù sulla via, a dormire per la prima volta da sola a casa di amici. Prevedo che presto verrà qualcuno a dormire da noi e che stia per iniziare il periodo delle feste in pigiama...

19 commenti:

  1. E poi verrà a dormire i fidanzati hehe preparati

    Ciao
    Magdalen

    RispondiElimina
  2. magari puoi mettere la regola che solo dal venerdì in poi, se il giorno dopo c'è scuola no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perche' deve gia mettere regole? :( e' cosi bello che va a dormire dagli amici

      magdalen

      Elimina
  3. In media io organizzo un pigiama party ogni 2 settimane, amici dei miei bimbi fino a 4 in contemporanea..
    mi diverto tanto con loro ed abbiamo iniziato quando il grande aveva 6 anni.
    L'ultimo è stato un pigiama party bimbi+mamme, un trionfo.
    Micol Morelli

    RispondiElimina
  4. Io non organizzerò mai un pigiama party. Mia figlia una volta me l'ha chiesto,ma io non l'accontento. Volevo dire,dato che Eleonora é a dormire da una sua amica,Sofia,non si sente un pò sola? Immagino che in casa vostra avreste anche una camera per gli ospiti,vero? Nella mia casa no,non ce la metterei,anche perché non abbiamo ospiti,amici o parenti che vengono qui,cioé gli amici e i parenti li vediamo molto raramente,dopo mesi! Per cui ognuno dorme a casa sua e fa prima. Ramona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei davvero un tristone terribile. Povera figliola.

      Elimina
    2. Ramona, io conoscevo una persona negli States che quando aveva 12 anni era rimasta incinta da un ragazzino un poco piu grande di lei, il motivo, che lui le portava i mcdonald's a scuola che per lei erano vietati dai genitori..
      quello che voglio spiegare che a volte i genitori devono provvedere alle trasgressioni dei figli, altrimenti i figli vanno a cercare le trasgressioni da altre parti.

      Magdalen

      Elimina
  5. Ma quindi in Svezia non mettono a dormire i bambini alle 7 come qua in Inghilterra?
    Qua sgranano gli occhi quando dico che i miei vanno a letto alle 9; poi pero' si chiedono com'e' che non si svegliano alle 5 come i loro figli, e mi invidiano molto.

    E visto che ci sono mi presento: sono una tua fedele lettrice, anch'io genitore expat (se non si fosse capito). Ho scoperto il tuo blog per caso, non ho mai commentato, ma non mi perdo un post!

    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quanto moglie di Inglese, anche a me capita di osservare gli occhi sgranati che tu citi quando dico che la pupa va a letto alle 9 e, talora, 9.30....trovo tremendo il metterli a letto alle 7 ma, si sa, paese che vai..

      Elimina
  6. io ho organizzato pigiama party senza problemi e trovo sia una cosa fantastica epr i bambini.... i miei vanno a dormire da amichetti e i fratelli che stanno a casa capiscono che il fratello o la sorella poi tornano e si dorme.... non ho stanza degli ospiti ma undivano letto comodissimo dove hanno dormito anche 4 bimbi.....

    c'è sempre un momento che ci fa capire che i figli crescono....
    ciao

    RispondiElimina
  7. Si dice "chiacchierare", non *chiaccherare.
    "godendoci il poter stare all'aperto": ma che lingua è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È poesia, ma tu sembri troppo arida per capire.
      Sandra

      Elimina
  8. *parlava del dormire: che lingua è? In italian si dice "parlava di dormire". Questi articoli che usi spesso mettere davanti agli infiniti sono brutti, errati e desueti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miiii che pesantezza la maestrina dalla penna rossa.
      Fefo è milanese e loro l'articolo lo mettono davanti a tutto (il Mario, la Giulia). Godersi solo il senso di ciò che scrive no, eh? Sarai ricca di sapere, ma povera di spirito.

      Elimina
    2. Per me parlare del "dormire a casa di qualcuno" in senso lato non è necessariamente scorretto: si parla "del più e del meno", "del futuro" eccetera. E a me, lombarda, piace. Certo, poi le talibane dell'accademia della crusca de noartri possono disquisire del fatto che nella lingua comune in molte regioni si usi il passato prossimo al posto di quello remoto, ma sono proprio certe imperfezioni a rendere bello il mondo.
      Roberta

      Elimina
  9. *italiano, ovviamente

    RispondiElimina
  10. Anche in questo bel posto arrivano gli/le acidi/e? Saranno expat di nonsolomamma? ;-)
    Prima notte fuori a 8 anni appena compiuti, mio figlio era felicissimo. E' una bella occasione per sperimentare un po' di indipendenza e confrontarsi con abitudini famigliari differenti dalle nostre.
    M.

    RispondiElimina