domenica 24 novembre 2013

Ore 14:24 - Prima sfornata



Oggi, visto che manca un mese a Natale, prima sfornata di biscotti allo zenzero comprese due casette di pan pepato e gli alberelli che si incastrano in modo da stare in piedi da soli. Eleonora era in tema natalizio e ha voluto usare le varie formine a forma di cuore, angelo e stella. Sofia (e mamma Anette...) hanno deciso di usare anche le altre formine, facendo così biscotti a forma di elefantino, giraffa e squalo.

Vista la quantità industriale prodotta, Eleonora e Sofia hanno deciso di fare dei piccoli sacchettini con i biscotti appena sfornati, adornarli con un bel nastro argentato, e regalarli ad alcuni vicini di casa. La cosa è stata
molto apprezzata.


39 commenti:

  1. Be', buon appetito!

    RispondiElimina
  2. Va' che son proprio belline le casine! Complimenti alle due ragassuole!
    e va beh... anche alla mammina e al babbino...
    ;-)

    RispondiElimina
  3. vabbè, ma sono delle professioniste!
    e poi mai visti quegli attrezzi fantastici e pure i ripiani per i vassoi!
    voglio tutto!
    bravi tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alberelli e stampini vari li trovi al negozio svedese famoso ovunque
      http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/10233103/
      Le forme per la casetta sono della Sveico
      http://www.orthexgroup.com/en/939870-cutter-gingerbread-house

      Elimina
    2. Grazie Fefo, ho trovato il regalo di Natale perfetto!!!! :)
      Martina

      Elimina
  4. bel lavoro !! ... comprerò sicuramente anche io le formine per gli alberelli che stanno in piedi da soli, grazie per gli indirizzi !!!

    ... notevole anche la maglietta sfoggiata da Eleonora, una mise a mezze maniche che sembra in un cotone leggerino .... sento freddo solo a guardare la foto !!!

    Sonia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, in una casa riscaldata, facendo un lavoro fisico vicino a un forno verosimilmente a 200 gradi, un pile sarebbe stato più adatto.

      Elimina
    2. Gentilissima Sandra, percepisco un leggero sarcasmo, il mio era un commento senza alcuna malizia, ero rimasta ai forni con chiusura ermetica, che riscaldano gli ambienti ma non fanno disperdere in modo eccezionale il calore, ... evidente mi sbagliavo, errore mio, do per tabulas che hai più esperienza di me in merito, grazie per la tua precisazione.

      Sonia

      Elimina
  5. Le casette son deliziose e pure gli alberi !!!

    RispondiElimina
  6. che belle foto Fefo, sembrano tratte da una rivista di country living, nel numero di Natale! Sono certa che i vostri vicini avranno apprezzato il bel gesto... a proposito, posso trasferirmi accanto a casa vostra? ;-)

    RispondiElimina
  7. Quelle case con gli alberi sembrano proprio stupende!! Mi dici quanti anni avevano quando hanno cominciato a fare queste cose? Vorrei farlo anche io con il mio bambino. Purtroppo ne io ne Mark abbiamo avuto un infanzia così è non siamo tanto esperti.

    Magdalen+Travis 24+5

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando Sofia aveva due anni già partecipava
      http://congedoparentale.blogspot.se/2011/12/la-casetta-di-pan-pepato-quasi-una.html
      Vedrai che molte cose ti verranno naturali. Te ne accorgi se è troppo presto o meno. L'importante è non caricare i bimbi di aspettative.

      Elimina
    2. Grazie Fefo mi sono stampato la ricetta dei biscotti
      Mark

      Elimina
  8. Gran bell'idea! Come si fa ad montare la casetta di panpepato?
    Isabella

    RispondiElimina
  9. Complimenti per le tue figlie,Fefo. Come sono cresciute!
    Secondo me sono più alte delle bambine della loro età.
    Se vuoi,mi puoi dire le altezze di ognuna?

    RispondiElimina
  10. 141 Eleonora e 111 Sofia, giusto? Non sono uno stalker li avevi scritto nei commenti di un altro post :)
    Magdalen+Travis 24+5

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Doveva essere in risposta a anonimo di sopra, ho sbagliato!!)

      Elimina
  11. ...e la ricetta? A me si slargano sempre i biscotti allo zenzero: non mantengono la forma...
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://congedoparentale.blogspot.se/2010/12/biscotti-e-decorazioni.html

      Elimina
    2. Grazie 1000!!! Bellissimo anche il post, proverò coi miei due piccoli (incrocio le dita)
      Ps, ma il gorgonzola era uno scherzo, vero?

      Elimina
    3. No, non è uno scherzo. Provare per credere!

      Elimina
  12. da noi il giorno di santa cecilia (22 novembre) si inaugura il periodo di natale preparando delle frittelle, dolci o salate, che si chiamano "pettole". sebbene con due giorni di ritardo, le ho fatte domenica pomeriggio con mia figlia di undici anni.

    ci sono sempre dei magici significati nel rito tutto femminile con cui due donne (o piccole donne come le tue, fefo) cuocciono qualcosa di buono per i loro cari. ripetendo gesti visti o imparati da qualcun altro (nonne o madri) si riannoda il legame con le generazione passate, o con il luogo geografico cui si sente di appartenere, e si alimenta la complicità tra "cuoche". e poi si fa qualcosa di "buono" per chi si ama.
    per noi è stato un modo per rinnovare la complicità madre/figlia, per ricordare mia mamma, che non c'è più, e ne faceva di pettole, magnifiche!, e anche per ricordare il posto da dove vengo.

    e....(non ultimo) per coccolare il maritino/papà, che ha fatto onore al nostro lavoro!

    Baci alle due cuoche provette!
    barbara b.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... alla faccia delle pari opportunità e del non cadere nei ruoli di genere ;-) Anche io ho partecipato alla preparazione e un figlio maschio avrebbe fatto lo stesso.

      Elimina
    2. A casa mia sarà il ruolo di mio marito quello di preparare l'impasto (della tua ricetta :P) e io mi divertirò a pasticciare insieme al mio cucciolo (maschietto)
      Mark cucina molto meglio di me, è capace a farmi gli arrosti pur essendo vegetariano :P :P :P
      Ecco che sono tornata a parlare solo di mangiare grazie alla panciona.
      Magdalen-mangiona+Travis-che-preparerà-i-biscotti 24+6credo non lo so ho perso il conto forse è ora che esca......... + Mark che cucina e sopporta
      (Questa passerà come la firma più lunga della storia)

      Elimina
    3. ...sarà, forse ho frainteso quell "ehm" nella tua risposta, fefo, ma vorrei precisare che:
      1) rivendico la matrilinearità di certi rituali, e la loro esclusività di genere, chiamalo pure femminismo al contrario, se vuoi, ma io alla faccia del modernismo di facciata, non intendo cedere certe mie peculiarità femminili, anzi per me sono un plus ;), non un confinamento negli stereotipi
      2) ci sono uomini che cucinano benissimo, ma è chiaro che nel mio commento non stavo parlando di "cucina";)
      3) mio marito, oltre a fare onore alla tavola, non disdegna di lavare i piatti e fare la spesa, anzi è lui che se ne occupa regolarmente, io d'altronde svolgo un lavoro di tipo "manageriale" tipicamente maschile;
      4) tutto quanto sopra ovviamente non mi impedisce di "fare" qualcosa per lui, che è quello che ho visto fare a mia madre, e nel farlo consegno a lui qualcosa di me talmente intimo e familiare che va ben oltre la semplice "gastronomia";
      5) sei stato scorretto, non ci avevi detto che anche tu avevi fatto i biscotti con le bimbe e anette;)
      ciao
      barbara b.

      Elimina
    4. Nessun fraintendimento, la mia personale opinione è che trovo anacronistico e cementizzante di certi ruoli di genere che considero un po' assurdi e che spero le mie figlie non recepiscano parlare di "matrilinearità" e di peculiarità femminili, come trovo abbastanza assurdo definire tipicamente maschile il lavoro manageriale. Come maschio mi sarei sentito privato di qualcosa se mia madre avesse insegnato a cucinare solo a mia sorella e se certe ricette fossero state trasmesse solo a lei. Per fortuna da noi a Natale tutta la famiglia è sempre stata inclusa, dal nonno (sua la ricetta del ripieno dei ravioli) a me (che faccio la pasta con l'Imperia sottilissima ;-)

      Elimina
  13. Allora, bando ai biscotti svedesi, attendo il post in cui le bimbe cucinano i ravioli del nonno, per le pari opportunità ;)
    Bb

    RispondiElimina
  14. Questo questo post e il botta e risposta di commenti mi lascia allibita. Credo che un blogger sia come un padrone di casa che apre la sua porta ai visitatori, senza giudicare, nè dare il patentino di "assurdo" a chi ha ha opinioni diverse dalle sue!
    Tanto progressismo a parole, ma poi nei fatti...
    Iris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non giudico la persona, commento solo l'affermazione in un dialogo con toni civili. Secondo me dire che il lavoro manageriale è tipicamente maschile è a mio modo di vedere assurdo, che vuol dire contrario alla logica.

      Elimina
    2. Fefo non perdere tempo con le troll. Lo hai scritto chiaramente che sono i ruoli di genere che tu consideri un po' assurdi, non chi lo ha scritto. Hai un blog aperto a tutti dove anzi molti approfittano del fatto di credere di essere anonimi, ma io credo che tu dall'indirizzo IP sappia che chi scrive certi commenti probabilmente è la stessa persona che diceva di scrivere da un'altra nazione ;-)

      Elimina
  15. Il punto è che fefo è subito passato ad etichettare quello che ha scritto barbara come tipico dei ruoli di genere: in questo ha dimostrato di dare un giudizio. Magari Barbara voleva dire un'altra cosa... Come ci si puó permettere di dare giudizi se si tiene un blog dove per definizione ciascuno puó dire la sua?
    Iris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra che Barbara nel dialogo si sia spiegata benissimo, e scrive proprio "chiamalo pure femminismo al contrario", quindi smettila di fare la troll che ci hai rotto le ovaie. Che ognuno possa dire la sua senza venir censurato (e in questo Fefo è bravissimo a lasciare spazio e non mettere tutto in moderazione) non vuol dire che non ci possa essere un dialogo e uno scambio di idee. Se scrivo ad esempio che sono favorevole o contraria ai ceffoni ai bambini come metodo educativo è chiaro che chi legge giudica e commenta! Chi l'ha detto poi che ognuno può dire la sua? Questo è il SUO diario, la SUA casa, dove io e te possiamo entrare come anonime. Sono proprio i troll che fanno si che molti blogger decidano di moderare tutti i commenti e di far commentare solo gli utenti registrati.

      Elimina
  16. Chi sei, che non firmi ?
    Iris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara poi parla di femminismo al contrario solo dopo solo dopo che fefo le ha rimproverato "alla faccia delle pari opportunità e del non cadere nei ruoli di genere": insomma è stata imbeccata da fefo che mi sembra le faccia una lezione, questo mi sembra addirittura poco educato
      Iris

      Elimina
    2. Leggi bene spaccaovaie. Barbara parla di "rito tutto femminile", di "nonne o madri" di "madre/figlia" e di "coccolare il maritino/papà". Non è genere questo? Chissà cosa ci proverai a fare la troll e provocare.
      Iris 1 (mi chiamo così anch'io...)

      Elimina
  17. Ah sei iris 1, per un momento ho pensato fossi fefo in persona....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io quando scrivo mi firmo, sono un utente registrato. Lo fai anche tu? ;-)

      Elimina
  18. Beh potresti Anche scrivere da un altro pc
    Ps: Era chiaro chi ero, dato che sí ricollegava alla alla domanda precedente!

    RispondiElimina