giovedì 7 novembre 2013

Pragmatismo svedese

Questa sera la riunione degli allenatori di calcio della squadra di Eleonora si è svolta a casa nostra. Farli venire da noi è stato facile, è bastato dire che gli avrei fatto la carbonara. Mentre si pianificava un po' la prossima stagione è saltata fuori l'idea di portare le bimbe a una trasferta che faccia dormire fuori tutta la squadra, così da creare ancora di più il gruppo. Io ho quindi chiesto se pensassero a una cosa del tipo che ogni bambina dorme a casa di una delle squadra ospitante o se l'idea fosse di usare parte della cassa per pagare l'albergo o un ostello. Tutti e tre mi hanno guardato e all'unisono hanno detto che pensavano molto più semplicemente a materassini e sacchi a pelo e dormire in una palestra. In alternativa a 120 km da Stoccolma c'è "Barnens Ö" (l'Isola dei Bambini), un'isola con 400 bungalow di tutte le dimensioni dedicata a dare uno spazio ricreativo ai bambini a prezzi proprio accessibili (meno dell'equivalente di una quindicina di euro a notte a testa).

Credo che Eleonora e le sue compagne di squadra si divertiranno davvero tanto.

15 commenti:

  1. secondo me il pragmatismo nordico é evidente nella ö che sta per isola: il massimo risultato con il minimo spreco di energie! Parola più breve non si poteva coniare ;)
    Buonanotte
    Barbara b.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti hai ragione Barbara, Ö= isola, barn= bambino/ bambina/bambini, e il suffisso "ens" non so che casa vuol dire, forse,secondo me determina il plurale ed il singolare della parola che c'é attaccata a questo suffisso,prima. Non ci giurerei.....
      Chiedo il parere di Fefo.
      Anita

      Elimina
    2. Parere? Ma la grammatica non è un opinione.
      Barn è neutro, e finisce per consonante, quindi Barnet = il bambino e Barnen = i bambini. Poi c'è la s del genitivo visto che è "dei bambini", quindi barnens.

      http://it.wikipedia.org/wiki/Lingua_svedese

      Elimina
    3. Grazie Per il link Fefo.
      Anita

      Elimina
  2. Comunque vada, secondo me a dormire fuori tutte insieme si divertiranno un mondo, qualunque location scegliate :)

    RispondiElimina
  3. e siamo contenti.
    ma parliamo di ciò che realmente conta: come è venuta, la carbonara?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno leccato il piatto! Grazie per la ricetta romanesca. ;-)

      Elimina
  4. beh e a noi, la ricetta romanesca? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decide "Pillow" (commento sopra) se condividerla. Non vorrei rivelare quello che magari è un segreto di famiglia che mi è stato passato solo per amicizia.

      Elimina
    2. Non saprei il resto, ma il guanciale nella carbonara romanesca è imprescindibile!

      Elimina
  5. Eccolo, il resto:
    http://ilcuoreinpasto.iobloggo.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazio Cuscino per la ricetta - la ricetta "professionale" che conoscevo io richiedeva la cipolla e permetteva la pancetta; non molto soddisfacente.

      Elimina
  6. "Avrei fatto loro" non "gli avrei fatto" :)
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... uffffff... pesaaaante!!

      Elimina