domenica 8 maggio 2011

Crescono anche i gusti

Sofia sta crescendo anche nei gusti. Vuole provare tutto ciò che mangiamo noi, e vuole imitarci. È arrivato l'olio di colza dello Skåne? Quello pressato a freddo che sa di noci? Impossibile non farglielo provare. Se noi facciamo un pinzimonio lei non vuole essere da meno, e se pucciamo deve pucciare anche lei. I gusti forti e decisi non la spaventano assolutamente, anzi, a volte li predilige decisamente ai gusti più delicati. A colazione "richiede esplicitamente" (nel senso che ti prende per mano, ti porta al frigo, te lo fa aprire ed indica) lo yogurt ai lamponi o quello al naturale dal gusto un po' acidulo. Adora la schiuma del cappuccino e pucciare il ditino nel mio caffè. E fra due mesi si va in Italia per le vacanze. Chissà quanti gusti di gelato riusciremo a provare in un mesetto? 

13 commenti:

  1. Che tenerezza questi piccoli esserini,il mondo per loro ogni giorno e' una scoperta ,rimango incantata dai gesti e dal candore dei loro volti,
    Il bello e' che poi riescono sempre a stupirti anche quando sono un po piu grandi.peccato esere presi dalla frenesia della quotidianita' enon godere sempre appieno delle meraviglie che ogni giorno ci regalano. Buona festa della mamma auguri a tutte !

    RispondiElimina
  2. Come sono avanti le bambine . . .il PiccoloLord, ha imparato da una settimana a prendermi la mano, acccompagnarmi alla porta della cucina e accostarmela ripetutamente, per farmi capire che vuole uscire nel prato intorno casa . . . per la pappa, si accontenta ancora di quello che passa il convento! ;-)

    Ciao, R

    PS, PiccoloLord è di poco più grande della Sofia, ma nonspiccica parola, solo 3 vocali! E tanti sorrisi! ;-)

    RispondiElimina
  3. Le guancette di Sofia sono proprio da acchiappabaci ! Smack!
    Ciao! Monica

    RispondiElimina
  4. Le guanciotte della cucciola sono sempre così rosee da sembrare ricoperte di phard :D

    In realtà la cosa che mi interessa parecchio è come si trova tuo nipote ad Uppsala: senza sapere lo svedese sta seguendo le lezioni là? Stare uno-due mesi in un paese non-anglofono è un tipo di esperienza che mi ispira tantissimo e mi mangio le mani di non poterla fare, se poi penso che ho disertato l'anno di studio negli USA mi sbatterei la testa contro il muro!

    RispondiElimina
  5. @17enne, basta che pazienti ancora due anni e poi potrai partire per l'Erasmus se vorrai fare l'università. da 3 a 12 mesi in un paese europeo e di anglofono in europa c'è uno stato solo: io sono stata in Francia 9 mesi. sono tornata un anno fa e mi manca un sacco.
    La pupa è uno spasso, anche Eleonora nelle foto di ieri ma blogspot non mi faceva commentare!

    RispondiElimina
  6. Ma l'Erasmus è una cosa diversissima. Comunque se farò l'università la farò negli USA, quindi niente Erasmus per principio!

    RispondiElimina
  7. @17enne Si trova benissimo! Ieri a metà del pomeriggio siamo finiti in mezzo ad un folto gruppo di studenti svedesi ed italiani in un parco sulle rive del Fyrisån, il fiume che attraversa Uppsala. Il programma prevede sia attività didattiche che sociali. Seguono solo alcune lezioni. La cose che sembra impressionare di più gli studenti italiani sembrano essere le infrastrutture ed i laboratori per la qualità e la quantità delle attrezzature e delle risorse (computer, strumenti, eccetera).

    RispondiElimina
  8. Accidenti lo invidio da matti! Ti ha per caso detto cosa invece ha colpito gli studenti svedesi dell'Italia? Curiosissima me :-)

    RispondiElimina
  9. @17enne Chiedo e ti faccio sapere :)

    RispondiElimina
  10. Non so in quali parti dell'Italia trascorrerete le vacanze ma ovunque ci saranno cibi "esotici" per le bimbe da scoprire, dalle orecchiette alle cime di rapa ai pizzoccheri valtellinesi, per fermarmi solo ai primi. Ben vengano i genitori che non limitano le esperienze sensoriali in cucina per i figli in crescita.
    Roberta

    RispondiElimina
  11. In Erasmus la cosa diversa è che sei solo "contro il mondo", negli scambi delle superiori parti e vai da una famiglia, con un'associazione che ti segue ecc ecc. In Erasmus no: vai e ti butti. Fai i corsi che fanno loro là, dai gli esami nello stesso modo, hai lo stesso loro programma da studiare... Ed è interessante sentirsi stranieri, immigrati in un altro posto. Bello veramente.

    RispondiElimina
  12. E se le portate a Sulmona (dove sono io ) faremo provare loro anche i ...confetti !

    RispondiElimina