lunedì 7 novembre 2011

Quando uno se le va a cercare...

La campanella dell'inizio delle lezioni a scuola di Eleonora suona alle 8:30.
Di solito lascio Eleonora a scuola fra le 8:15 e le 8:20.
Oggi è entrata praticamente mentre suonava la campanella.
E questo nonostante la sveglia in tempo, i vestiti di entrambe le bimbe già preparati (da mamma Anette che è riuscita anche a fare jogging mentre il resto della famiglia ancora dormiva) e la colazione senza particolari rallentamenti.
Il motivo del ritardo è stato un mio suggerimento ad Eleonora: "Ti faccio la treccia speciale? Quella con due trecce che diventano una".
Chiaramente lei mi ha detto di sì.
Lezione imparata: Mai fare certe domande al mattino se si hanno solo dieci minuti di margine...

22 commenti:

  1. Mio marito in 10 minuti riesce a ....metterle il fermaglio sulla frangia e di traverso!

    RispondiElimina
  2. Proprio bella ma al mattino impensabile!!

    RispondiElimina
  3. che carino che sei, mio padre al massimo mi guardava in faccia quando mi portava a scuola...

    RispondiElimina
  4. Dai, non mi dire che fai anche le trecce alle figlie! Ma sei un mito! Mio marito figlie le porterebbe a scuola senza neanche averle pettinate...

    RispondiElimina
  5. Ma sei proprio... un mammo!
    Sarei curiosa di conoscere meglio mamma Anette, e sapere che tipo è...!
    P

    RispondiElimina
  6. @P Noooo...aborro la parola "mammo"! Sono un papà! Mammo mi sembra sessista, quasi denigrante della mia dignità di padre, di genitore, di uomo. Che poi le trecce imparai a farle agli scout.
    Che tipo è Anette? Beh, a gennaio sarà 16 anni che siamo insieme, quindi quando dico che è fantastica sono un po' di parte...

    RispondiElimina
  7. Io, invece, vorrei conoscere...TUA MAMMA!
    Corso di specializzazione dalla mamma di fefo (poi i miei due figli maschi faranno le trecce alle loro figlie femmine e dopo 16 anni di comunione amorosa diranno 'lei è fantastica'. Non conosco futuro più luminoso!)
    Mari
    (passami il numero subito)

    RispondiElimina
  8. Ma non è che hai un fratello single . . .

    RispondiElimina
  9. mi piace molto che non ti piace la parola mammo!

    E anche io sono indiscretamente curiosa di conoscere virtualmente la tua mamma! Ma forse ancor piu' il tuo papa'...
    Quanta e' stata la tua educazione e quanta l'influenza culturale, a influenzare il papa' e l'uomo che sei?

    Si lo so vengo sempre qui con troppi punti interrogativi, spero non ti dia noia, altirmenti mi do una regolata...

    RispondiElimina
  10. Ah questi papà :-) ogni tanto a leggerti mi viene in mente mio marito, anche se lui in realtà non so se sappia fare le trecce, e comunque per il momento la nostra bimba ha i capelli troppo corti per fargli fare un test !

    RispondiElimina
  11. Quoto chi fa i complimenti ai tuoi genitori. In fondo, buona parte di noi è il risultato dell'educazione ricevuta.
    Dopo questo post, sono contenta di avere due maschi, che rapo con la macchinetta.
    Roberta

    RispondiElimina
  12. Oltre che dalla mia "storia", credo di venire influenzato quotidianamente nel papà e nell'uomo che sono dalla famiglia, dalla cultura in cui vivo (quella svedese, paese con gender gap fra i più piccoli al mondo), da Anette (che in uno dei miei primi viaggi da lei in Svezia si rifiutò di stirarmi una camicia mettendo subito certe regole in chiaro - poi nel tempo me ne ha stirate tante e mi ha fatto anche come regalo di Natale un buono valido per tot camicie), da letture come il libro della Lipperini "Ancora dalla parte delle bambine", dalle riflessioni che nascono dal tenere questo blog e dal leggere i commenti.

    RispondiElimina
  13. che bravo papà sei, ce ne fossero di più così!!
    Ancora dalla parte delle bambine è un ottimo libro, lo consiglio anche io alle amiche mamme, bravo di nuovo!

    RispondiElimina
  14. Se pasticciare i capelli è una cosa che ti rilassa e piace alla tua Raperonzola puoi entrare nel tunnel (creano dipendenza, ti avviso) dei tutorials su you tube. Ho un paio di nomi da consigliarti se ti interessa... a volte fanno delle cose molto molto difficili, ma altre volte con pochissimo fanno vedere come si creano acconciature diverse dal solito, pratiche e carine.

    RispondiElimina
  15. @MarinaMarea linka, linka, grazie :-)

    RispondiElimina
  16. I primi tre sono canali di adulte, che spesso fanno acconciature che vanno bene anche per le bimbe, a volte sono molto complicate, a volte sono facili e d'effetto, gli altri due sono canali di acconciature per bambine, poi cercando ne troverai altri, magari più vicini al tuo gusto o con persone che ti stanno più simpatiche, ognuno ha le sue preferenze.

    http://www.youtube.com/user/LaDollyVita33
    http://www.youtube.com/user/torrinpaige
    http://www.youtube.com/user/lilithedarkmoon (è un po' robotica ma brava)

    http://www.youtube.com/user/hair4myprincess
    http://www.youtube.com/user/CuteGirlsHairstyles

    RispondiElimina
  17. Grande Anette! Il buono per stirare un tot di camicie è fantastico, lo proporrò anch'io ;-)

    RispondiElimina
  18. Quante cose in comune... Voi 16 anni noi 18!!!, il libro della Lipperini che sto leggendo anche se con grandi pause, ne ho bisogno per inglobare correttamente tutti i concetti... ;-), mio marito per me un Papà con la super P!!! ... manca la Svezia... Sarebbe un sogno vivere lì... Grazie di condividere con noi le tue esperienze, è bello sapere chè esistono persone come voi, determinate e con ideali ben precisi. Ce ne vorrebbero un pò di più anche qui in Italia!

    RispondiElimina
  19. A me le trecce le faceva mio nonno, e io sono del '74, fatevi due conti. in effetti mio nonno faceva anche la spesa, cucinava (preparava un ragù che mai più nella vita!), stirava e si occupava di me con una devozione senza limiti, che spero di aver ricambiato almeno un po' quando sono stata io a occuparmi di lui.

    Ah sì, sopra agli elastici delle trecce mi arrotolava due margherite di stoffa, quelle con il filo metallico in fondo, credo le avesse recuperate dai sacchetti di confetti di qualche comunione :-)

    Ciao nonno, mi manchi tanto tanto...

    RispondiElimina
  20. complimenti uomo, papà e marito Stefano!sensibilità, amore, energia!
    c omplimenti anche ai tuoi genitori!
    Anche io vorrei sapere di Annette!
    penso che avrei da imparare molto!

    RispondiElimina