martedì 19 maggio 2015

Riunione e bustone

Prima riunione alla scuola elementare dove Sofia inizierà il primo anno dopo le vacanze estive.

La prima notizia è stata quella della formazione delle classi. È nella stessa sezione di Eleonora. Rispetto a quando iniziò Eleonora c'è stato un cambio nel formare le classi. All'epoca dividevano i bambini provenienti dalla stessa classe all'asilo in piccoli gruppi nelle diverse sezioni. Adesso invece Sofia ritroverà nella propria sezione tutti i suoi attuali compagni di classe che andranno nella sua scuola. Sono quattro o cinque.

Alla riunione è stato consegnata anche una busta con del materiale da leggere, dal come si svolgerà l'inserimento (due giorni, il primo di un'ora e mezza nella quale è preferibile la presenza di un genitore, il secondo di quattro ore seguite dalla refezione) alla fotocopia di un articolo di giornale con l'intervista a una psicologa sul come i bambini possono vivere il passaggio alla scuola e su come i genitori possono aiutarli, ai vari moduli, tipo quello per l'iscrizione al doposcuola e quello per l'insegnamento della seconda lingua parlata in casa.

Prima lezione il 19 agosto. Fra esattamente tre mesi si inizia!

12 commenti:

  1. E se al primo giorno vogliono partecipare tutti e due i genitori lo possono fare?

    Magdalen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso di si, ma credo sia superfluo e un po' esagerato :-)

      Elimina
  2. Ciao Stefano ma da voi la scuola provvede al pranzo/merenda o dovete preparare voi il lunch bag come qui da noi ? Ciao. Rita da Dublino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scuola provvede gratuitamente.
      O meglio, il servizio è finanziato tramite le politica fiscale.

      Elimina
  3. Mi ha incuriosito il riferimento alla seconda lingua parlata in casa... E' una cosa diffusa in Svezia (o Stoccolma) o semplicemente perchè Sofia frequenterà una scuola bilingue? M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sofia frequenterà una normalissima scuola comunale. I bambini ne hanno diritto se nel comune ci sono almeno cinque bambini che ne facciano richiesta. Nel nostro comune vengono date ore di sostegno ad un migliaio di bambini in 24 lingue diverse.

      Elimina
    2. veramente una cosa stupenda. Quanto vorrei esistesse anche qui in California :(

      Elimina
  4. E' un'ottima idea in effetti, che ho scoperto esserci anche in Svizzera. D'altra parte in un paese ad altissima immigrazione come la Svizzera e' quasi vista come una necessita' per favorire l'integrazione sociale. Sarebbe un'ottima cosa anche in Italia, ma immagino, con i problemi attuali della scuola, non sia proprio in primo piano..

    RispondiElimina
  5. In Italia sarebbe già un successo se esistesse un vero programma di insegnamento dell'italiano ai bambini stranieri :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O ai bambini italiani.

      Elimina
  6. Mi fa sempre senso vedere che le scuole cominciano a metà agosto, anziché a inizio o metà settembre. Sembra sempre che manchi qualcosa.

    RispondiElimina