venerdì 13 dicembre 2013

Doppio concerto



Santa Lucia vuol dire, fra le altre cose, musica e lussebullar, i dolcetti di Santa Lucia allo zafferano (cliccare per la ricetta).

La giornata pertanto è iniziata con un concerto in azienda (dalle 8 alle 8:30) ed è continuata con lussebullar e pepparkakor (biscotti allo zenzero) a ogni macchinetta del caffè, cosa che ha spostato molte delle riunioni informali dalle stanzette interne alle varie zone con poltroncine. La maggiorparte dei colleghi erano oggi divisi in due gruppi: quelli che entravano dopo la recita dei figli svoltasi all'inizio delle lezioni, e quelli - come me - che sono usciti prima del solito per andare ad una recita che iniziava verso la fine delle lezioni.

All'asilo di Sofia il concerto è stato meno intonato di quello al lavoro, ma non per questo meno appassionante e pieno di energia; i bambini hanno infatti anche cantato, oltre ai più classici canti di Natale, anche qualche canzoncina moderna, fra le quali una chiamata Tomteboogie, il boogie di Babbo Natale, che prevede mentre la si canta di ballare piegando le ginocchia e scuotendo i fianchi proprio come nel boogie-woogie. Vedere i bambini fare quei movimenti swing ha riscaldato tutti più del glögg servito alla fine del concerto :-)

9 commenti:

  1. Bé,che dire: Vi siete tutti divertiti!
    Isabella

    RispondiElimina
  2. Allora era Sofia che nel suo asilo aveva il ruolo di Santa Lucia?
    Isabella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiunque voleva poteva esserlo. Ce n'erano diverse.

      Elimina
  3. Com'è luminosa Anette! In più di un senso! Buona santa Lucia e buon natale!

    RispondiElimina
  4. E mi sbalordisce la quantità enorme di lievito di birra che va in quei dolcetti. Proverò a farli e ti farò sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lievitazione è molto breve.

      Elimina
    2. Vero... normalmente uso il lievito fresco per pane e pizza e non ho molto la misura di come si comporti nei dolci, ma stando al mio calcolatore di fiducia (http://pizza2calc.altervista.org/pagina/index.html) con quei tempi di lievitazione, ponendo una temperatura in casa di 20-21 gradi, potrebbe bastarne una decina di grammi... d'altronde mi intriga la presenza dello zafferano e adoro l'uvetta, potrei cimentarmi!

      Elimina
    3. @anonimo: infatti, ma anche se per una volta ogni tanto non succede niente, è sempre consigliabile allungare i tempi di lievitazione e diminuire il più possibile la quantità di lievito, se ne guadagna in delicatezza del sapore e soprattutto in digeribilità.

      Elimina
  5. Ciao Stefano ti devo raccontare un sogno che ho fatto stanotte, eravamo alla festa per la nascita di Travis e c'erano un po' di invitati forse 25 o 30, e c'eravate anche tu, Anette, Eleonora e Sofia! Solo che Anette mi dice che avete invitato le 16 maestre di Eleonora e Sofia e che stavano arrivando e dovevamo fare posto e io mi agito perché non ce abbastanza cibo e posti per altre 16 persone, e Anette mi dice "le maestre hanno fatto tanto per Eleonora e Sofia, meritano la festa" e io penso "e le invita alla festa per la nascita del mio bambino, non può fare la festa lei?!"
    In tutto questo tu stavo tranquillo seduto a mangiare con le tue figlie e Mark anche stava seduto a mangiare tranquillo. Strano la festa era per il mio bambino ma lui non l'ho visto nel sogno.. Forse lo avevo già messo a dormire!
    Volevo raccontarti perché è divertente che vi ho sognato e anche che ho bisticciato con Anette!

    Ciao
    Magdalen+Travis 27+3

    RispondiElimina