lunedì 26 novembre 2012

Una domenica allo stadio "diversa"

Da qualche settimana Solna ha un nuovo stadio. Modernissimo, con il tetto che si può chiudere così anche d'ínverno ci sono 20 gradi. E così il comune ha deciso di demolire lo stadio vecchio di 75 anni, "Råsunda", che è un pezzo di storia della città. È lo stadio che vide "nascere" Pelé quando il Brasile vinse qui la coppa del mondo proprio contro la Svezia. È lo stadio che ha visto alti e bassi dell'AIK, la squadra qui di Solna. Per la città è un monumento. Solna vuol dire Råsunda e Råsunda vuol dire Solna.
I tentativi con raccolta di firme per fermarne la demolizione non sono serviti. Terreno troppo appetibile.
Però il comune ha deciso che prima di demolire lo stadio chi voleva poteva prendersene un pezzo, come ricordo. Ieri. Dalle 14:00 cancelli aperti.
Si sono, anzi, ci siamo presentati in migliaia.
Chi un pezzo di campo, chi una fila di seggiolini, chi i cartelli. La gente ha potuto prendere di tutto. E noi non siamo stati da meno: Una panchina da 3 posti e un pezzo di campo che verrà piantato in giardino. Le bimbe si sono divertite un sacco. Eleonora ha voluto una zolla tutta sua da piantare in un vaso. Sofia non ha voluto essere da meno.

14 commenti:

  1. è un peccato quando i "potenti" decidono di abbattere cose che x la gente comune sono preziose... però è bella l'idea di poter portarne a casa propria un pezzetto..

    RispondiElimina
  2. Non entro nel merito della questione, mi rendo conto anche dei benefici che la costruzione di un nuovo stadio possa portare, conosco tutti i conflitti che gli interessi economici scatenano e ai quali ormai tutto il resto viene subordinato...ma l'idea di potersi portare via un pezzo di storia, riciclare in casa una fila di panchine da stadio ed in giardino una zolla di manto erboso, la trovo un'idea grandiosa. Un riciclo su larga scala direi.
    Roberta :)

    RispondiElimina
  3. dove la mettette la panchina?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensiamo in giardino, o nella camera dei giochi :)

      Elimina
  4. Meno male che le bambine sono più attente di quanto lo sarei io, l'erba sarebbe morta nel tragitto stadio-casa...
    Roberta

    RispondiElimina
  5. Meglio demolire e ricostruire che fare come in Italia che si lascia a marcire vecchie strutture e si costruisce nuovo sempre più lontano dalla città, prendendo sempre più spazi agricoli.

    RispondiElimina
  6. Guarda qui
    http://video.repubblica.it/sport/stoccolma-lo-stadio-fatto-a-pezzi-dai-tifosi/112028/110424?ref=HREV-5

    Laperfezionestanca

    RispondiElimina
  7. L'ultimo goal al rasunda l ha segnato cavani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ero proprio dietro quella porta, con il papà, napoletano, di una compagna di classe di Eleonora. Era rigore netto.

      Elimina
  8. Sagaci. Fanno fare agli svedesi, gratis, una parte di lavoro che va fatta dagli operai: non spendono niente, anzi risparmiano, e loro son contenti.

    RispondiElimina
  9. Ti leggo da parecchio, pur senza commentare, e ti linko pure questo :)
    http://video.corriere.it/svezia-razzia-cimeli-stadio-rasunda/e0d9fee8-38be-11e2-a2c7-8d9940659020
    L'idea di spartire lo stadio tra i tifosi è troppo geniale.

    RispondiElimina